Skip to content

La scommessa del brevetto europeo con effetto unitario: rivoluzione epocale od occasione mancata?

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppina D'auria
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Roberto Rosapepe
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 206

Il 17 dicembre 2012 il Parlamento europeo approva i due regolamenti (nn. 1257 e 1260) di implementazione della cooperazione rafforzata in materia di protezione brevettuale unitaria: tale avvenimento segna la nascita del brevetto europeo con effetto unitario, seguita a breve distanza dall’istituzione, mediante accordo internazionale, del Tribunale unificato dei brevetti.
Il presente lavoro intende fornire una chiave di lettura della nuova disciplina uniforme, attraverso l’analisi specifica degli elementi distintivi e dei risvolti problematici che la normativa reca con sé. Si parte dal riferire le cause profonde dell’intervento legislativo in esame, esaminando, per prima cosa, i fondamenti dogmatici dell’istituto brevettuale e le trasformazioni da esso subite.
In un’economia capitalistica in cui l’attività inventiva è diventata routinaria per le imprese che intendono restare sul mercato, l’importanza del brevetto è cresciuta a dismisura, costituendo il principale presidio contro gli attacchi dei free riders.
Ma l’interpretazione dei contenuti del fascicolo brevettuale non risulta ancora armonizzata a livello sovranazionale e ciò non consente agli stakeholders di conoscere i limiti del diritto di esclusiva.
Inoltre, la protezione brevettuale in Europa è oggi limitata al territorio sul quale si estende la sovranità di ogni singolo Stato membro. Tale principio era accettabile in un’economia di tipo rudimentale; ma in un mondo caratterizzato dall’intensificarsi inarrestabile degli scambi e dalla dematerializzazione delle attività economiche, la protezione ristretta al livello territoriale non è più sufficiente. Non è più sufficiente per beni come le invenzioni e la conoscenza, che naturalmente non conoscono confini. Non lo è più nel momento in cui il territorio (limitato) su cui opera la protezione, non corrisponde più al mercato (globalizzato) nel quale il patent owner può recuperare i suoi investimenti.
Per consentire ai Paesi europei di integrarsi nel processo economico di sviluppo globale, è divenuto indispensabile armonizzare i loro sistemi brevettuali.
Al fine di comprendere quale delle diverse soluzioni prospettate sia la più auspicabile, è sembrato utile fornire al lettore uno spaccato dei numerosi tentativi intrapresi negli anni per introdurre un titolo brevettuale comunitario. Per ognuno di essi, è risultato inevitabile il richiamo alle singole disfunzioni del sistema brevettuale vigente che ciascuna proposta ha cercato di arginare o eliminare del tutto. Nello specifico, sono stati individuati due principali puncta dolentia del brevetto europeo: da un lato, l’assenza di un titolo unitario, direttamente efficace in tutti gli Stati membri e, dall’altro, l’assenza di una giurisdizione unitaria, in grado di garantire l’uniforme applicazione del diritto.
Lo sforzo interpretativo compiuto nel presente contributo intende veicolare l’idea che l’integrazione differenziata possa avere successo solo se accompagnata da un forte senso di solidarietà tra gli Stati membri: la vicenda della tutela brevettuale unitaria ha dato vita - più che a una cooperazione rafforzata - a forme di ‘coercizione coordinata’ o ‘cooperazione forzata’. Resta fondamentale, in questo scenario, continuare a preservare i principi fondamentali dell’ordine costituzionale europeo (primazia, effetto diretto, interpretazione uniforme, non-discriminazione), anche e soprattutto al ricorrere di episodi di asimmetria nel processo di normazione.
Ampio spazio è dedicato, poi, alla disamina dell’impatto che il pacchetto sulla protezione brevettuale unitaria avrà sui singoli istituti di diritto industriale coinvolti (o assenti) nella nuova normativa: da un lato, vengono passate in rassegna le previsioni già armonizzate a livello sovranazionale nella Convenzione sul brevetto europeo, per suggerire una linea interpretativa che si adatti al brevetto unitario; dall’altro, si presta attenzione agli istituti non armonizzati, perché demandati alla disciplina nazionale.
Una particolare attenzione è dedicata ai rapporti tra licenze volontarie e diritto della concorrenza dell’Unione europea: talune clausole dei contratti di licenza potrebbero nascondere forme di abuso di posizione dominante; talaltre, espressamente ritenute illecite dal diritto europeo, potrebbero invece produrre utili effetti pro-concorrenziali: il riferimento è alle clausole di no-challenge e di grant-back.
Infine, viene prospettata una sintesi problematica dell’intera vicenda nelle Conclusioni, con lo sguardo rivolto, in modo particolare, alla situazione italiana, al suo peculiare tessuto produttivo e alla politica industriale degli ultimi decenni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Abbreviazioni e definizioni ACP Agreement on Community Patent CAFC Court of Appeal for the Federal Circuit CJEU Court of Justice of the European Union CGUE Corte di Giustizia dell’Unione europea CPC Community Patent Convention CBC Convenzione sul brevetto comunitario ECHR European Court of Human Rights CEDU Corte europea dei diritti dell’uomo EPC European Patent Convention CBE Convenzione sul brevetto europeo EPN European Patent Network EPO European Patent Office UEB Ufficio europeo dei brevetti EU European Union UE Unione europea FRAND terms Fair, reasonable and non- discriminatory terms IP Intellectual property PI Proprietà intellettuale JPO Japan Patent Office NPO National Patent Office OHIM Office for Harmonization in the Internal Market UAMI Ufficio per l’armonizzazione del mer- cato interno PCT Patent Co-operation Treaty PPH Patent Prosecution Highway R&D Research & Development R&S Ricerca e sviluppo SMEs Small and Medium Enterprises PMI Piccole e medie imprese TRIPs Agreement Agreement on Trade-Related Aspects of Intellectual Property Rights UPCt Agreement Unified Patent Court Agreement Accordo TUB Accordo sul Tribunale Unificato dei brevetti UPP Utilisation Pilot Project UPP Unitary Patent Protection USPTO United States Patent and Trademark Office WTO World Trade Organization OMC Organizzazione mondiale del commercio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi