Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Note sulla cinematografia dantesca. Dal 2000 ad oggi

Il presente elaborato è un accurato studio della cinematografia contemporanea (dal 2000 al 2015) incentrata sulla figura di Dante e la sua opera maggiore, la "Commedia".
Citazioni, riferimenti e trasposizioni cinematografiche e televisive costituiscono il focus della ricerca che vuole sottolineare il continuo debito della società moderna nei confronti del Grande Poeta.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione In questa ricerca, Note sulla cinematografia dantesca, vuole prendere in esame le modalità e i tempi con i quali la produzione cinematografica, televisiva e d’animazione contemporanea degli ultimi quindici anni si riferisce al personaggio simbolo di una letteratura florida e apprezzata in ogni angolo del pianeta, Dante e la sua opera maggiore, la Commedia. Fin dai primi studi effettuati, è chiaro come la prima cantica, l’Inferno sia la piø saccheggiata dai registi e produttori in quanto colma di personaggi e situazioni che ben si adattano ad essere rappresentati con il linguaggio cinematografico moderno. La ricerca è stata estesa non solo ai film e alle serie televisive italiane, prodotte con maggior frequenza solamente negli ultimi due anni in ricordo del 750° anniversario della nascita del Poeta, ma all’intera produzione cinematografica mondiale, per mostrare una panoramica del fenomeno piø ampia possibile. I titoli qui riportati suggeriscono che il continente piø attivo nella ricezione e nel ri-uso di Dante e della Commedia sia l’America, oltre che l’Europa – con produzioni tedesche francesi, anglosassoni; diversa invece la concezione e soprattutto la raffigurazione di Dante nel mondo orientale dove spopolano i manga e gli anime - trasposizioni cinematografiche d’animazione giapponesi. Considerando quanto sia vivace la produzione cinematografica mondiale, è difficile avere il quadro completo della situazione sia da un punto di vista sincronico che diacronico, dal momento che ad oggi non esiste nØ sul web tantomeno su supporto cartaceo, una raccolta completa ed esaustiva di film, cartoni animati e serie televisive incentrate sulle parole, sui personaggi e sulle scenografie lasciateci da Dante. E’ proprio per sopperire alla mancanza di uno strumento puntuale e aggiornato che la presente tesi interviene, cercando di fornire una visione complessiva ed organica della situazione del cinema contemporaneo che abbia come protagonista – dichiarato o semplicemente citato – Dante e i topoi letterari derivati dal suo illustris labor. Nella prima parte si vogliono delineare le considerazioni generali sul rapporto tra cinema e letteratura, oggetto di diversi studi e saggi critici italiani ed esteri qui presi

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisa Dotti Contatta »

Composta da 267 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 391 click dal 25/03/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.