Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nazionalismo e minoranze etniche: la Repubblica di Macedonia tra questione greca e multietnicità

La Repubblica di Macedonia, paese nato in seguito all'implosione della Jugoslavia, ha sempre sofferto degli stessi problemi che hanno colpito tutti gli altri paesi facenti parte della Jugoslavia, pur non avendo subito le stesse conseguenze e senza aver dovuto combattere una vera e propria guerra.
Un forte nazionalismo macedone nasce per due differenti motivi: la contrapposizione con la Grecia che riguarda l'origine stessa della Macedonia e i "diritti d'autore" sul nome; la contrapposizione tra macedoni ortodossi e la minoranza etnica albanese e musulmana, i rapporti con la quale non sono mai stati idilliaci.
Nel primo capitolo ci si concentrerà sui concetti di nazionalismo e nazionalismo etnico; nel secondo su quelli di minoranza e minoranze etniche; mentre il terzo sarà il cuore vero della ricerca, ovvero si racconterà e spiegherà quello che è successo e che succede oggi in Macedonia, come sono nate certe contrapposizioni, quello che è il pensiero dei Macedoni (questionario) e come si potrebbe trovare una via per far cessare tali contrapposizioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Negli ultimi sette anni ho avuto l'occasione e la fortuna di conoscere, apprendere e apprezzare da vicino la cultura macedone. In questo periodo, anche grazie all'occasionale permanenza in Macedonia, mi sono avvicinato a una terra, un popolo e una cultura che fino ad allora erano per me sconosciuti. Convivere con una cultura e con un mondo per me nuovi mi ha permesso di pormi alcune domande a cui cercherò di dare, e darmi, delle risposte. Tali domande si concentravano e si concentrano tutt'ora sulle motivazioni che spingono il popolo macedone ad essere così chiuso in se stesso e nella propria comunità, sul perchè debba essere così nazionalista e su come possa provare un sentimento d'odio così acceso nei confronti della minoranza albanese presente nel paese. Affermazioni come ''gli albanesi sono cattivi'', ''pretendono di comandare nel nostro paese'', ''la Macedonia è ortodossa, loro sono musulmani'', ''mia figlia non sposerà mai un albanese'', “ci rubano il lavoro” sono all'ordine del giorno e la visione nazionalista di questo popolo è altrettanto evidente nei confronti dei paesi confinanti, soprattutto verso la Grecia, con la quale è in atto, ancora oggi, un contenzioso lungo più di vent'anni. L'evidenza di tale nazionalismo suonava e suona nella mia testa come assurda, soprattutto perchè la Macedonia è un paese di recentissima formazione nazionale, come vedremo più avanti. Tali pregiudizi razzisti echeggiano come potenzialmente preoccupanti data la fragilità della penisola balcanica ed è per questo, chiedendomi il motivo di tutto ciò, che ho deciso di informarmi e di scavare a fondo nella storia e nella multietnicità dell'ex Repubblica jugoslava per conoscere e capire la provenienza di tale odio che scorre e appartiene, almeno per quanto ho potuto riscontrare di persona, a tutti i macedoni – slavi e ortodossi – che ho potuto incontrare e conoscere dal 2007 a oggi. Pur scontrandomi ogni giorno, in Italia, con pregiudizi, stereotipi, discriminazioni gratuite e razziste – al bar sotto casa, sul pullman, in TV, per strada – non credevo possibile che tutto ciò potesse essere così fortemente radicato in un'intera popolazione, 5

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gianluca Marino Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 253 click dal 05/04/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.