Skip to content

Vertical Farm: perspective of development

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Franchini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Economia
  Corso: International Business & Development
  Relatore: Paolo Fabbri
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 119

A unique concept for different realities

Strictly speaking, the concept of "vertical farm" refers to the practice of producing food in vertical, integrated or not in other facilities specially built or preexisting. In this perspective the vertical farm is therefore predominantly urban agricultural company, or placed in urban areas, which develops vertically and uses specific cultural, organizational and commercial techniques.
Recent trends, however, tend to extend the concept to many and different production methods, which share the choice of using the space vertically, to four fundamental and incontrovertible evidences:
- the deterioration of agricultural soils, linked to intensive production techniques;
- the growing demand for food due to the steady growth of the world population, which increases at the rate of 80 million people a year;
- the continuing growth of the urban population: it is estimated that in 2050 nearly 80% of the earth's population will reside in urban centers, resulting in exponential expansion of soil artificialisation;
- the rapid climate change, which causes the increase of desertification and the rising of sea levels, which could decrease the arable land.

Therefore fall into the category of vertical farm also all those cultivation methods based on the exploitation of the vertical dimension, as the vegetable gardens on the rooftop, green wall and vegetable gardens implemented on balconies or terraces of varying width.
Said that, each of them requires owns techniques and organizations, responding to different needs and a different historical and operational development, in the present work we take into consideration their specific problems, with particular attention, however, to the industrial vertical farms, trying to put light on whether and to what extent they can be a real sustainable response to the growing need for food, as their most important theoretical, the American Dickson Despommier, states. The illustrious professor of microbiology and Public Health at Columbia University in New York, with his book The Vertical Farm (2010), laid the theoretical foundations of the innovative urban vertical farming methods designed to «feeding the world in the 21st Century».
The question is whether the enthusiastic optimism Despommier can find concrete and advantageous embodiment and if the vertical farm can actually become «the next big thing for food and tech», as defining the business television channel CNBC, capable of representing a possible solution of the problems highlighted, or remain a fascinating, but not sustainable idea.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUCTION A unique concept for different realities Strictly speaking, the concept of "vertical farm" refers to the practice of producing food in vertical, integrated or not in other facilities specially built or preexisting. In this perspective the vertical farm is therefore predominantly urban agricultural company, or placed in urban areas, which develops vertically and uses specific cultural, organizational and commercial techniques. Recent trends, however, tend to extend the concept to many and different production methods, which share the choice of using the space vertically, to four fundamental and incontrovertible evidences: ➢ the deterioration of agricultural soils, linked to intensive production techniques; ➢ the growing demand for food due to the steady growth of the world population, which increases at the rate of 80 million people a year; ➢ the continuing growth of the urban population: it is estimated that in 2050 nearly 80% of the earth's population will reside in urban centers, resulting in exponential expansion of soil artificialisation; ➢ the rapid climate change, which causes the increase of desertification and the rising of sea levels, which could decrease the arable land. Therefore fall into the category of vertical farm also all those cultivation methods based on the exploitation of the vertical dimension, as the vegetable gardens on the rooftop, green wall and vegetable gardens implemented on balconies or terraces of varying width. Said that, each of them requires owns techniques and organizations, responding to different needs and a different historical and operational development, in the present work we take into consideration their specific problems, with particular attention, 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

idroponica
vertical farm
fattoria verticale
dickson despommier
skyland
acquaponica
acquaponic
areoponica
areoponic
hydroponic

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi