Skip to content

Il trattamento contabile dell'affitto d'azienda

Informazioni tesi

Autore: Eva Mali
Tipo: Laurea liv.I
Anno: 2015-16
Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
Facoltà: Economia
Corso: Economia aziendale
Relatore: AlessandroSura
Lingua: Italiano
Num. pagine: 32

Il trattamento contabile dell'affitto d'azienda è una questione da tempo dibattuta in dottrina e nella prassi interna.
In linea di principio esistono due diversi approcci metodologici per rilevare contabilmente l'operazione di affitto d'azienda: la teoria cd. della proprietà, la quale costituisce la metodologia contabile più diffusa nell'attuale prassi, e la teoria cd. della disponibilità che incontra il favore della dottrina economico-aziendale in quanto più rispondente all'essenza economica dell'operazione.
Il presente lavoro analizza con approccio critico queste due metodologie, i fondamenti e le criticità di ciascuna di esse fino ad arrivare a inquadrare la questione del trattamento contabile dell'affitto d'azienda nella più ampia problematica circa l'applicabilità nell'ordinamento interno del principio della "prevalenza della sostanza sulla forma", anche alla luce dell'ultimissimo decreto in materia di bilancio (D.L. 139/2015).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 AFFITTO D’AZIENDA: UN INQUADRAMENTO DELL’OPERAZIONE 1. Natura e finalità dell’operazione L’affitto d’azienda può definirsi come quell’operazione mediante la quale il concedente trasferisce all’affittuario un diritto personale di godimento sul complesso dei beni costituenti l’azienda, in contropartita ad un canone periodico, con l’obbligo di gestire l’azienda in conformità alla destinazione economica che la contraddistingue . 1 In una prospettiva economico-aziendale l’affitto d’azienda rientra nell’ambito delle operazioni straordinarie caratterizzate dalla cessione a terzi di complessi aziendali. 2 Si tratta, quindi, di uno degli istituti mediante il quale si realizza la circolazione dell’azienda, ovvero il suo trasferimento, ed in tale ambito l’affitto d’azienda assume dei connotati particolari, tipici di questo istituto. Infatti, a differenza delle altre vicende circolatorie caratterizzate dal trasferimento a titolo definitivo della titolarità del controllo sull’azienda (come la cessione, il conferimento, la donazione ecc.), l’affitto d’azienda costituisce «un’operazione mediante la quale, per un periodo di tempo determinato, al soggetto economico istituzionale se ne sostituisce un altro, nell’interesse del quale, nei limiti previsti dalla legge e dal contratto, la gestione troverà le proprie leggi di convenienza economica» . 3 L’affitto d’azienda, quindi, configura un’operazione mediante la quale il controllo, inteso in senso di potere di gestione e di diritto agli utili, è trasferito, per un periodo di tempo limitato ed in contropartita ad un canone periodico, ad un soggetto diverso dal proprietario, cioè l’affittuario, il quale, nel corso della locazione, diventa il soggetto economico effettivo dell’azienda stessa. In altre parole il proprietario-concedente ne trasferisce il solo godimento ed inoltre, a differenza delle altre operazioni straordinarie, caratterizzate dal fatto che il trasferimento del controllo avviene a titolo definitivo e dove vi è una coincidenza tra proprietà e godimento, nell’affitto d’azienda riscontriamo dei tratti tipici che possono essere riassunti nei seguenti termini: la temporaneità dell’operazione, la dissociazione tra proprietà e godimento ed un mutamento dei diversi profili di rischio dei contraenti. In merito a quest’ultimo aspetto, una menzione merita senz’altro il mutamento della struttura rischio-rendimento del locatore , il quale, a seguito dell’operazione d’affitto, non è più titolare 4 della gestione dell’azienda, pur mantenendone la proprietà, e non è più titolare del diritto agli COLOMBO G.E, L’azienda e il mercato, in Trattato Galgano, vol. III, Padova, 1979, p. 288. 1 Le operazioni straordinarie sono quelle operazioni che «accompagnano rilevanti mutamenti degli assetti istituzionali 2 dell’impresa o assecondano interventi innovativi degli orientamenti strategici delle combinazioni produttive aziendali» (GAREGNANI G.M., PEROTTA R., Le operazioni di gestione straordinaria, Giuffrè, Milano, 1999, p. XV). MUSAIO A., L’economia dell’azienda «in affitto». Profili istitutivi e contabili, Giuffrè, Milano, 1995, p.12. 3 Per un’analisi approfondita dei diversi profili di rischio del locatore e dell’affittuario, che non costituiscono oggetto del 4 presente lavoro incentrato sugli aspetti contabili dell’operazione, si rimanda a BA V AGNOLI F., L’affitto d’azienda. Profili di calcolo economico e di rappresentazione contabile, Giuffrè, Milano, 2006, p.23. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

teoria della proprietà
affitto d'azienda
trattamento contabile affitto d'azienda
teoria della disponibilità
prevalenza della sostanza sulla forma

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi