Skip to content

HOT or NOT. Un punto di vista sui vissuti ed esperienze di alcuni adolescenti omosessuali della provincia di Rimini

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Torsani
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Vincenzo Scalia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

Come analizzato nei capitoli della tesi, al giorno d’oggi anche nella provincia di Rimini essere un adolescente omosessuale o bisessuale sembra essere una realtà meno nascosta rispetto al passato, almeno nelle relazioni amicali. All’interno del contesto familiare, invece, le preferenze sessuali di un figlio sono ancora molto destabilizzanti per il clima familiare. Inoltre, si è potuto notare come, ancora oggi, la religione occupi un posto di rilievo nell’accettarsi e nel dichiararsi omosessuale. Tuttavia questa influenza sembra essere minore rispetto al passato: infatti da un lato, alcuni ragazzi “riformulano” gli insegnamenti religiosi, dall’altro c’è ancora qualcuno che ne rimane “ingabbiato” vivendo un’inquietudine con se stesso. Le nuove tecnologie stanno svolgendo un ruolo fondamentale nel percorso di accettazione di sé nel ragazzo omosessuale: grazie ad esse, infatti, il/la ragazzo/a in questione si sentono meno soli, hanno più possibilità di confrontarsi e conoscere il mondo omosessuale. Bisogna dire però che spesso questi ragazzi incontrano una visione distorta del mondo gay, basti pensare alla sezione escort presente in qualche sito di cui abbiamo parlato precedentemente, o all’impronta strettamente sessuale che hanno i diversi siti o applicazioni per smartphone.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. Introduzione Prima di tutto credo sia d’obbligo spiegare il titolo di questa tesi. All’inizio c’era il “Durex”, poi “Durex gold”, “Afterskull”, “Bitcham” fino ad arrivare al “Hot or Not”. Può cambiare il nome ma non la tipologia di evento: tutti i nomi sopra elencati sono nomi di feste organizzate il sabato pomeriggio in varie parti d’Italia per ragazzi adolescenti (14-18 anni) che si definivano alternativi ma che in realtà altro non erano che un punto di ritrovo per ragazzi omosessuali e bisessuali. I primi utenti di questi eventi erano i ragazzi che rientravano nella categoria EMO, che si definivano appunto alternativi per il loro modo di vestirsi e atteggiarsi. L’emo inizialmente è nato come una corrente legata a una certa tipologia di musica che con gli anni è diventato un vero e proprio fenomeno di tendenza fra i giovani adolescenti che può prendere le caratteristiche di una vera e propria subcultura 1 con elementi distintivi ben precisi legati alla musica preferita, al look, allo sport preferito e alle preferenze sessuali. Alla parola emo sono legate tutta una serie di etichette e stereotipi: il ragazzo emo si trucca, porta abiti aderenti, ascolta musica punk-rock, si taglia sulle braccia con una lametta, ma soprattutto ha un orientamento sessuale omosessuale o bisessuale. Tuttavia oggi questa sub-cultura si è miscelata con le altre sub-culture, legate al mondo giovanile, almeno per quanto riguarda l’estetica con cui i ragazzi si presentano e per il loro look ed è difficile incontrare un ragazzo che si definisca Emo. Il primo video caricato in rete sulle feste elencate a inizio paragrafo risale a circa 5 anni fa, erano eventi dalla cadenza mensile e venivano organizzati in grandi città italiane: Milano, Torino, Bologna, Napoli, Bari, Genova 2 . Questi eventi sono stati anche protagonisti di un servizio del programma televisivo “Le Iene” proprio per denunciare il problema dell’alcool e del sesso 1 http://it.wikipedia.org/wiki/Emo 2 http://www.youtube.com/watch?v=zvF8Cl3NYuM

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi