Skip to content

'Ndrangheta e stampa: la strategia mediatica della cosca nei media reggiani

Informazioni tesi

Autore: Giacomo Prencipe
Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
Anno: 2014-15
Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
Facoltà: Scienze della Comunicazione
Corso: Pubblicità, Editoria e Creatività d'Impresa
Relatore: StefanoCalabrese
Lingua: Italiano
Num. pagine: 127

Lo scopo di questa ricerca è uno studio sulla strategia mediatica della cosca di ‘ndrangheta che negli ultimi trent’anni si è infiltrata nel tessuto economico e sociale di Reggio Emilia. Con l’Operazione Aemilia, condotta dalla Procura di Bologna nel gennaio del 2015 per un totale di 117 arresti, è stata portata alla luce il sistema di appalti, false fatture ed estorsioni che garantiva al clan Grande Aracri, originario di Cutro (Kr), l’entrata di grandi somme di denaro nelle proprie casse. Le indagini hanno rappresentato un punto di svolta nella percezione, da parte della cittadinanza, della forte presenza di una cosca di ‘ndrangheta nel Reggiano, alimentata precedentemente solo dalle inchieste dei giornalisti locali. Dalle carte dell’Operazione è emerso, inoltre, il tentativo da parte dell’associazione mafiosa di influenzare l’opinione pubblica reggiana e, in particolare, quella della comunità cutrese, considerevolmente radicata nel territorio di riferimento. La strategia mediatica è stata progettata, coordinata e attuata dagli indagati sfruttando le potenzialità del mezzo stampa e l’appoggio di un politico locale del centro-destra che, grazie alla sua posizione ideologica e rilevanza sociale, poteva favorire l’inserimento delle tematiche, o issue, all’interno del dibattito pubblico. Forti della convinzione che la comunità calabrese fosse dalla loro parte, gli ‘ndranghetisti, in particolare il boss presente nel Reggiano Nicolino Sarcone, hanno utilizzato, per la prima volta, la visibilità del mezzo mediatico per rispondere allo strumento delle interdittive antimafia del prefetto di Reggio Emilia di allora, Antonella De Miro, che ha danneggiato gravemente gli affari illeciti della cosca. La revoca del certificato antimafia escludeva, di fatto, dalle gare per l’assegnazione degli appalti pubblici tutte quelle imprese considerate in “odore” di mafia. Dall’analisi delle interviste, lettere e comunicati riconducibili a questa strategia è emerso che gli ‘ndranghetisti hanno cercato di difendersi dalle interdittive proponendo il proprio punto di vista ideologico: le imprese calabresi vengono escluse dal mercato, attraverso lo strumento prefettizio, perché concorrenti delle cooperative “rosse” emiliane con la scusa della mafia. Il prefetto, dunque, è solo una figura manovrata dal partito egemone in Emilia e, soprattutto, dalle cooperative per eliminare economicamente dal mondo dell’edilizia le imprese meridionali, in particolare quelle cutresi: questo consentirebbe ai costruttori reggiani di risollevarsi dal periodo di crisi del settore. Una lettura della realtà che fa leva sui temi del razzismo e criminalizzazione della comunità meridionale che però, come mostreranno le indagini, si rivelerà del tutto menzognera. Lo studio si propone di comparare questa strategia mediatica, che ha interessato la stampa reggiana dal luglio 2012 al febbraio 2013, in prima analisi con le teorie dell’agenda setting secondo cui i media non dicono cosa il lettore deve pensare ma hanno una certa efficacia nel definire intorno a quali temi è importante che ognuno si faccia una propria idea, stabilendo la rilevanza degli eventi; in seconda analisi verrà trattato il linguaggio e le peculiarità della presentazione delle issue di matrice mafiosa in un contesto mediatico e pubblico, che raggiungerà il suo apice nella intervista rilasciata dal boss Nicolino Sarcone a “il Resto del Carlino”. In quest’ultima sezione della ricerca è stato utilizzato un programma di analisi del testo semi-automatica che ha permesso di mettere in evidenza la strutturazione e composizione del linguaggio delle personalità, secondo le indagini, riconducibili alla ‘ndrangheta coinvolte nella promozione delle tematiche favorevoli agli intenti della cosca.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Lo scopo di questa ricerca è uno studio sulla strategia mediatica della cosca di ‘ndrangheta che negli ultimi trent’anni si è infiltrata nel tessuto economico e sociale di Reggio Emilia. Con l’Operazione Aemilia, condotta dalla Procura di Bologna nel gennaio del 2015, che ha portato ad un totale di 117 arresti, è stato smascherato il sistema di appalti, false fatture ed estorsioni che garantiva al clan Grande Aracri, originario di Cutro (Kr), l’entrata di grandi somme di denaro nelle proprie casse. Le indagini hanno rappresentato un punto di svolta nella percezione, da parte della cittadinanza, della forte presenza di una cosca di ‘ndrangheta nel Reggiano, alimentata precedentemente solo dalle inchieste dei giornalisti locali. Dalle carte dell’Operazione è emerso, inoltre, il tentativo da parte dell’associazione mafiosa di influenzare l’opinione pubblica reggiana e, in particolare, la sua componente cutrese, considerevolmente radicata nel territorio di riferimento. La strategia mediatica è stata progettata, coordinata e attuata dagli indagati sfruttando le potenzialità del mezzo stampa e l’appoggio di un politico locale del centro-destra che, grazie alla sua posizione ideologica e rilevanza sociale, poteva favorire l’inserimento delle tematiche, o issue, all’interno del dibattito pubblico. Forti della convinzione che la comunità calabrese fosse dalla loro parte, gli ‘ndranghetisti, in particolare il boss presente nel Reggiano Nicolino Sarcone, hanno utilizzato, per la prima volta, la visibilità del mezzo mediatico per rispondere allo strumento delle interdittive antimafia del prefetto di Reggio Emilia di allora, Antonella De Miro, che ha danneggiato gravemente gli affari illeciti della cosca. La revoca del certificato antimafia escludeva, di fatto, dalle gare per l’assegnazione degli appalti pubblici tutte quelle imprese considerate in “odore” di mafia. Dall’analisi delle interviste, lettere e comunicati riconducibili a questa strategia è risultato che gli ‘ndranghetisti hanno cercato di difendersi dalle interdittive proponendo il proprio punto di vista ideologico: le imprese calabresi vengono escluse dal mercato, attraverso lo strumento prefettizio, perché concorrenti delle cooperative “rosse” emiliane con la scusa della mafia. Il prefetto, dunque, è solo una figura manovrata dal partito egemone in Emilia e, soprattutto, dalle cooperative per eliminare economicamente dal mondo dell’edilizia le imprese meridionali, in particolare quelle cutresi: questo consentirebbe ai costruttori reggiani di risollevarsi dal periodo di crisi del settore. Una lettura della realtà che fa leva sui temi del

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

media
mafia
'ndrangheta
reggio emilia
agenda-setting
cosca
resto del carlino
operazione aemilia
sarcone
grande aracri

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi