Skip to content

Utilizzo delle Trasformate nella codifica delle immagini fisse, in movimento ed audio

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Bucciantini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2015-16
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Informatica
  Relatore: Giovanni Murari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 179

La tesi si basa sull'analisi delle tecnologie di codifica in un particolare metodo di compressione:
la codifica mediante trasformata.
Tale metodo di codifica è basato sul rimuovere la ridondanza spaziale presente in una data immagine (che sia singola o parte di un video – frame – ) trasformandola dal dominio spaziale a quello delle frequenze.
Il metodo di codifica preso in esame trae vantaggio dal fatto che l'occhio umano percepisce in modo minore le alte frequenze rispetto alle basse frequenze in modo da poter tagliare dettagli meno significativi a livello di percezione visiva.
Ad oggi, quasi tutti i più conosciuti ed utilizzati metodi di codifica utilizzano la DCT (Discrete Cosine Trasformate) ovvero la Trasformata Discreta del Coseno, tuttavia è in fase di sviluppo un nuovo metodo di codifica che punta a trarre vantaggio da un diverso metodo di codifica tramite trasformata: l'HEVC.
Lo scopo della tesi è di analizzare nel dettaglio la nuova codifica video HEVC, la codifica audio ed i vari metodi di trasformata utilizzabili, nonché comparare i risultati dei precedenti metodi di codifica, in particolar modo con l'MPEG-4 Part 10 (AVC, H.264) che verrà analizzato in modo completo e dettagliato.
Come introduzione alle codifiche video, inoltre, verranno esplicati i vari metodi di codifica delle immagini fisse, con particolare importanza rivolta allo standard lossless PNG ed, infine, verranno analizzati anche i codec audio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione: La tesi si basa sull'analisi delle tecnologie di codifica in un particolare metodo di compressione: la codifica mediante trasformata. Tale metodo di codifica è basato sul rimuovere la ridondanza spaziale presente in una data immagine (che sia singola o parte di un video – frame – ) trasformandola dal dominio spaziale a quello delle frequenze. Il metodo di codifica preso in esame trae vantaggio dal fatto che l'occhio umano percepisce in modo minore le alte frequenze rispetto alle basse frequenze in modo da poter tagliare dettagli meno significativi a livello di percezione visiva. Ad oggi, quasi tutti i più conosciuti ed utilizzati metodi di codifica utilizzano la DCT (Discrete Cosine Trasformate) ovvero la Trasformata Discreta del Coseno, tuttavia è in fase di sviluppo un nuovo metodo di codifica che punta a trarre vantaggio da un diverso metodo di codifica tramite trasformata: l'HEVC. Lo scopo della tesi è di analizzare nel dettaglio la nuova codifica video HEVC, la codifica audio ed i vari metodi di trasformata utilizzabili, nonché comparare i risultati dei precedenti metodi di codifica, in particolar modo con l'MPEG-4 Part 10 (AVC, H.264) che verrà analizzato in modo completo e dettagliato. Come introduzione alle codifiche video, inoltre, verranno esplicati i vari metodi di codifica delle immagini fisse, con particolare importanza rivolta allo standard lossless PNG ed, infine, verranno analizzati anche i codec audio. 0) Cenni storici ed importanza della compressione video La velocità delle connessioni internet è in continuo aumento, così come i bitrate dei network e la grandezza di Hard Disk, memorie flash e media ottici. Con il prezzo delle trasmissioni e dell'archiviazione in continua diminuzione, potrebbe non essere immediatamente chiaro perché la compressione video è tanto necessaria e perché ci sono così tanti sforzi – ora come in passato – per renderla migliore. La compressione video ha due importanti benefici: il primo è che rende possibile utilizzare video digitali nelle trasmissioni e nello storage in ambienti che non sono in grado di supportare video non compressi, chiamati “raw”. Ad esempio, per quanto possa essere veloce, la fibra ottica che raggiunge le attuali abitazioni è ancora insufficiente per poter gestire video non compressi in tempo reale (anche a bassi frame rate – immagini al secondo – e basse risoluzioni). Un altro esempio è che sia i DVD che i Bluray Disk sono in grado di contenere solo pochi frame di un video raw conforme alle qualità ed ai frame rate degli standard televisivi e sarebbero dunque inutilizzabili senza un'opportuna compressione video. Il secondo beneficio offerto dalla compressione video è che permette un utilizzo più efficiente delle risorse di trasmissione e storage. Un segnale può dunque essere compresso rimuovendo la ridondanza e ci sono due metodi principali di compressione: il metodo lossless e quello lossy. Nelle compressioni lossless (prive di perdita) la ridondanza statistica è rimossa in modo che il segnale originale possa essere perfettamente ricostruito dal decoder. Sfortunatamente, al momento, i metodi di codifica lossless riescono a comprimere le immagini in modo insufficiente e, mentre per la codifica delle immagini fisse è molto utilizzata la codifica lossless, non è possibile affermare la stessa cosa per la codifica video. I più comuni metodi di compressione video infatti sono basati su compressioni lossy (con perdita), nelle quali è possibile ottenere grandi benefici in termini di compressione,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi