Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La semantica degli intervalli musicali

Partendo da un excursus storico, si cerca in questo lavoro di trovare una base su cui fondare una possibile semantica della musica, intesa come linguaggio, circoscrivendo in particolare il campo di indagine agli intervalli musicali nel sistema tonale occidentale. L'approccio vero cui converge il lavoro è quello del prof. Gino Stefani.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa e scopo del lavoro La presente tesi si propone di abbozzare uno strumento didattico che per- metta di identificare una possibile semantica da attribuire ad una particolare unit` a di discretizzazzione musicale: l’intervallo melodico. A seguire, verr` a proposta un scelta di brani, corredati da esemplificazioni notazionali, a sup- porto delle affermazioni fatte e quale “serbatoio” da cui attingere per un eventuale progetto didattico. Tale livello di indagine, che pu` o apparire estremamente riduttivo se non arbitrario,` e determinato in primis dal fatto che un’analisi di possibili segnifi- cati del fatto musicale in s´ e aprirebbe un campo di una vastit` a inaffrontabile non solo per una tesi triennale ma anche per un’opera scientifica singola. Infatti le problematiche coinvolte ruguardano la musica nella sua globalit` a ossia, solo per citare alcuni aspetti, la sua strutturazione nella storia, la stessa coscienza che le epoche storiche ne hanno (o non hanno) avuto, i ca- nali di trasmissione (orale, scritta, registrata ...), l’uso sociale e la fruizione dal punto di vista della storia e della cultura, ed infine la riflessione estetica nella sua continua e inarrestabile evoluzione. Tutto questo porta necessaria- mente alla conclusione che parlaredi musica, a qualsiasi livello, significa fare filosofia, intesa nel suo senso pi` u ampio, globale e, in definitiva originario, come “amore del sapere”; proprio per questo non ` e in alcun modo possibile forzare delle regole, dire una parola definitiva, o anche solo generalizzante se non con un atto di Õβρις , sulla musica. Premesso questo, diviene giustifi- cabile focalizzare l’attenzione su un frammento della riflessione musicale cos` ı ristretto come la semantica degli intervalli musicali. Naturalmente, volendo adottare per quanto possibile un metodo scientifico, ` e necessario formulare alcune ipotesi, in particolare: - il fatto musicale, nel momento della sua percezione, ` e un atto comuni- cativo; 3

Laurea liv.I

Facoltà: Didattica Muaicale

Autore: Ivan Maria Castellani Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 294 click dal 12/05/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.