Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il recupero dei centri storici come strumento di sviluppo locale: il caso di S. Stefano di Sessanio (AQ)

La domanda da cui ha preso avvio il lavoro, era: «Può il recupero dei centri storici determinare sviluppo locale con declinazione turistica?». Considerato che per sviluppo locale si intende la capacità dei soggetti locali di collaborare al fine di produrre beni e servizi che arricchiscano le economie esterne, valorizzando altresì i beni comuni e il patrimonio ambientale e storico-artistico, la risposta è si. In particolare, la strategia adottata da Daniele Kihlgren nel tentativo di rivitalizzare il borgo di S. Stefano di Sessanio, è un modello di ospitalità diffusa e di recupero filologico del tessuto insediativo, un modello di valorizzazione turistico territoriale pienamente aderente all’idea di sostenibilità.
Una condizione per la sostenibilità dei progetti di sviluppo, risiede nella loro armonia con i caratteri socio-economici dei sistemi locali, cosicché si devono prevedere adeguate forme di partecipazione e di coinvolgimento della popolazione locale nei progetti stessi. Il caso di sviluppo locale proposto, mostra perfettamente che, la generazione di valore e la sostenibilità non sono in antitesi tra loro e che, anzi, rappresentano variabili interdipendenti: valorizzare il patrimonio artistico e culturale, vuol dire creare un contesto sostenibile dal punto di vista ambientale (territorio), economico (per istituzioni, organizzazioni e imprese) e sociale (per cittadini, utenti, turisti); allo stesso tempo, il conseguimento della sostenibilità genera valore per il contesto territoriale (competitività), per le imprese (in termini di profitto), per la comunità locale (benessere sociale e culturale) ed infine, per i turisti (soddisfacimento del bisogno culturale e di svago).
D’altro canto, il progetto ha generato anche forti effetti sociali perché ha ridato vita al centro storico minore di Santo Stefano di Sessanio, mettendo a lavorare i produttori locali che a loro volta hanno funzionato come componente chiave dell’offerta.
La valorizzazione del borgo è il risultato, in ultimo, di un processo dialettico e coevolutivo tra territorio (cultura, storia, tradizioni), imprese (impresa alberghiera, enti locali e imprese dei servizi) e turista.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione La volontà di questo lavoro è quella di analizzare lo sviluppo locale di un territorio in chiave turistica. In particolare, si ripercorreranno le tappe dello sviluppo locale di uno tra i borghi più belli d’Italia: Santo Stefano di Sessanio. Il comune, situato nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo, è il caso emblematico di un’azione di valorizzazione e recupero legata ad una di impianto imprenditoriale, a totale inedificabilità: la strategia di ospitalità diffusa. Il motivo di questa scelta è consequenziale ad un’esperienza trascorsa nel piccolo centro minore in provincia de l’Aquila, durante la quale si è avuto modo di “toccare con mano” gli effetti di un valido progetto sostenibile di sviluppo locale. La trattazione è stata suddivisa in quattro sezioni: Nel primo capitolo sono state approfondite diverse tematiche quali il concetto di sviluppo locale – soprattutto in relazione alla globalizzazione - e quello di sistema turistico locale: argomenti strettamente legati al marketing territoriale, materia di Tesi. Dalla bibliografia consultata, è emerso che lo sviluppo locale non è solo il processo di crescita di un settore produttivo o di un'aggregazione locale di imprese; ma anche un processo di sviluppo territoriale, basato sulla valorizzazione sostenibile delle risorse materiali e immateriali presenti in un certo territorio, che coinvolge la sfera sociale e culturale e la capacità di auto organizzazione dei soggetti. Nel corso dell’elaborato, è stato usato il termine “sviluppo territoriale”, come sinonimo di sviluppo locale non solo perché è un processo di sviluppo localizzato, ma anche e soprattutto perché è specifico di un certo luogo, è ancorato al suo interno e quindi unico nella sua fattispecie. Un sistema locale territoriale è, infatti, una rete locale di soggetti che, in funzione degli specifici rapporti che intrattengono fra loro e con le specificità territoriali del milieu locale in cui operano e agiscono; in certe circostanze si comportano come un soggetto collettivo. E’ necessario quindi che il territorio generi al suo interno una visione attraverso la quale siano innanzitutto stabiliti obiettivi di sviluppo percepiti e condivisi da una pluralità di soggetti e che siano immaginate le direttrici da seguire per raggiungerli. I Sistemi Turistici Locali, disciplinati dalla legge introdotta nel 2001, sono nuove figure di organizzazione turistica, i cui elementi fondanti sono il territorio, la comunità locale e il progetto di sviluppo. Essi sono nati con l’obiettivo di migliorare l’offerta turistica locale e per progettare e realizzare un nuovo modello di crescita socio-economica del territorio.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Martina Franchi Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 613 click dal 12/05/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.