Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le organizzazioni esponenziali e i sistemi relazionali nell'era della sharing economy

L’obiettivo di questa tesi di laurea magistrale è quello di provare a spiegare in che modo le organizzazioni esponenziali, nate nell’era della sharing economy, rappresentino una concreta risposta al periodo di forte crisi economica attuale ed un’interessante prospettiva per il futuro del business mondiale. L’economia della condivisione utilizza le innovazioni tecnologiche per creare ed ampliare sistemi relazionali in modalità peer-to-peer. La disintermediazione che ne deriva, permette la diffusione di nuove modalità di co-creazione di valore e genera fiducia tra gli individui; per questo motivo la comunicazione disintermediata è considerata un principio fondamentale della collaborative economy, o sharing economy.
In quest’ottica ho scelto di analizzare due piattaforme collaborative digitali che sono diventate organizzazioni esponenziali su scala globale: Aibnb e Uber. Le due start-up americane, infatti, sfruttando le potenzialità delle innovazioni tecnologiche del Web 2.0, hanno costruito sistemi relazionali efficienti in grado di stravolgere mercati tradizionali come quello del turismo e della mobilità urbana. Nell’era della sharing economy la convergenza tra economia e tecnologia ha contribuito alla nascita e alla diffusione di un nuovo sistema economico digitale che sarà oggetto di analisi nel corso della tesi: il Bitcoin.
Questo sistema economico virtuale è utilizzato con l’obiettivo di semplificare le transazioni digitali in mobilità, tipiche delle ExO, è autogestito dagli utenti e si serve di complessi algoritmi per certificare le transazioni economiche. Le organizzazioni e i mercati nell’era della sharing economy stanno vivendo un’epoca di disruption digitale e organizzativa senza precedenti. Il primo capitolo inizierà con la definizione del concetto di ‘sharing economy’ e di ‘consumo collaborativo’. In accordo con le opinioni di esperti italiani ed internazionali (come Marta Mainieri, Rachel Botsman e Roo Rogers), saranno fornite alcune analisi relative al nuovo ruolo degli individui nella creazione di sistemi relazionali; all’evoluzione dei mercati, alle nuove modalità di scambio nell’era della condivisione e, in ultimo, al ripensamento della struttura organizzativa delle imprese.
Il capitolo si concluderà con un approfondimento sull’economia della condivisione in Italia, in particolare saranno presentate due interessanti iniziative collaborative: Shareitaly e Sharexpo. Nel secondo capitolo saranno studiate le Exponential Organizations, ossia organizzazioni esponenziali che si sono diffuse su scala globale implementando ai propri sistemi relazionali un notevole utilizzo di innovazioni tecnologiche e digitali con l’obiettivo di raggiungere una crescita esponenziale del numero di utenti e stakeholder e quindi di ampliare il proprio marketplace. In questo capitolo saranno evidenziate le principali differenze tra le organizzazioni lineari e quelle esponenziali e sarà spiegato il concetto di ‘disruptive innovation’ al fine di comprendere in che modo queste organizzazioni sono riuscite a mettere in crisi i tradizionali mercati in cui si sono insediate.
Il capitolo proseguirà con un’accurata descrizione delle caratteristiche esterne ed interne delle ExO partendo dal concetto di ‘Massive Transformative Purpose’. La sezione si concluderà con l’analisi dei canali di comunicazione delle ExO e con un’interpretazione del fenomeno dell’informazione come acceleratore, entrambi aspetti chiave della digital sharing economy. Il terzo e il quarto capitolo riguarderanno Airbnb e Uber, due casi di start-up americane che sono diventate in breve tempo organizzazioni esponenziali su scala globale. Queste piattaforme digitali di condivisione, con l’ausilio delle Exponential Technologies, hanno creato community online e basano la loro diffusione esponenziale sui propri sistemi relazionali.
Nel corso dei due capitoli, oltre alle storie delle due start-up, analizzeremo i canali di comunicazione aziendali e alcune delle strategie comunicative adottate con l’obiettivo di comprendere in che modo hanno contribuito ad una simile espansione globale. Nel quinto capitolo sarà studiato il Bitcoin, il nuovo sistema monetario digitale di cui, sempre più spesso, si servono le organizzazioni esponenziali. In questo capitolo, inizialmente sarà presentato il Bitcoin attraverso una descrizione del sistema economico e, successivamente saranno fornite alcune ipotesi sull’utilizzo della criptomoneta per le transazioni economiche delle piattaforme digitali Airbnb e Uber. Il capitolo si concluderà con l’analisi dei canali di comunicazione del sistema monetario e con alcune possibili applicazione future della criptomoneta.
Nel capitolo finale saranno forniti spunti di riflessione sul futuro delle ExO e del business mondiale. In questa sezione il focus sarà incentrato sugli effetti che i sistemi relazionali delle organizzazioni esponenziali hanno generato nei mercati e nella società.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 0. Introduzione. L’obiettivo della mia tesi di laurea magistrale, dal titolo Le organizzazioni esponenziali e i sistemi relazionali nell’era della sharing economy, è quello di provare a spiegare in che modo le organizzazioni esponenziali, nate nell’era della sharing economy, rappresentino una concreta risposta al periodo di forte crisi economica attuale ed un’interessante prospettiva per il futuro del business mondiale. L’economia della condivisione utilizza le innovazioni tecnologiche per creare ed ampliare sistemi relazionali in modalità peer-to-peer. La disintermediazione che ne deriva, permette la diffusione di nuove modalità di co-creazione di valore e genera fiducia tra gli individui; per questo motivo la comunicazione disintermediata è considerata un principio fondamentale della collaborative economy, o sharing economy. In quest’ottica ho scelto di analizzare due piattaforme collaborative digitali che sono diventate organizzazioni esponenziali su scala globale: Aibnb e Uber. Le due start-up americane, infatti, sfruttando le potenzialità delle innovazioni tecnologiche del Web 2.0, hanno costruito sistemi relazionali efficienti in grado di stravolgere mercati tradizionali come quello del turismo e della mobilità urbana. Nell’era della sharing economy la convergenza tra economia e tecnologia ha contribuito alla nascita e alla diffusione di un nuovo sistema economico digitale che sarà oggetto di analisi nel corso della tesi: il Bitcoin. Questo sistema economico virtuale è utilizzato con l’obiettivo di semplificare le transazioni digitali in mobilità, tipiche delle ExO, è autogestito dagli utenti e si serve di complessi algoritmi per certificare le transazioni economiche. Le organizzazioni e i mercati nell’era della sharing economy stanno vivendo un’epoca di

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Luca Gilardoni Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2597 click dal 12/05/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.