Skip to content

Mezzi di conservazione delle garanzie patrimoniali e abuso

Informazioni tesi

  Autore: Michele Martucci
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Giovanni Perlingieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

Il presente studio si articola in tre capitoli che rappresentano, specularmente, l’impianto complessivo dell’elaborato: la responsabilità patrimoniale del debitore, i mezzi di conservazione delle garanzie patrimoniali e l’abuso. Obiettivo della ricerca è cimentarsi nel tentativo di comprendere se il creditore, nel legittimo esercizio del potere conferito dalla legge, nell’utilizzo dei mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale, sia sempre libero di tutelare il proprio credito con le modalità da egli prescelte, o se possa essere limitato nell’esercizio dei suoi poteri conservativi. In pratica nella valutazione del giudice sarà necessario che la posizione debitoria possa rinvenire la sua tutela nella applicazione diretta di una norma costituzionale con rango evidentemente superiore a quella ordinaria. L’elaborato, quindi, prendendo le mosse dai concetti di responsabilità patrimoniale del debitore e dalla disciplina delle garanzie patrimoniali del creditore, dipana la sua attenzione verso un approfondimento critico delle dinamiche interpretative con espressi riferimenti alla discrezionalità giurisdizionale. Vengono, così, singolarmente declinati ed approfonditi i mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale, definiti di diritto “comune”, cioè l'azione surrogatoria, l'azione revocatoria ed il sequestro conservativo, nonché taluni mezzi di conservazione definiti di natura “speciale”, come ad esempio il fermo amministrativo, alla luce di una recente casistica esplicativa e semplificatoria. La disamina contiene, quindi, un'indagine sistematica in cui rilevano i confini tra il legittimo impiego dei mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale del credito e l’utilizzo distorto degli stessi che, talvolta, sfocia in quel fenomeno definito giuridicamente “abuso del diritto”. In merito si premette che il nostro ordinamento, tranne che per determinate specifiche fattispecie, non ha mai positivizzato il divieto di abuso del diritto. Tuttavia, l’indeterminatezza e la vaghezza normativa in materia offrono la possibilità di cimentarsi, in fase di applicazione, in percorsi ermeneutici “antiformalistici” basati su un rinnovato approccio interpretativo. In fase di giudizio ponderativo, tuttavia, l'analisi dovrà essere realizzata “endosistemicamente” all’interno dell’impianto normativo vigente orientando lo sguardo direttamente verso valori costituzionalmente garantiti e verso vincolanti principi di matrice sovranazionale. La Costituzione si appresta, cioè, ad assumere un ruolo nuovo. Essa, infatti, non sarà limitata alla funzione di verifica della compatibilità normativa realizzata dalla Corte Costituzionale, ma estenderà la sua dimensione, con l’applicazione diretta di taluni suoi principi, a fattispecie negoziali concrete. Il bilanciamento dovrà essere, quindi, realizzato nel pieno rispetto di tre principi fondamentali. Il principio della proporzionalità,Il principio dell’adeguatezza e quello della ragionevolezza costituzionale. La soluzione, condivisa anche da autorevole dottrina, per trovare risposta ai casi di presunta condotta distorsiva, è riposta, quindi, nella Drittwirkung (trad. diretta applicazione) dei principi costituzionali nazionali, ed europei. Evidentemente questo approccio, distaccandosi dalla lettera del rigido testo di legge, assume un connotato sicuramente più ampio e dinamico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il presente studio è rivolto ad una indagine sui mezzi di conservazione delle garanzie patrimoniali del creditore letti alla luce di numerosi casi concreti. Il lavoro si articola in tre capitoli che rappresentano, specularmente, l’impianto complessivo dell’elaborato: la responsabilità patrimoniale del debitore, i mezzi di conservazione delle garanzie patrimoniali e l’abuso. Obiettivo della ricerca è cimentarsi nel tentativo di comprendere se il creditore, nel legittimo esercizio del potere conferito dalla legge, nell’utilizzo dei mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale, sia sempre libero di tutelare il proprio credito con le modalità da egli prescelte, o se possa essere limitato nell’esercizio dei suoi poteri conservativi. Al cospetto, infatti, di condotte creditorie tendenzialmente arbitrarie ci si chiede se esse possano meramente configurare un comportamento eticamente riprovevole o, al contrario, se tali condotte possano assumere rilevanza giuridica. In tal caso appare evidente che la situazione del debitore, vessato da una condotta arbitraria, superando l’ aprioristica soccombenza prevista dal dettame dell’art. 2740 del codice civile, assumerebbe rilevanza giuridica nel momento in cui l’interesse debitorio venisse interpretato alla luce di valori che travalicano il rigido dettame codicistico. Ci si chiede, insomma, se dalla disamina di singole fattispecie concrete, emerga che la posizione del debitore possa assumere suscettibilità di tutela giuridica per violazione di un potenziale interesse concorrente, anche di grado superiore nella gerarchia delle fonti o nel diritto sovranazionale. Ciò, appare concretamente realizzabile solo in presenza di tecniche ermeneutiche che, in presenza di un uso distorto degli strumenti posti a garanzia del credito, si distacchino dalla lettera del codice e si cimentino

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abuso
mezzi di conservazione
garanzie patrimoniali
drittwirtung

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi