Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Azione organizzativa del dirigente nel contesto di equipe multidisciplinari in ambito sanitario e socio assistenziale

Analisi delle dinamiche organizzative e delle metodiche di direzione adatte a migliorare la performance di equipe multidisciplinari, con particolare riguardo agli ambiti Sanitari e Socio - Assistenziali. Il percorso di studio parte dagli aspetti descrittivi delle Organizzazioni come metafore, in seguito ne affronta le componenti strutturali per giungere a valorizzare gli aspetti etici-deontologici presenti nelle Organizzazioni a Movente Ideale.
Le caratteristiche peculiari di queste organizzazioni determinano progettazioni organizzative che tengano conto dei diversi livelli motivazionali delle persone in rapporto al clima generale.
Infatti gli aspetti etici ed il rispetto delle qualità individuali non vanno considerati come un ostacolo al conseguimento del risultato ma al contrario come elemento strategico ed ineludibile

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Come governare la performance di equipe multiprofessionali in sanità, in ipotesi un Dipartimento di Salute Mentale, ed in ambiti Socio Assistenziali. Quali sono le azioni organizzative più adeguate rispetto ai reciproci ambiti di autonomia e necessario coordinamento. Come spiegare l'antitesi tra spinte custodialistiche e quelle assistenziali in Psichiatria e più in particolare nelle realtà socio-sanitarie; quale la chiave di lettura e le strategie per risolvere i conflitti inter-professionali generati dal sovrapporsi di professionalità caratterizzate da competenze complementari ma spesso divise da vision divergenti, sottoposte a gerarchie di comando che insistono contemporaneamente sulle diverse professioni ed in situazioni nelle quali l'efficienza economica/profitto derivano dall'integrazione degli apporti di codeste professionalità? Frequentemente gli aspetti etici/deontologici sono considerati un ostacolo al conseguimento del risultato, tuttavia, al pari della legislazione vigente e della cultura predominante della società nella quale opera l'organizzazione (socio-assistenziale, sanitaria, educativa) è inserita, sono ineludibili. Cosa collega l'esistenza delle organizzazioni alle singole persone? "Le organizzazioni complesse si formano per mettere in atto tecnologie che sarebbero impossibili o improduttive per i semplici individui" Questa definizione appare condivisa dalla 1 civiltà umana, dalla caccia alla pastorizia, dalla guerra alla religione, dalle piramidi agli ospedali, dai maestri che insegnavano per strada nell'antica Roma alle università attuali. Thompson afferma che esistono forze impersonali che generano e guidano il comportamento 2 delle organizzazioni e tuttavia riconosce che potenti forze della singola persona si allineano come limatura di ferro nei campi motivazionali descritti da Lewin, Bandura, Simon. Il percorso di studio inizia dalla scelta del modo con il quale il dirigente guarda l'organizzazione della quale porta la responsabilità; in questo frangente verrà approfondito lo strumento della metafora, o meglio, delle metafore utilissime nella quotidianità del lavoro di coordinamento. Di seguito ho scelto il modello concettuale dell'Azione Organizzativa come proposta da James D. Thompson che propone molteplici riferimenti ed esempi tratti dal mondo della sanità e 3 dell'insegnamento; la capacità di questo autore di scomporre e riassemblare le componenti di una organizzazione complessa conciliando il modello razionale e quello naturale in una visione unitaria e finalizzata, trova echi nella forma unificante della Gestalt ed in particolare nell'insegnamento di Kurt Lewin rispetto alla teoria di campo ed alla ricerca-azione: Thompson James D. (2003) [1967]. Organization in Action: Social Science Bases of 1 Administrative Theory, Transaction Pub; New 2003. Trad it. a cura di Bruno Maggi, L'azione Organizzativa, ISEDI; Cap. 2 pag. 85. Op. cit. vedi nota 1 2 Op. cit. vedi nota 1 3 7

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Corso interfacoltà: Giurisprudenza, Lettere e Filosofia, Medicina e Chirurgia

Autore: Guido Sottovia Contatta »

Composta da 49 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 312 click dal 20/06/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.