Skip to content

Fusione dei Comuni: al confine tra opportunità e necessità. Una nuova frontiera per l’uscita dallo stallo della Pubblica Amministrazione.

Informazioni tesi

  Autore: Daniel Sebastiani
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Economia
  Corso: Amministrazione aziendale e diritto - percorso pubblico
  Relatore: Andrea Francesconi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

L'eccessiva consistenza di soggetti comunali in un territorio con una presenza demografica decisamente bassa, rappresenta appunto una possibile esasperazione dell'Autonomia. Assistiamo quindi ad una situazione nella quale piccoli paesini di qualche centinaio di abitanti hanno difeso e difendono a tutti i costi la loro indipendenza. E questo visto dall'esterno risulta difficilmente comprensibile. Recentemente però, si è iniziato a domandarsi se tale tipo di situazione sia effettivamente sostenibile nel medio – lungo periodo. Per qualche anno ci si è illusi che la situazione di difficoltà economica fosse di breve periodo e superabile. Ora, invece, si è preso coscienza che così non è e che sarà improbabile ritornare alla stessa situazione di benessere generale esistente un decennio fa. È emersa quindi la necessità di valutare se la consistenza, la frammentazione e la scarsa propensione alla collaborazione dei vari Comuni possa essere una condizione ulteriormente sopportabile ovvero se non sia indispensabile una rivisitazione complessiva del contesto attuale. non si può non osservare in via preliminare come la situazione complessiva, economica e sociale, consenta margini di operatività estremamente limitati che potranno dare luogo a risultati positivi solo in presenza di amministratori pubblici con elevate capacità gestionali che però siano posti in condizione di poter lavorare senza affogare nella burocrazia imperante.1 Il tutto senza essere condizionati dalle attuali evoluzioni che hanno visto gli organi politici confrontarsi sull'argomento e ancor più, la stampa specializzata, dare spazio a tutta una serie di ipotesi operative che non possono che costituire analisi parziali. Di certo assume alto valore probabilistico il fatto che l'avvio di alcune iniziali ipotesi di fusione tra Comuni possano costituire l'inizio di una tendenza destinata ad aumentare in termini di numero fino ad essere, probabilmente, assorbita di una potenziale disposizione legislativa che ne disponga l'obbligatorietà accompagnata da misure agevolative di settore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Fusione dei Comuni: al confine tra opportunità e necessità. 1 Introduzione Il Trentino si caratterizza, unitamente ad alcuni altri territori, come Provincia Autonoma nell’ambito del panorama nazionale. L’autonomia, sia in termini di concetto e contenuti nonché di peculiarità, da molto tempo è interessata da dibattiti – in un recente passato diventati a volte veri e propri “attacchi” – che si dividono in due fronti sostanzialmente divergenti. Il primo, che evidenzia l’aspetto positivo, ovvero il fatto che l’autonomia costituisce un’opportunità nell’agire che porta ad assumersi responsabilità gestionali finalizzate al raggiungimento dei migliori risultati. Il secondo, definito tendenzialmente come negativo, vede l’autonomia come un “privilegio” che nasce da un eccesso di risorse messo a disposizione dallo Stato e che generano, quasi automaticamente, una migliore condizione di vita generale in danno delle altre Regioni e/o Province. Prescindendo dalle due linee di pensiero citate, con il presente studio avente ad oggetto la situazione attuale e prospettica dei Comuni Trentini, si vuole evidenziare come uno degli aspetti conseguenti alla situazione di “autonomia” sia stato non una semplice “autonomia” ma, per certi versi, un potenziale “eccesso di autonomia”. Tale aspetto, ovvero l’eccessiva consistenza di soggetti comunali in un territorio con una presenza demografica decisamente bassa, rappresenta appunto una possibile esasperazione dell’Autonomia. Assistiamo quindi ad una situazione nella quale piccoli paesini di qualche centinaio di abitanti hanno difeso e difendono a tutti i costi la loro indipendenza. E questo visto dall’esterno risulta difficilmente comprensibile. Recentemente però, si è iniziato a domandarsi se tale tipo di situazione sia effettivamente sostenibile nel medio – lungo periodo. Per qualche anno ci si è illusi che la situazione di difficoltà economica fosse di breve periodo e superabile. Ora, invece, si è preso coscienza che così non è e che sarà improbabile ritornare alla stessa situazione di benessere generale esistente un decennio fa. E’ emersa quindi la necessità di valutare se la consistenza, la frammentazione e la scarsa propensione alla collaborazione dei vari Comuni possa essere una condizione ulteriormente sopportabile ovvero se non sia indispensabile una rivisitazione complessiva del contesto attuale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi