Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La stabile organizzazione nel modello di convenzione Ocse contro le doppie imposizioni sui redditi

In un contesto di crescente decentramento produttivo e commerciale su scala transnazionale, la nozione di “stabile organizzazione” è utilizzata – pressoché universalmente – allo scopo di individuare il presupposto soggettivo sufficiente e necessario per l’imposizione tributaria di un’attività economica svolta nel territorio di uno Stato da un soggetto residente in un altro stato, definendo una linea di confine tra l’operare “con” uno Stato estero e l’operare “in” uno Stato estero.
La validità di tale orientamento è ampiamente riconosciuta, sia nelle convenzioni bilaterali contro le doppie imposizioni, sia nelle legislazioni nazionali.
La necessità – non soltanto teorica, ma anche e, soprattutto, pratica - di delineare un concetto organico e ben definito di “stabile organizzazione” è chiaramente dimostrata dal fatto che ci si trova di fronte ad un tema ampiamente trattato, non soltanto dagli studiosi del diritto tributario, ma anche in sede giurisprudenziale e ministeriale.
L’orientamento di gran lunga maggioritario riconosce piena validità alla definizione che della stabile organizzazione fornisce il modello di convenzione contro le doppie imposizioni sui redditi elaborato dal Comitato per gli Affari Fiscali dell’O.C.S.E., al quale si è sostanzialmente adeguata la maggior parte delle convenzioni bilaterali.
Il complesso definitorio contenuto nei sette paragrafi dell’art. 5 del sopraccitato modello di convenzione costituisce l’oggetto della mia tesi di laurea, la quale concretizza un’ampia ricerca eseguita su un vasto repertorio giurisprudenziale, dottrinale e di circolari dell’Amministrazione finanziaria; ne scaturisce un gran numero di fattispecie, delle quali alcune sono espressamente contemplate dal modello O.C.S.E., mentre altre devono essere esaminate alla luce della definizione in esso contenuta.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 In un contesto di crescente decentramento produttivo e commerciale su scala transnazionale, la nozione di stabile organizzazione Ł utilizzata pressochŁ universalmente allo scopo di individuare il presupposto soggettivo sufficiente e necessario per l imposizione di un attivit economica svolta nel territorio di uno Stato da un soggetto residente in altro Stato (1), definendo una linea di confine tra l operare con uno stato estero e l operare in uno Stato estero (2). La validit di tale orientamento, infatti, Ł ampiamente riconosciuta sia nelle convenzioni bilaterali contro le doppie imposizioni, sia nelle legislazioni nazionali. Anche l ordinamento tributario italiano impiega ______________ (1)S.M. CARBONE, La nozione di stabile organizzazione e la sua operativit , in AA.VV., Operazioni internazionali e fiscalit , Milano, 1987, p. 45 ss. e ivi a p. 46. (2)P. VALENTE, Stabile organizzazione e modello OCSE, in Corr. Trib., 1997, p. 2337 ss. e ivi a p. 2337.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Davide Manina Contatta »

Composta da 235 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10850 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.