Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Impatto socio-ambientale dei prodotti di origine animale

Tra i maggiori sbagli compiuti dall'uomo vi è il modo in cui egli si è rapportato, e continua a rapportarsi, nei confronti del pianeta: secondo molte moderne filosofie, ed anche secondo diversi antichi, tra i quali Pitagora, l’uomo non è al vertice della piramide, né esiste una piramide che classifica gli individui in base alla loro importanza: l’uomo è parte della natura, esattamente come tutti gli altri esseri viventi. Il suo dovere è vivere utilizzando al meglio le risorse che gli sono realmente necessarie, tentando di avere un impatto su tutto ciò che è a lui esterno più basso possibile.
Arne Naess, uno dei principali teorici di tale pensiero, iniziò a diffondere le sue idee dopo il rapporto del Club di Roma circa i limiti dello sviluppo del 1972, che richiamava l’attenzione mondiale su problemi quali inquinamento, boom demografico ed esaurimento delle risorse non rinnovabili. Egli sosteneva che non è sufficiente modificare a livello economico e politico l’assetto mondiale relativo ai problemi ambientali, ma è in primis il comportamento e l’idea che l’uomo ha nei confronti dell’ambiente che devono essere modificati.
È necessario passare da un sistema di tipo antropocentrico, che vede l’uomo come centrale e predominante sulle altre specie e sull’ambiente, e giustifica di conseguenza il suo sfruttamento indiscriminato delle risorse in quanto presenti apposta per lui, ad uno biocentrico, che vede invece l’essere umano come una delle parti costituenti il sistema a pari con le altre, che è tenuto a rispettare e salvaguardare. L’uomo non ha “diritti speciali” rispetto alla natura, e non è superiore ad essa: ne è semplicemente parte.
Abbiamo creato una società in cui il 4% della popolazione gode di effettivo benessere. Lo sviluppo a cui siamo giunti, il livello di modernità a cui ora siamo abituati non solo sta distruggendo il pianeta, ma non sta servendo quasi a nessuno, essendo una tale percentuale veramente esigua.
Tra le principali cause, vi è indubbiamente il modo in cui l'uomo si alimenta. Il “progresso” ha portato ad un aumento smisurato del consumo di prodotti di origine animale, con conseguenze negative per l'ambiente e per l'uomo stesso.
In questo elaborato l'attenzione verrà focalizzata sui cambiamenti inerenti l'alimentazione degli individui, cambiamenti così profondi da influenzare ampiamente molti altri ambiti: quello sociale, quello relativo all'inquinamento, alla sostenibilità, all'economia, all'etica, e via dicendo. Il modo in cui mangiamo, a ben vedere, tocca ogni aspetto del vivere.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Oggi, nei primi mesi del 2016, assistiamo a cambiamenti forti nelle abitudini e negli stili di vita dell'essere umano. Tutto è cambiato non solo rispetto ai secoli precedenti, ma anche in porzioni di tempo ben più piccole: basta voltare lo sguardo ad un passato distante solo qualche decennio per osservare più o meno increduli le nette differenze con il presente. Tra i maggiori sbagli compiuti dall'uomo vi è il modo in cui egli si è rapportato, e continua a rapportarsi, nei confronti del pianeta: secondo molte moderne filosofie, ed anche secondo diversi antichi tra i quali Pitagora, 1 l’uomo non è al vertice della piramide, né esiste una piramide che classifica gli individui in base alla loro importanza: l’uomo è parte della natura, esattamente come tutti gli altri esseri viventi. Il suo dovere è vivere utilizzando al meglio le risorse che gli sono realmente necessarie, tentando di avere un impatto su tutto ciò che è a lui esterno più basso possibile. 2 Arne Naess, uno dei principali teorici di tale pensiero, iniziò a diffondere le sue idee dopo il rapporto del Club di Roma 3 circa i limiti dello sviluppo (1972), che richiamava l’attenzione mondiale su problemi quali inquinamento, boom demografico ed esaurimento delle risorse non rinnovabili. Egli sosteneva che non è sufficiente modificare a livello economico e politico l’assetto mondiale relativo ai problemi ambientali, ma è in primis 1 P. Singer, Liberazione animale, Il Saggiatore, Milano, 2003, p.199. 2 L. Caimi, Coscienza ambientale e educazione alla legalità, Vita e Pensiero, Milano, 2006 p. 75. 3 Associazione non governativa la cui missione è individuare i principali problemi che l'umanità si troverà ad affrontare, ricercandone possibili soluzioni. 6

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Cooperazione Intenazionale

Autore: Martina Conchione Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1443 click dal 19/07/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.