Skip to content

Leandro Arpinati. Un gerarca fascista fra calcio e politica

Informazioni tesi

  Autore: Filippo Ricciarelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Fulvio Conti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

Questo elaborato ha come oggetto di trattazione una figura atipica all’interno del Fascismo italiano: Leandro Arpinati, colui che fu padrone assoluto di Bologna per un decennio ed importantissimo collaboratore di Mussolini. Egli, nato nella provincia emiliana alla fine dell’Ottocento, in un territorio fertile di varie ideologie, è riuscito, grazie alla sua tenacia e spregiudicatezza, a costruirsi un ‘iter’ politico personale di tutto rispetto, conquistando la Romagna e poi l’Italia, nel periodo più turbolento della sua storia: in quegli anni emerse trionfale la figura di Benito Mussolini, sagace protagonista della politica italiana del primo ventennio del Novecento, diventato poi padrone assoluto del paese grazie alla sua più riuscita creazione, il Partito Nazionale Fascista (PNF), ed ai suoi ambiziosi collaboratori. Arpinati sostenne la causa del suo amico fin dagli inizi, quando si formarono le prime squadre di ‘arditi’ e squadristi a Milano e a Bologna; il suo contributo fu fondamentale per la vertiginosa ed irresistibile ascesa del Fascismo in Italia, con la seguente instaurazione del regime totalitario con a capo il Duce. Egli ha cambiato inavvertitamente la storia del nostro Paese. Perché allora la sua figura si ritrova nel dimenticatoio, mentre vengono conservate le memorie di altri gerarchi (vedi Dino Grandi, Italo Balbo, ecc.) che furono relegati in secondo piano dalla sua presenza imponente? Col tempo, i dubbi covati negli anni contro il percorso politico di Mussolini, uniti al suo codice etico personale, si scontrarono con un regime ormai burocratizzato e tentacolare: ogni tentativo di conservazione della propria idea ed identità fu inutile e, attaccato dai suoi vecchi nemici e dai nuovi ambiziosi colleghi, cadde in disgrazia negli anni Trenta perché reo di non aver mai chinato la testa di fronte agli ordini del Duce. Venne mandato al confino, segregato nella sua tenuta di Malacappa e perseguitato come oppositore del Fascismo, mentre ogni suo ricordo o gesto compiuto con la ‘camicia nera’ venne cancellato dagli annali; ironia della sorte volle che i suoi funerali si celebrassero il giorno stesso della fucilazione di Mussolini e di Starace, suo più acerrimo rivale.
Questa è la motivazione principale per la quale questo elaborato è stato creato: esporre le vicende e le controversie di un gerarca bolognese ingiustamente cancellato dalla storia o trattato in maniera sommaria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Questo elaborato ha come oggetto di trattazione una figura atipica all’interno del Fascismo italiano: Leandro Arpinati, colui che fu padrone assoluto di Bologna per un decennio ed importantissimo collaboratore di Mussolini. Egli, nato nella provincia emiliana alla fine dell’Ottocento, in un territorio fertile di varie ideologie, è riuscito, grazie alla sua tenacia e spregiudicatezza, a costruirsi un ‘iter’ politico personale di tutto rispetto, conquistando la Romagna e poi l’Italia, nel periodo più turbolento della sua storia: in quegli anni emerse trionfale la figura di Benito Mussolini, sagace protagonista della politica italiana del primo ventennio del Novecento, diventato poi padrone assoluto del paese grazie alla sua più riuscita creazione, il Partito Nazionale Fascista (PNF), ed ai suoi ambiziosi collaboratori. Arpinati sostenne la causa del suo amico fin dagli inizi, quando si formarono le prime squadre di ‘arditi’ e squadristi a Milano e a Bologna; il suo contributo fu fondamentale per la vertiginosa ed irresistibile ascesa del Fascismo in Italia, con la seguente instaurazione del regime totalitario con a capo il Duce. Egli ha cambiato inavvertitamente la storia del nostro Paese. Perché allora la sua figura si ritrova nel dimenticatoio, mentre vengono conservate le memorie di altri gerarchi (vedi Dino Grandi, Italo Balbo, ecc.) che furono relegati in secondo piano dalla sua presenza imponente? Col tempo, i dubbi covati negli anni contro il percorso politico di Mussolini, uniti al suo codice etico personale, si scontrarono con un regime ormai burocratizzato e tentacolare: ogni tentativo di conservazione della propria idea ed identità fu inutile e, attaccato dai suoi vecchi nemici e dai nuovi ambiziosi colleghi, cadde in disgrazia negli anni Trenta perché reo di non aver mai chinato la testa di fronte agli ordini del Duce. Venne mandato al confino, segregato nella sua tenuta di Malacappa e perseguitato come oppositore del Fascismo, mentre ogni suo ricordo o gesto compiuto con la ‘camicia nera’ venne cancellato dagli annali; ironia della sorte volle che i suoi funerali si celebrassero il giorno stesso della fucilazione di Mussolini e di Starace, suo più acerrimo rivale. Questa è la motivazione principale per la quale questo elaborato è stato creato: esporre le vicende e le controversie di un gerarca bolognese ingiustamente cancellato dalla storia o trattato in maniera sommaria. L’unico metodo per poterle ricostruire integralmente è ricercare nei luoghi da lui frequentati qualche segno ancora oggi tangibile della sua presenza: ecco quindi spiegata la presenza di un intero capitolo dedicato al calcio, sport che proprio in quegli anni di regime diventò il primo passatempo della popolazione, assuefatta gradualmente (ma mai totalmente) all’ideologia del Fascismo che veniva esaltata e propagandizzata proprio grazie alla promozione di questo tipo di attività. L’espediente dello ‘spettacolo di massa’

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fascismo
mussolini
bologna
figc
pnf
starace
arpinati
malacappa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi