Skip to content

Il Catalogo delle Prestazioni, uno strumento per migliorare l’appropriatezza delle indagini microbiologiche

Informazioni tesi

  Autore: Fabiola Martino
  Tipo: Tesi di Master
Master in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie
Anno: 2015
Docente/Relatore: Pino Saladini
Istituito da: Università Telematica TEL.M.A.
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

La riforma del Servizio Sanitario Italiano, a seguito dell’emanazione del D. Lgs. 502/92, e successive modifiche ed integrazioni (D. Lgs. 229/99), prevede la realizzazione di un sistema aziendalizzato con l’obiettivo di: massimizzare il margine di recupero dell’efficienza, ridurre i costi di produzione dei servizi e migliorare la qualità delle prestazioni sanitarie.
Il management dell’Azienda Sanitaria ha la responsabilità e l’obiettivo di posizionare la propria azienda all’interno del proprio mercato, utilizzando risorse umane e materiali per garantire una migliore qualità dell’assistenza, con conseguente miglioramento della tutela della salute dei cittadini e del loro stato di salute. Migliorare la qualità delle prestazioni comporta l’analisi e l’attuazione di interventi correttivi sui processi aziendali. All’interno di questa nuova visione del Servizio Sanitario, la necessità di salute dei pazienti, assume grande importanza, tale da assumere un ruolo centrale nelle Strutture Sanitarie che tendono perciò, al miglioramento dell’efficacia clinica e dell’appropriatezza. Tutto il sistema viene quindi rivisto in funzione della sicurezza e della qualità dell’assistenza applicando la teoria del Governo Clinico, un approccio metodologico, una strategia, mediante il quale le strutture sanitarie si rendono responsabili del miglioramento continuo della qualità dei servizi favorendo la creazione di un ambiente che incoraggi l’acquisizione e l’accrescimento dell’eccellenza professionale.
La gestione del Risk Management è divenuto nel corso degli anni uno strumento operativo di grande importanza che si inserisce all’interno della pratica del Governo Clinico. Il Risk Management descrive l’insieme delle azioni messe in atto per migliorare la qualità delle prestazioni sanitarie e garantire la sicurezza del paziente. Esso comprende l’insieme delle azioni volte a ridurre gli eventi dannosi e gli errori che possono verificarsi nel corso del processo clinico, assistenziale e diagnostico, monitorando in modo sistematico gli eventi e rivedendo i motivi e le cause che hanno condotto ad eventi avversi al fine di ridurli o prevenirli con cambiamenti organizzativi e professionali. In sistemi complessi come le strutture sanitarie, l’errore umano è da considerarsi probabile, e va affrontato con atteggiamento positivo: prendere atto del fatto e analizzarle con strumenti e metodologie per la mappatura e la gestione del rischio. Le strutture sanitarie, perciò pongono particolare attenzione all’analisi dei rischi, ai sistemi di prevenzione e ai vari processi che possono essere suscettibili ad errori, che divengono oggetto di analisi e verifica per migliorare la sicurezza dei pazienti e degli operatori.
L’attività del Laboratorio influenza notevolmente il processo decisionale dei clinici, i ricoveri, le dimissioni e le terapie, ad esempio, si basano su risultati di esami di Laboratorio, da questo si deduce che la qualità degli esami e dei risultati forniti dal Laboratorio rivestono un ruolo di fondamentale importanza. Il processo analitico prevede una serie di processi tra loro correlati, ognuno dei quali comprende una serie di fasi, ciascuna delle quali porta con sé un certo rischio di incorrere in un errore.
Gli errori possono verificarsi sia all’interno del Laboratorio che al di fuori di esso. Le attività e le procedure impiegate in Laboratorio sono ben definite e standardizzate e quindi facilmente controllabili. L’errore di Laboratorio può essere definito come “un difetto che si verifica in qualunque parte del ciclo del Laboratorio, dal momento della richiesta dell’esame alla refertazione, alla interpretazione corretta dell’esame ed alla appropriata reazione a questa informazione”. Alla luce di questa definizione, il Laboratorio deve assumersi la responsabilità dell’intero ciclo analitico: dalla richiesta dell’esame da parte del medico, al riconoscimento del significato del risultato refertato. Per realizzare il controllo completo del processo analitico è necessario il coinvolgimento di tutti i professionisti che contribuiscono ad ottenere la qualità dell’intero processo.
In passato, l’attenzione agli errori analitici è stata focalizzata sugli errori intra-analitici e sugli errori che portavano ad eventi avversi, trascurando i “quasi errori” che non producono, almeno in apparenza, danni per il paziente. La prospettiva perciò, era limitata a quanto accadeva dentro il Laboratorio e quindi si tendeva ad individuare solo gli errori analitici ed alcuni errori pre-analitici. Nel corso degli ultimi decenni il numero degli errori analitici si è significativamente ridotto grazie al miglioramento della qualità delle attività di Laboratorio dovute sia all’introduzione dei controlli di qualità, interni ed esterni, che, naturalmente, al costante avanzamento delle tecnologie analitiche. Attualmente, la gran parte degli errori ormai viene registrata nelle fasi pre e post-analitiche, cioè quelle al di fuori del controllo del Laboratorio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Pag 3 Governo Clinico e Gestione del Rischio La riforma del Servizio Sanitario Italiano e il Governo Clinico La riforma del Servizio Sanitario Italiano, a seguito dell’emanazione del Decreto Legislativo 502/92, e successive modifiche ed integrazioni (Decreto Legislativo 229/99), prevede la realizzazione di un sistema aziendalizzato con l’obiettivo di: massimizzare il margine di recupero dell’efficienza, ridurre i costi di produzione dei servizi e migliorare la qualità delle prestazioni sanitarie. Il management dell’Azienda Sanitaria ha la responsabilità e l’obiettivo di posizionare la propria azienda all’interno del proprio mercato, utilizzando risorse umane e materiali per garantire una migliore qualità dell’assistenza, con conseguente miglioramento della tutela della salute dei cittadini e del loro stato di salute. Migliorare la qualità delle prestazioni comporta l’analisi e l’attuazione di interventi correttivi sui processi aziendali. L’aziendalizzazione ha reso necessaria l’introduzione di sistemi e strumenti che forniscano informazioni, consentano la formulazione di obiettivi e la loro programmazione e verifica. All’interno di questa nuova visione del Servizio Sanitario, la necessità di salute dei pazienti, assume grande importanza, tale da assumere un ruolo centrale nelle Strutture Sanitarie che tendono perciò, al miglioramento dell’efficacia clinica e dell’appropriatezza. Tutto il sistema viene quindi rivisto in funzione della sicurezza e della qualità dell’assistenza. Si assiste alla ridefinizione di responsabilità, autonomie e relazioni tra i professionisti, si conferiscono loro nuovi poteri gestionali e di indirizzo sulle politiche aziendali, come l'attribuzione di specifiche responsabilità gestionali, si definisce l’autonomia tecnico-gestionale ed economico-finanziaria dei distretti, si istituiscono i dipartimenti, con poteri gestionali e di organizzazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

microbiologia
appropriatezza
governo clinico
rischio clinico
errori in laboratorio
laboratorio
tesi master management e coordinamento
catalogo delle prestazioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi