Skip to content

Evoluzione di un proemio: eredità e metamorfosi in Esiodo e Nonno di Panopoli

Informazioni tesi

  Autore: Beatrice Generali
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scuola di Lettere e Beni culturali
  Corso: Lettere
  Relatore: Simonetta Nannini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 82

La tesi parte dall'analisi del proemio della Teogonia di Esiodo, primo poema epico che secondo la tradizione ha un autore dall'identità certa e non leggendaria, e delle sue caratteristiche tipiche dell'età arcaica (di cui si descrivono i caratteri della letteratura per sommi capi).
La seconda parte, invece, tratta del proemio dell'ultimo grande poema epico del V° secolo d.C che il tempo ci ha trasmesso, Le dionisiache dell'autore egiziano Nonno di Panopoli. Dei due proemi si vogliono cogliere le analogie ma in particolar modo le differenze, che sono dovute alle enormi trasformazioni avvenute soprattutto a livello storico e linguistico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione. 1. Proemi e inni. Che cos'è un proemio? Qual è la sua funzione? In che modo è nato? Si è evoluto, modificando il proprio aspetto formale, contenutistico, e infine tradizionale? Oppure ha mantenuto inviolate le proprie caratteristiche? Come deve iniziare una poesia è parte definita dalla teoria retorica. Ma i poeti sanno che la celebrazione solenne dell’inizio è cosa che ben oltre la retorica: l’esordio è un’inaugurazione che deve compiersi sotto i migliori auspici. C’è quasi una liturgia (e si vedrà che la parola liturgia acquisisce una sfumatura più che adeguata quando si parla di proemio) che aiuta a uscire dal silenzio, e permette di immergersi nell’universo letterario. Al confine tra parola poetica e parola ancora fuori dalla poesia, il proemio – preannuncio di un canto che segue – è già canto e ancora non lo è. Mentre invoca come ispiratrice la Musa, o la divinità cui l’inno è rivolto, il proemio delimita, in un certo senso, i contenuti precisi della sua poesia, ritaglia gli estremi di un discorso virtualmente ancora indefinito e pluripotente. Aristotele lo definisce in tal modo: «δεῖγμά ἐστιν τοῦ λόγου, ἵνα προειδῶσι περὶ οὗ [ᾖ] ὁ λόγος καὶ μὴ κρέμηται ἡ διάνοια 1 - [ nei discorsi e nell’epica ] si ha un’esposizione del soggetto, in modo che (gli ascoltatori) sappiano in anticipo di che cosa parla il discorso e il pensiero non resti in sospeso.» Quintiliano 2 invece scrive: «[1] Quod principium Latine uel exordium dicitur, maiore quadam ratione Graeci uidentur τὸ προοίμιον nominasse, quia a nostris initium modo significatur, illi satis clare partem hanc esse ante ingressum rei, de qua dicendum sit, ostendunt. [2] Nam siue propterea quod oἴμη cantus est et citharoedi pauca illa, quae antequam legitimum certamen 1 Aristotele, Rhet. III, 1415 a , 12 ss. 2 Institutio Oratoria, IV, I, 1-3. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

esiodo
teogonia
nonno di panopoli
dionisiache

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi