Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nell'ombra di Paperino. Idealismo e scetticismo nei fumetti di Carl Barks.

La tesi è divisa in due parti. La prima affronta innanzitutto il tema della nascita del fumetto, parlando della struttura che lo caratterizza, detta iterativa, e delle polemiche riguardo la valenza pedagogica che ne accompagnarono la nascita e l’affermarsi.
Verrà poi trattato il problema della definizione del fumetto come tipico mezzo della società dell’immagine e quello dell’educazione all’immagine.
La conclusione della prima parte verterà sul tema delle implicazioni psicologiche della fruizione del fumetto e del processo psichico (identificazione) attraverso cui queste si verificano.
La seconda parte si aprirà motivando la scelta del personaggio che verrà analizzato e dell’autore che ne ha forgiato il carattere per come è ancora oggi conosciuto. Verrà poi descritta la nascita e la storia di Donald Duck anche attraverso riferimenti alla “gestione” del personaggio da parte di altri autori.
Si entrerà così nel vivo del lavoro analizzando le “sfaccettature psicologiche” di Paperino, le relazioni che intercorrono tra i vari personaggi che occupano il suo mondo e, soprattutto, la relazione che intercorre tra Donald e il suo Autore per antonomasia, appunto Carl Barks, universalmente conosciuto come “l’Uomo dei paperi”.
Nei successivi tre paragrafi verranno analizzate nove storie, scelte tra le quasi settecento prodotte da Barks. Essi saranno costituiti da tre storie ciascuno e porranno l’attenzione, in successione, su Donald, Barks e Scrooge McDuck.
Nella parte conclusiva, verrà proposta una chiave di lettura del personaggio Paperino, attraverso l’analisi del periodo storico in cui esso si sviluppa e, soprattutto, attraverso l’analisi della personalità del suo Autore così come traspare dal pochissimo materiale esistente sul suo conto.
Altro punto qualificante di questa parte finale, e che comunque trapela qua e là per tutto questo lavoro, sarà il tentativo di mettere in relazione la personalità di Paperino e il suo rapporto con Paperone con il rapporto che esisteva tra Carl Barks e il proprietario del marchio del suo lavoro: Walt Disney.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREVIEW Carl Barks è il nome del Cartoonist che ha creato, dall’agosto del 1942 e per i venticinque anni successivi, le più belle storie di Paperino nelle quali il personaggio è forgiato così come è conosciuto e si è stagliato nei nostri pensieri ancora oggi. Egli è anche il creatore di Zio Paperone. Sembra impossibile evitare le solite cose che si dicono di questo personaggio, Paperino, definito, secondo cliché oramai consunti, sfortunato, iroso, nullafacente, svogliato, scansafatiche, collerico, e così via. Eppure, sullo sfondo delle sue/loro storie emerge una dirompente poliedricità dei personaggi dietro ai quali ci si rende via via conto esserci la carica rivoluzionaria di un anonimo quarantenne, che quasi per caso si risolse a fare il disegnatore alla corte dell’impero di Walt Disney. E quali sono le “implicazioni” psicologiche della lettura di fumetti? Quale processo psichico viene innescato? Chi è Paperino? Che significato ha la relazione che si instaura tra lui, Paperone, Qui Quo Qua, Gastone, Paperina e gli altri personaggi? Perché sulla cresta dell’onda per oltre settant’anni non sono rimasti personaggi rassicuranti e in grado di insegnarci la differenza tra il bene e il male, personaggi che si muovano secondo una logica comprensibile a tutti e alle cui scelte si possa guardare senza rimanere allibiti prima che, questo sia ben chiaro, divertiti? Ma, soprattutto, che relazione intercorre tra Donald e il suo Autore per antonomasia, appunto Carl Barks, universalmente conosciuto come “l’Uomo dei paperi”, e tra questi e il proprietario del marchio del suo lavoro, Walt Disney? <<Non mi piaceva di essere costantemente pressato e non mi piaceva che ci fossero tanti piccoli capetti che ti guardavano dietro le spalle per controllare come lavoravi, criticando continuamente il lavoro. Non ho provato gradimento a lavorare per Disney nei suoi studi>>. Barks così descrive il suo rapporto con gli studi Disney. Iniziamo ora un viaggio. Piuma dopo piuma, attraverso gli episodi della vita condotta sotto il cielo di Barks, cercheremo di scoprire i contorni di Donald. Attenzione a non perderci. E attenzione a non diventare come lui. Con l’augurio di non esserci già.

Tesi di Laurea

Facoltà: Magistero

Autore: Massimiliano Lucarelli Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8025 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.