Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Traduzione, analisi e commento traduttologico di un concept album: The Wall (Pink Floyd)

In questo lavoro viene effettuato il commento traduttologico dei testi di un album musicale, nello specifico The Wall, album dei Pink Floyd lanciato sul mercato nel novembre del 1979.
In primo luogo, va precisato che la scelta di commentare una tipologia testuale da un punto di vista formale avvicinabile ai testi poetici – la struttura dei testi, che caratterizzano il canale, è infatti, come un testo poetico, in versi –, che però si differiscono dai testi poetici per il contesto in cui sono inseriti, ovvero per la loro collocazione – un album musicale –, è stata effettuata al fine di evidenziare le problematiche traduttive che possono riguardare le fasi di interpretazione e di traduzione dei testi stessi. Questa traduzione si presenta come un contributo all'analisi di un'opera musicale i cui testi sono pubblicati, con annessa traduzione a fronte, all'interno di libri tematici raggruppati solitamente per gruppi musicali, e quindi destinati agli appassionati di un certo gruppo che mirino a comprendere il significato dei testi per poterli tradurre.
In generale, il traduttore non limita il suo lavoro a un mero processo di trasferimento interlinguistico, ma valuta la maggiore precisione della traduzione, ambendo a consentire al lettore del metatesto la maggior chiarezza possibile, che, nel nostro caso – ribadiamo – si è ritenuta attuabile solo attraverso una traduzione il più possibile letterale. Al fine di poter giustificare le scelte traduttive, si è reso necessario disporre di due diverse traduzioni in modo da poterne effettuare un confronto e osservare le divergenze.
Partendo da una visione di insieme della traduzione tramite i contributi da parte dei diversi teorici della traduzione, vengono commentati i problemi teorici che possono derivare da una traduzione, sia essa libera o, come nel caso delle nostre traduzioni, letterale. Si passa dunque ad analizzare approfonditamente il prototesto e le sue caratteristiche, dalla tipologia testuale al destinatario fino a giungere a decretare le funzioni del testo stesso. Viene altresì commentato lo stile impiegato dall'autore, nell'auspicio di rispettarlo, assieme alle proprietà linguistiche tipiche della lingua inglese e della lingua italiana, nel testo tradotto.
Il commento traduttologico verterà principalmente sul confronto tra le scelte traduttive, discutendo i possibili problemi che possono emergere prima di effettuarle, i quali riguardano perlopiù il lessico (le espressioni idiomatiche e figurate, i termini e le espressioni familiari, colloquiali e popolari).
Lo scopo sarà quello di dimostrare la traducibilità del testo nonostante sia le difficoltà nella comprensione della resa di alcune espressioni che una traduzione letterale, scelta con l'obiettivo di condurre il lettore, rendendolo partecipe, all'interno dei testi, non potrà mai riprodurre, sia le discordanze linguistiche in merito agli idiotismi. La traducibilità del testo si potrà dire ottenuta una volta dimostrata l'integrità dei contenuti, dello stile e dei registri, nella pur piena consapevolezza che un'equivalenza perfetta non è raggiungibile.

Mostra/Nascondi contenuto.
Abstract In questo lavoro viene effettuato il commento traduttologico dei testi di un album musicale, nello specifico The Wall, album dei Pink Floyd lanciato sul mercato nel novembre del 1979. In primo luogo, va precisato che la scelta di commentare una tipologia testuale da un punto di vista formale avvicinabile ai testi poetici – la struttura dei testi, che caratterizzano il canale, è infatti, come un testo poetico, in versi –, che però si differiscono dai testi poetici per il contesto in cui sono inseriti, ovvero per la loro collocazione – un album musicale –, è stata effettuata al fine di evidenziare le problematiche traduttive che possono riguardare le fasi di interpretazione e di traduzione dei testi stessi. Questa traduzione si presenta come un contributo all'analisi di un'opera musicale i cui testi sono pubblicati, con annessa traduzione a fronte, all'interno di libri tematici raggruppati solitamente per gruppi musicali, e quindi destinati agli appassionati di un certo gruppo che mirino a comprendere il significato dei testi per poterli tradurre. In generale, il traduttore non limita il suo lavoro a un mero processo di trasferimento interlinguistico, ma valuta la maggiore precisione della traduzione, ambendo a consentire al lettore del metatesto la maggior chiarezza possibile, che, nel nostro caso – ribadiamo – si è ritenuta attuabile solo attraverso una traduzione il più possibile letterale. Al fine di poter giustificare le scelte traduttive, si è reso necessario disporre di due diverse traduzioni in modo da poterne effettuare un confronto e osservare le divergenze. Partendo da una visione di insieme della traduzione tramite i contributi da parte dei diversi teorici della traduzione, vengono commentati i problemi teorici che possono derivare da una traduzione, sia essa libera o, come nel caso delle nostre traduzioni, letterale. Si passa dunque ad analizzare approfonditamente il prototesto e le sue caratteristiche, dalla tipologia testuale al destinatario fino a giungere a decretare le funzioni del testo stesso. Viene altresì commentato lo stile impiegato dall'autore, nell'auspicio di rispettarlo, assieme alle proprietà linguistiche tipiche della lingua inglese e della lingua italiana, nel testo tradotto. Il commento traduttologico verterà principalmente sul confronto tra le scelte traduttive, discutendo i possibili problemi che possono emergere prima di effettuarle, i quali riguardano perlopiù il lessico (le espressioni idiomatiche e figurate, i termini e le 3

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Federico Favaro Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1397 click dal 19/10/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.