Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il consenso preparatorio: il ruolo dei medici socialdarwinisti e il nazismo

Col presente studio ci si propone di analizzare lo sviluppo delle teorie che portarono dal socialdarwinismo agli orrori dei Konzentrationslagern tedeschi.
In particolare si esaminerà la situazione della classe intellettuale tedesca e le istanze di riforma sociale da essa sostenute, che avrebbero dovuto portare ad un mondo migliore, ma che in realtà giunsero fino ad una disumanizzazione della medicina tedesca.
Non si prenderanno in considerazione quei fatti legati alla sperimentazione sui prigionieri dei KZ e ormai tristemente noti, bensì ci si dedicherà totalmente all'evoluzione del pensiero medico-sociale e della peculiarità da esso assunta in Germania. In questa terra infatti gli intellettuali (medici e biologi in particolare) proveranno ad imporre le proprie direttive alla politica ed attraverso di essa alla società, ma per far ciò dovranno venire a patti col regime nazista ed accettarne il carattere autoritario.
Si tenterà di illustrare inoltre la scelta di fronte alla quale i medici tedeschi si troveranno, vale a dire quella di diventare semplici burocrati al servizio dello Stato, o di continuare ad avere una posizione di spicco, nell'inseguimento utopico di una realtà guidata dalla classe intellettuale e nell'ambito della quale alla ricerca sarà tutto concesso.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Col presente studio ci si propone di analizzare lo sviluppo delle teorie che portarono dal socialdarwinismo agli orrori dei Konzentrationslagern tedeschi. In particolare si esaminerà la situazione della classe intellettuale tedesca e le istanze di riforma sociale da essa sostenute, che avrebbero dovuto portare ad un mondo migliore, ma che in realtà giunsero fino ad una disumanizzazione della medicina tedesca. Non si prenderanno in considerazione quei fatti legati alla sperimentazione sui prigionieri dei KZ e ormai tristemente noti, bensì ci si dedicherà totalmente all'evoluzione del pensiero medico-sociale e della peculiarità da esso assunta in Germania. In questa terra infatti gli intellettuali (medici e biologi in particolare) proveranno ad imporre le proprie direttive alla politica ed attraverso di essa alla società, ma per far ciò dovranno venire a patti col regime nazista ed accettarne il carattere autoritario.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giovanna Franchina Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2144 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.