Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Microcredito e Banca Etica

Dalla nascita delle prime forme di microcredito all'affermarsi della Banca Etica

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo quarto IL MICROCREDITO IN EUROPA Prima del boom economico, che ha interessato il vecchio continente dalla fine della seconda guerra mondiale, i Paesi europei erano caratterizzati da una massiccia presenza di poveri, completamente esclusi dal circuito finanziario tradizionale, per lo più rivolto a imprenditori e al ceto borghese. Questa situazione socio-economica, tipica soprattutto delle campagne in cui viveva la maggior parte della popolazione europea, ha portato alla creazione e al consolidamento di istituti finanziari che si rivolgevano ai poveri e agli esclusi del mercato formale. Le prime esperienze di microcredito sono nate in Inghilterra, Germania e Italia durante l’Ottocento e si basavano sulla mutualità e sul cooperativismo. L’esempio più conosciuto e di successo è rappresentato dal modello tedesco delle cooperative Raiffeisen che vista la loro capacità di sostenersi e di offrire servizi, sono state esportate successivamente in quasi tutti i Paesi europei, pur con cambiamenti per adeguarle al contesto locale. Negli ultimi anni, nonostante il contesto storico e socio-economico sia notevolmente cambiato rispetto a sessanta anni fa, il fenomeno dell’esclusione finanziaria rimane uno dei fattori che accompagna la marginalizzazione economica di molti segmenti della società moderna che soffrono una condizione di povertà e di esclusione. Malgrado il contesto di benessere e la forte finanziarizzazione dell’Europa di oggi, esistono ancora soggetti che si trovano in situazioni di marginalità ed esiste anche nei Paesi europei un target potenziale per le istituzioni che intendono promuovere e sviluppare interventi di microcredito. Per tale ragione, negli ultimi anni, l’Unione Europea ha riservato grande attenzione al microcredito come strumento essenziale delle politiche di inclusione sociale e di contrasto all’esclusione finanziaria. Lo strumento del microcredito ha acquisito maggiore risalto in seguito alla trasformazione subita negli ultimi anni dall’economia dell’UE che è passata da un   26

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Maria Grazia Codamo Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1787 click dal 14/10/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.