Skip to content

L'acquisto di azioni proprie e la relazione dell'organo amministrativo: un'indagine empirica

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Giulietti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università Politecnica delle Marche
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Legislazione per l'Impresa
  Relatore: Marco  Giuliani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 310

L’acquisto di azioni proprie è considerata una manovra complessa e di natura controversa, la cui legittimità è stata a lungo messa in discussione. Varie possono essere le finalità che lo giustificano: dalle più semplici, quale la vendita ad un prezzo superiore a quello d’acquisto, alle più articolate, tra cui il tentativo di opporsi alla conquista del controllo di una società, mediante la riduzione del numero di azioni della stessa in circolazione. Le motivazioni sottostanti l’acquisto di azioni proprie sono dunque molteplici e non tutte immediatamente comprensibili.
Per valutare correttamente gli effetti di tale operazione, è necessario far riferimento all’economia dell’impresa e, soprattutto, degli obiettivi strategici che il suo organo amministrativo si pone. Ecco quindi perché è fondamentale giustificare adeguatamente tale operazione agli azionisti.
Lo scopo del presente lavoro è analizzare criticamente a livello teorico ed empirico le motivazioni sottostanti l’acquisto di azioni proprie. A tal fine sono state analizzate le relazioni prodotte dall’organo amministrativo delle società quotate alla borsa di Milano per giustificare l’operazione in parola. L’analisi dovrebbe permettere di evidenziare eventuali gap tra teoria e prassi.
Nel primo capitolo viene analizzata la normativa nazionale in tema di acquisto di azoni proprie. Il nostro ordinamento giuridico attuale, infatti, pur evitando di tipizzare gli scopi che la società può perseguire con l’acquisto, prevede dei vincoli precisi entro cui può essere realizzata.
Nel secondo capitolo viene invece descritta la lunga diatriba intercorsa nella dottrina, relativa alla natura dell’operazione. Da un lato, viene equiparata ad un generico investimento societario e, dall’altro, ad una riduzione di capitale. Come idee così opposte generino un conflitto, sia in materia contabile che fiscale, è evidente. Esso è stato risolto con la recente riforma in materia di bilanci, che ne ha sancito definitivamente la natura.
Nel terzo capitolo vengono presentate le finalità perseguibili tramite essa e sostenute dalla dottrina. Per ognuna di queste vengono indicate le potenzialità future, senza tralasciare però le rischiosità ad esse associate.
Nel quarto capitolo, per chiarire infine quali tra i vari intenti ipotizzati a livello teorico siano maggiormente considerati nella realtà operativa delle aziende, sono analizzate le motivazioni riportate dagli organi amministrativi di alcune società quotate nel mercato italiano all’interno delle relazioni dagli stessi predisposte e rivolte ai soci. Il confronto delle relazioni con quanto sostenuto dalla dottrina aziendalistica consente di avanzare delle ipotesi che spieghino la possibile divergenza risultante, mostrando quali sono i veri intenti a cui gli amministratori mirano e come, in concreto, uno strumento così versatile ma anche fortemente aleatorio, sia utilizzato nella realtà societaria italiana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L’acquisto di azioni proprie è l’operazione con cui una società acquisisce dalla propria compagine sociale i titoli da essa emessi, divenendone così titolare. L’intervento realizzato dall’emittente sulle proprie azioni è considerata una manovra complessa e di natura controversa, la cui legittimità è stata a lungo messa in discussione. Varie possono essere le finalità che lo giustificano: dalle più semplici, quale la vendita ad un prezzo superiore a quello d’acquisto, alle più articolate, tra cui il tentativo di opporsi alla conquista del controllo di una società, mediante la riduzione del numero di azioni della stessa in circolazione. Le motivazioni sottostanti l’acquisto di azioni proprie sono dunque molteplici e non tutte immediatamente comprensibili. Vi è invero una rischiosità intrinseca ad esso associata, incrementata dall’imprevedibilità dei suoi esiti. Per valutare correttamente gli effetti di tale operazione, è necessario far riferimento all’economia dell’impresa e, soprattutto, degli obiettivi strategici che il suo organo amministrativo si pone. L’acquisto di azioni proprie, infatti, implica impiego di liquidità aziendale disponibile che viene quindi distolta dal core business. Ecco quindi che è fondamentale giustificare adeguatamente tale operazione agli azionisti. Le giustificazioni finora proposte dalla dottrina fanno riferimento ad un ampio novero di situazioni concrete che tendono ad variare in

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

società quotate
effetti contabili
effetti fiscali
organo amministrativo
motivazioni acquisto azioni proprie
effetti economia impresa
riforma bilanci
dottrina aziendalistica
finalità acquisto azioni proprie

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi