Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Libertà di espressione e diritti umani nell'Islam

Con la seguente tesi mi propongo di analizzare la questione dei diritti umani nelle società islamiche, concentrandomi in particolare sul diritto alla libertà di espressione, arrivando a chiedermi se e quanto sia possibile, ad oggi, una società islamica in cui i diritti umani vengano rispettati. Nel primo capitolo verrà affrontato il dibattito tra Islam e diritti umani; partendo dall'analisi del diritto alla libertà di espressione nella Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo del 1948; cercherò di capire come esso viene trattato nelle Carte dei diritti umani islamiche, così da aprire la discussione sull'universalità dei diritti dell'uomo. Ho cercato di capire perché tali diritti siano percepiti come un'imposizione dell'Occidente, quali siano effettivamente i punti di incontro e quelli di frizione fra le diverse società, quella occidentale e quella islamica. Infine ho analizzato la differenza del concetto di libertà tra Islam e Occidente. Nel secondo capitolo, affronto in maniera più specifica il problema della libertà di espressione. Inizialmente ho proposto un'analisi generale nei paesi del Nord Africa e in Medio Oriente, partendo dai primi periodici, fino ad occuparmi della libertà di espressione attraverso tutti i mezzi di informazione, quali i libri, Internet e i social network e le reti televisive. Successivamente ho voluto affrontare il caso dell'emittente televisiva qatarense Al-Jazeera, simbolo di una rivoluzione nel campo dell'informazione e del sapere, che ha infranto molti tabù nella società islamica, e spianato la strada a programmi televisivi diversi, dibattiti, scambi di opinioni, volti femminili sugli schermi. Infine ho approfondito come viene trattato il diritto alla libertà di espressione, di pensiero e di informazione in Egitto e in Arabia Saudita, esaminando le norme e le leggi che li regolano. Ho analizzato tutti i mezzi con i quali possiamo esprimerci e attingere informazioni, da Internet alle reti e ai programmi televisivi, dai libri ai quotidiani, soffermandomi sui sistemi di controllo e di censura, e sulle conseguenze di chi non rispetta tali leggi. Nel terzo capitolo ho provato a capire se sia possibile una società islamica che abbracci i diritti umani, li garantisca, senza tradire la religione e la cultura, e come possa effettivamente costruirsi una tale società, con uno sguardo critico verso i regimi dittatoriali e i rapporti, spesso contrastanti con quell'Occidente che chiede il rispetto dei diritti umani, ma stringe rapporti economici con quei paesi che non li garantiscono.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Con la seguente tesi mi propongo di analizzare la questione dei diritti umani nelle società islamiche, concentrandomi in particolare sul diritto alla libertà di espressione, arrivando a chiedermi se e quanto sia possibile, ad oggi, una società islamica in cui i diritti umani vengano rispettati. Nel primo capitolo verrà affrontato il dibattito tra Islam e diritti umani; partendo dall'analisi del diritto alla libertà di espressione nella Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo del 1948; cercherò di capire come esso viene trattato nelle Carte dei diritti umani islamiche, così da aprire la discussione sull'universalità dei diritti dell'uomo. Ho cercato di capire perché tali diritti siano percepiti come un'imposizione dell'Occidente, quali siano effettivamente i punti di incontro e quelli di frizione fra le diverse società, quella occidentale e quella islamica. Infine ho analizzato la differenza del concetto di libertà tra Islam e Occidente. Nel secondo capitolo, affronto in maniera più specifica il problema della libertà di espressione. Inizialmente ho proposto un'analisi generale nei paesi del Nord Africa e in Medio Oriente, partendo dai primi periodici, fino ad occuparmi della libertà di espressione attraverso tutti i mezzi di informazione, quali i libri, Internet e i social network e le reti televisive. Successivamente ho voluto affrontare il caso dell'emittente televisiva qatarense Al-Jazeera, simbolo di una rivoluzione nel campo dell'informazione e del sapere, che ha infranto molti tabù nella società islamica, e spianato la strada a programmi televisivi diversi, dibattiti, scambi di opinioni, volti femminili sugli schermi. Infine ho approfondito come viene trattato il diritto alla libertà di espressione, di pensiero e di informazione in Egitto e in Arabia Saudita, esaminando le norme e le leggi che li regolano. Ho analizzato tutti i mezzi con i quali possiamo esprimerci e attingere informazioni, da Internet alle reti e ai programmi televisivi, dai libri ai quotidiani, soffermandomi sui sistemi di controllo e di censura, e sulle conseguenze di chi non rispetta tali leggi. Nel terzo capitolo ho provato a capire se sia possibile una società islamica che abbracci i diritti umani, li garantisca, senza tradire la religione e la cultura, e come possa effettivamente costruirsi una tale società, con uno sguardo critico verso i regimi dittatoriali e i rapporti, spesso contrastanti con quell'Occidente che chiede il rispetto dei diritti umani, ma stringe rapporti economici con quei paesi che non li garantiscono. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Mediazione Linguistica e Culturale

Autore: Ginevra Campaini Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1270 click dal 14/10/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.