Skip to content

Studi sul processo creativo secondo l'approccio psicoanalitico e l'approccio neuroestetico

Informazioni tesi

Autore: Denise Delli Sorrentino
Tipo: Laurea liv.I
Anno: 2014-15
Università: Università degli Studi di Bologna
Facoltà: Lettere e Filosofia
Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
Relatore: RobertoCaterina
Lingua: Italiano
Num. pagine: 35

In questo elaborato ho voluto affrontare il processo creativo dell’artista; da dove ha origine il suo estro creativo? Com’è che la creatività viene fuori dando come prodotto un’opera d’arte che spesso ci emoziona? Queste domande sono state al centro di interesse di numerosi studiosi, specialmente di alcuni psicologi e neurobiologi, che sono rimasti affascinati dalle proprietà e dalle caratteristiche del cervello che si attivano guardando un’opera d’arte e dal fatto che essa produca piacere; secondo questi ricercatori la comprensione di tali meccanismi cerebrali, unita alla conoscenza delle vicende della vita di un artista e della cultura del suo tempo, possono favorire una maggiore cognizione e un maggiore apprezzamento dell’opera d’arte e di chi l’ha creata. In questo studio si sono prese in considerazione le teorie psicoanalitiche di Freud e le teorie neuroestetiche di Zeki e di altri autori. In particolare si è cercato di vedere il rapporto complementare tra queste posizioni: gli studi della neuroestetica fanno sì che le teorie psicoanalitiche non rimangano solo delle ipotesi, ma trovino dei riscontri empirici nel funzionamento del cervello e nel fatto che l’artista possa operare inconsapevolmente in maniera simile ad un neurobiologo sintetizzando le forme della natura da poter riprodurre sulla tela, così da suscitare emozioni nel fruitore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Il problema che concerne i meccanismi della creatività e la sua origine è stato oggetto di indagine per diversi campi di studio ed ha suscitato grande interesse in ogni tempo e cultura, di seguito sono state fatte svariate ricerche e sperimentazioni per scoprire da dove nasce il processo creativo. In questo elaborato ho voluto affrontare il processo creativo dell’artista; da dove viene il suo estro creativo? Com’è che la creatività viene fuori dando come prodotto un’opera d’arte che spesso ci emoziona? Queste domande sono state il centro di interesse di numerosi studiosi, specialmente di alcuni psicologi e neurobiologi, che sono rimasti affascinati dalle proprietà e dalle caratteristiche del cervello che si attivano guardando un’opera d’arte e dal fatto che essa produce piacere; secondo questi ricercatori la comprensione di tali meccanismi cerebrali, unita alla conoscenza delle vicende della vita di un artista e della cultura del suo tempo, possono favorire una maggiore cognizione e un maggiore apprezzamento dell’opera d’arte e di chi l’ha creata. Nel primo capitolo, ho illustrato come il termine creatività è entrato a far parte della nostra cultura e i suoi relativi problemi, illustrando alcune teorie ed ipotesi da parte di studiosi di varie discipline, psicologiche e sociali soprattutto, e dando particolare attenzione agli studi sui fattori ambientali e culturali, che secondo molti influenzano la persona potenzialmente creativa. Un’ opera d’arte nasce dalla combinazione di ciò che l’artista acquisisce visivamente dal mondo esterno e da come lo interpreta. I neuroscienziati, fino ad ora, hanno fatto ricerche e scoperto molto sulla fisiologia e sull’organizzazione del cervello, soprattutto per quanto riguarda la vista. Sull’artista figurativo hanno invece scoperto, che quando dipinge, esplora ed utilizza le potenzialità del proprio cervello, superando anche i propri limiti. Il risultato di questi studi è l’opera pittorica, divenuta strumento d’indagine scientifica per i neuroscienziati ed un nuovo modo per ammirare la meravigliosa bellezza del nostro cervello. Le funzioni primarie necessarie per dar vita al processo creativo sono la “percezione” (acquisizione di informazione dell’ambiente), e “l’immaginazione” (elaborazione individuale di input). Le basi fisiologiche di tali processi cognitivi sono comuni ad ogni individuo, e perciò sono il punto di partenza per lo studio dell’attività umana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi