Skip to content

La Grande Nazione: modelli costituzionali nella Rivoluzione francese

Informazioni tesi

  Autore: Marco Martini
  Tipo: Tesi di Master
Master in La Ricerca storica
Anno: 2016
Docente/Relatore: Daniele Magrelli
Istituito da: Consorzio Interuniversitario europeo "For.com."
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

La Rivoluzione francese non fu soltanto un "bagno di sangue" immotivato, ma il crogiuolo della modernità, nel quale maturarono una serie di principi che sono alla base della società civile contemporanea, quali il diritto di rappresentanza, la democrazia, l’uguaglianza giuridica, la libertà di espressione e di culto. Per questo la "Grande Rivoluzione" è stata un laboratorio di modelli costituzionali.
Nel presente studio si ripercorreranno le tappe dell’evento rivoluzionario più importante del Settecento e tra i più travolgenti della storia, con l’ausilio delle fonti primarie, mediante un accurato lavoro di scavo del testo e di ricerca storica. Saranno in particolar modo studiate le costituzioni del 1791, del 1793 (Costituzione dell’anno I) e del 1795 (Costituzione dell’anno III), inserite nel più ampio contesto che abbraccia l’arco di tempo compreso tra il 1788 (l’anno che precede la presa della Bastiglia) ed il 1795, anche se alcuni storici tendono a vedere la conclusione della Rivoluzione nel 1799, tesi non condivisa, come si vedrà, dallo scrivente. Lo scopo è quello di mostrare come nell’evento sicuramente più rivoluzionario dell’età moderna si siano alternate, a seconda delle varie e numerose fasi, luci ed ombre: l’interpretazione seguita dal sottoscritto sarà quella moderata di Ferrero, storico vissuto tra fine Ottocento e prima metà del Novecento, di scuola hegeliana.
Il metodo seguito sarà quindi duplice: quello dell’argomentazione delle vicende che hanno portato alle Costituzioni, e quello di una serrata analisi testuale.
Insieme ad elaborazioni e riflessioni concettuali profonde, non mancheranno, nel presente lavoro, curiosità e particolarità che hanno animato e "colorito", nel bene e nel male, la Rivoluzione.
Ci si è in sostanza proposti un duplice obiettivo, reciprocamente intrecciato: da un lato analizzare la Rivoluzione francese come laboratorio di modelli costituzionali moderni, come si è precisato nell’Introduzione, dall’altro offrire una valido ausilio didattico, relativo alla storia generale della Rivoluzione francese dalle cause al suo epilogo, a chiunque voglia avvicinarsi allo studio di questo evento epocale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE. La Rivoluzione francese non fu soltanto un ‘bagno di sangue’ immotivato, ma il crogiuolo della modernità, nel quale maturarono una serie di principi che sono alla base della società civile contemporanea, quali il diritto di rappresentanza, la democrazia, l’uguaglianza giuridica, la libertà di espressione e di culto. Per questo la ‘Grande Rivoluzione’ è stata un laboratorio di modelli costituzionali. Nel presente studio si ripercorreranno le tappe dell’evento rivoluzionario più importante del Settecento e tra i più travolgenti della storia, con l’ausilio delle fonti primarie, mediante un accurato lavoro di scavo del testo e di ricerca storica 1 . Saranno in particolar modo studiate le costituzioni del 1791, del 1793 (Costituzione dell’anno I) e del 1795 (Costituzione dell’anno III), inserite nel più ampio contesto che abbraccia l’arco di tempo compreso tra il 1788 (l’anno che precede la presa della Bastiglia) ed il 1795, anche se alcuni storici tendono a vedere la conclusione della Rivoluzione nel 1799, tesi non condivisa, come si vedrà, dallo scrivente. Il lavoro sarà articolato in 3 capitoli (ed in successivi paragrafi): nel I si cercherà di delineare il panorama della Francia alla vigilia della Rivoluzione e si parlerà del 1789, anno simbolo della presa della Bastiglia; nel successivo sarà considerato l’arco di tempo compreso fra il 1790 ed il 1792, centrale nel contesto rivoluzionario, mentre nell’ultimo si prenderà in esame in particolare il terrore, e comunque il periodo compreso tra la morte del re, la reazione o “restaurazione” termidoriana e la Costituzione dell’anno III, ultimo modello costituzionale “partorito” dalla Rivoluzione. Si concluderà il lavoro considerando, con ampio spazio, il dibattito storiografico più recente in materia, ivi comprese le interpretazioni venute alla luce nella ricorrenza del II bicentenario della presa della Bastiglia. Nella bibliografia infine, saranno considerate, oltre alle fonti storiche primarie e secondarie, anche i siti internet consultati e l’imponente apparato filmografico e documentaristico che si è sviluppato in materia. Lo scopo è quello di mostrare come nell’evento sicuramente più rivoluzionario dell’età moderna si siano alternate, a seconda delle varie e numerose fasi, luci ed ombre: l’interpretazione seguita dal sottoscritto sarà quella moderata di Ferrero 2 , storico vissuto tra fine Ottocento e prima metà del Novecento, di scuola hegeliana. 1  J. Le Gof, Ricerca e insegnamento della storia , a c. di A. Santoni Rugiu, Casale Monferrato, 1988. 2  G. Ferrero, Le due rivoluzioni francesi , Sugarco, Milano, 1986.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi