Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Responsabilità da prodotto: indietro tutta?

La disciplina della responsabilità del produttore per danni da prodotti difettosi in Italia e negli Usa.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Nello sviluppo della presente trattazione si ripercorrerà l’evoluzione storica del concetto di responsabilità del produttore, tanto negli Stati Uniti, dove la tutela del consumatore ha preso piede fin dalla fine del diciannovesimo secolo, quanto in Europa, dove, invece, ha cominciato a diffondersi solo nella seconda metà del ventesimo, procedendo in entrambi i casi ad un raffronto tra le posizioni iniziali e quelle più recenti e puntualizzando i maggiori mutamenti avvenuti e le inversioni di tendenza che dall’inizio del secolo ad oggi hanno caratterizzato questo particolare istituto. Nel primo capitolo si metterà in luce come attualmente nei due continenti le autorità preposte alla tutela giudiziaria stiano percorrendo strade divergenti: l’Europa ha tentato di seguire la strada maestra tracciata dall’esperienza degli Stati Uniti -pur continuando a rimanere diversi anni indietro rispetto ad essi- ed ha raggiunto il massimo grado di protezione del consumatore contro i danni da prodotti difettosi con la direttiva comunitaria 374 del 1985. Paradossalmente però, tale direttiva aspira a conseguire una forma di tutela che, come verrà descritto nel secondo capitolo, è stata già raggiunta dagli USA nella seconda metà degli anni ottanta ed in seguito abbandonata a favore di posizioni meno onerose per i produttori e per lo sviluppo del mercato.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Valentina Pighin Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3602 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 37 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.