Skip to content

Leandro Caselli a Carrara 1884-1890

Informazioni tesi

  Autore: Elisabetta Carli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia dell'arte
  Relatore: Giacinto Nudi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 42

L'ingegnere Leandro Caselli, allievo di Alessandro Antonelli, in meno di dieci anni, stravolge completamente, rendendolo moderno e funzionale il piccolo borgo di Carrara, in Toscana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
TRASFORMAZIONI URBANISTICHE DI FINE SECOLO “Carrara sia l’ultima meta del nostro itinerario, del quale poteva essere il principio come luogo di partenza. Già dissi. Che essa è situata a tre miglia e mezzo dalla spiaggia del mare, all’imboccatura della Valle Carrarese propriamente detta, cioè, in quel centro appunto, in cui da ogni dove i poggi di Montia, di Monte d’arme, di Torano, di Bedizzano, e di Codona, concorrendo a guisa di tanti bastioni, servono a far confluire, ed a incassare nel Carrione tutte le acque sparse in quell’istessa Valle. Vi si arriva per due strade carrozzabili provenienti l’una per Avenza dalla Liguria, l’altra per Massa dalla Toscana. Il territorio di Massa Carrara nella parte vicina al mare era attraversato da due antiche strade Romane, una detta anche oggidì Strada Vecchia o via Francesca si crede l’antica Via Cassia; l’altra è la nuova Via Aurelia, o Emilia Scaura, che attualmente chiamasi Via Antiqua o Silcia, perché, selciata, cioè lastricata di grossi massi quadrati secondo l’antica magnificenza Romana. (…) Nell’avvicinarsi alle mura di Carrara e più che mai nel percorrerne le sue interne vie sentensi a ogni dove risuonare i martelli e scarpelli, vedonsi da pertutto blocchi sparsi, informi gli uni, altri abbozzati, altri più avvanzati, altri finalmente, che hanno ricevuto coll’ultima mano l’estremo pulimento, adornare i numerosi studj ed officine di quella piccola, ed animata Città. Ivi le scaglie marmoree ricopruono il suolo e vengono poi trasportate per assodare le strade carrozzabili a guisa di ghiaje.”1 Carrara era dunque una piccola città piena di laboratori di marmo; nel 1820 Emanuele Repetti annota: “La popolazione di Carrara può considerarsi distribuita nelle seguenti proporzioni: Carrara e sobborghi 4100 abitanti…”2 Al momento dell’Unità d’Italia, era formata, soprattutto nel centro storico, da “case basse, piccole porte, finestre strette e tetti di piagne di ardesia; pochissimi i tratti di strada lastricata. Colori scuri a base di terre sugli intonaci, la pesantezza delle strutture alleviata da decorazioni orizzontali e longitudinali in calce bianca.”3 Solo alla fine degli anni sessanta, la città iniziò una progressiva espansione verso la via della Foce e le strade per il mare fino a San Ceccardo; iniziò anche, un processo di lento ma inarrestabile esodo dei ceti più abbienti dal centro storico verso i nuovi quartieri residenziali di via Verdi, via Cavour e di Corso Vittorio Emanuele. A quest’esodo corrispose una sempre maggiore proletarizzazione dei quartieri di Grazzano, Caffaggio e del nucleo medievale ed il conseguente lento degrado delle strutture abitative e delle condizioni igieniche. Nel “corso del Consiglio comunale del 14 agosto 1868 si pubblicava una relazione per il “riordinamento di piazze e vie della città di Carrara e sobborghi” per cura del Conte Emilio Lazzoni e dell’avvocato Andrea Passani.”4 L’anno successivo, nel 1869, gli 1Repet Emauele - Sopra l’Alpe Apuana ed i marmi di Carrara cenni di Emanuele Repet, Dalla Badia Fiesolana 1820 2Repet Emanuele, op. cit. 3Canali Daniele, La Ferrovia Marmifera di Carrara, Carrara, Società Editrice Apuana, 1995 4Canali Daniele, op. cit. 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

carrara
caselli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi