Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

American Horror Story e l'immaginario della morte nell'industria culturale

Analisi approfondita sulla letteratura e sulle stagioni di AHS, riguardo la descrizione del tema della morte e delle relative figure mitiche che vengono rappresentate e raccontate.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Lo scopo del mio elaborato finale è quello di analizzare, attraverso i testi degli autori che negli anni hanno approfondito tali tematiche ed attraverso l’analisi dei miti dell’immaginario collettivo presenti nella serie American Horror Story, il modo in cui viene ed è stata concepita e, quindi, rappresentata la morte dagli albori della rivoluzione industriale del diciottesimo secolo fino ai giorni nostri. America Horror Story è una serie tv ideata da Ryan Murphy nel 2011 e composta da sei stagioni, l’ultima delle quali ancora in corso ed iniziata il 14 Settembre 2016. Ho deciso di focalizzarmi soltanto su quattro delle sei stagioni della serie, ovvero: Murder House; Coven; Asylum; Hotel, in quanto in ognuna di esse vengono raccontati due o più miti legati al panorama gotico ed horror americano e, quindi, rappresentato il tema della morte. L’elaborato è composto da due capitoli, ognuno dei quali prende in analisi due stagioni, rispettivamente il primo capitolo prende in esame la prima e la quinta stagione di American Horror Story e quindi: Murder House e Hotel, mentre il secondo capitolo prende il esame la seconda e la terza stagione, Coven e Asylum. In questa prima parte, quindi, cercherò di soffermarmi su le seguenti figure dell’immaginario collettivo: il fantasma, il vampiro, il serial killer ed, infine, sulla dinamica della ricostruzione di un corpo umano ricollegandomi alla figura del Frankenstein di Mary Shelley (opera del 1818), partendo dagli albori di tali figure apparse nel romanzo gotico del 1700’ sino alla filmografia e alla letteratura attuale. Cercherò di descrivere in che modo queste figure rappresentino la paura della morte ed il desiderio antropologico di immortalità 5

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Sociali

Autore: Roberta Terisacco Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 136 click dal 25/11/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.