Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di bilancio per indici e flussi. Un caso aziendale

Nel presente lavoro si prende in considerazione il caso di un'azienda operante nel settore degli accessori per calzature e abbigliamento, che nel giro di venti anni è cresciuta fino a raggiungere una discreta posizione nel settore di riferimento.
Attraverso l'applicazione di tecniche di analisi , il cui stato dell'arte è sintetizzato nel primo capitolo, cercheremo di indagare nel secondo capitolo, partendo dai bilanci degli ultimi quattro anni (dal 2012 al 2015), sulla possibilità di utilizzare degli indicatori sintetici che potrebbero rappresentare una bussola per il controllo della gestione passata ed una utile premessa per la programmazione futura.
Ricorrendo ad una metafora medica, si potrebbe dire che l'analista è come il medico chiamato ad esprimere una valutazione sullo “stato di salute” del paziente-impresa. Egli attraverso l'interpretazione di alcuni indicatori (indici e flussi), così come il medico attraverso alcuni esami clinici (esami del sangue, radiografie, ecc.), scelti in base all'obiettivo conoscitivo da perseguire, esprime una diagnosi e prescrive una prognosi. Dai dati consuntivi si ricavano i dati prospettici: lo “stato di salute” non viene solo misurato, ma per essere mantenuto o raggiunto si devono seguire determinati comportamenti e terapie.
L'oggetto delle analisi è quindi la determinazione dello “stato di salute”, dal punto di vista economico, finanziario e patrimoniale, mentre lo scopo può essere molto vario a seconda degli interessi dei vari stakeholder.
Le tecniche di analisi dipendono dagli scopi conoscitivi e possono essere ricondotte: alla riclassificazione, all'analisi per indici e margini e all'analisi per flussi.
L'interpretazione dei risultati ottenuti mediante l'applicazione di queste tecniche di analisi avviene attraverso la comparazione temporale, e a volte anche spaziale, per trarre conclusioni sugli scopi conoscitivi prefissati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Nel presente lavoro si prende in considerazione il caso di un'azienda operante nel settore degli accessori per calzature e abbigliamento, che nel giro di venti anni è cresciuta fino a raggiungere una discreta posizione nel settore di riferimento. Attraverso l'applicazione di tecniche di analisi , il cui stato dell'arte è sintetizzato nel primo capitolo, cercheremo di indagare nel secondo capitolo, partendo dai bilanci degli ultimi quattro anni (dal 2012 al 2015), sulla possibilità di utilizzare degli indicatori sintetici che potrebbero rappresentare una bussola per il controllo della gestione passata ed una utile premessa per la programmazione futura. Ricorrendo ad una metafora medica 1 , si potrebbe dire che l'analista è come il medico chiamato ad esprimere una valutazione sullo “stato di salute” del paziente-impresa. Egli attraverso l'interpretazione di alcuni indicatori (indici e flussi), così come il medico attraverso alcuni esami clinici (esami del sangue, radiografie, ecc.), scelti in base all'obiettivo conoscitivo da perseguire, esprime una diagnosi e prescrive una prognosi. Dai dati consuntivi si ricavano i dati prospettici: lo “stato di salute” non viene solo misurato, ma per essere mantenuto o raggiunto si devono seguire determinati comportamenti e terapie. L'oggetto delle analisi è quindi la determinazione dello “stato di salute”, dal punto di vista economico, finanziario e patrimoniale, mentre lo scopo può essere molto vario a seconda degli interessi dei vari stakeholder. Le tecniche di analisi dipendono dagli scopi conoscitivi e possono essere ricondotte: alla riclassificazione, all'analisi per indici e margini e all'analisi per flussi. L'interpretazione dei risultati ottenuti mediante l'applicazione di queste tecniche di analisi avviene attraverso la comparazione temporale, e a volte anche spaziale, per trarre conclusioni sugli scopi conoscitivi prefissati. Il Conto Economico e il Rendiconto Finanziario rappresentano l'insieme dei valori flusso che hanno interessato la gestione nel periodo considerato, rilevati attraverso due 1 PAVARANI E., L'equilibrio finanziario, McGraw-Hill, Milano, 2006, pag. XVI 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Quadrini Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 915 click dal 22/11/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.