Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Potenzialità dei trattamenti biologici per la protezione dei prodotti orto-frutticoli in post-raccolta: un caso studio.

Valutazione preliminare, di miscele, di acidi grassi da utilizzare in post raccolta; per abbattere potenziali infezioni associate a microorganismi patogeni-alterativi.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 2. Metodi e prodotti disponibili per la protezione e la prevenzione dai patogeni in post-raccolta 2.1 Metodi Fisici I metodi fisici sono quelli che trovano più consensi negli ultimi anni. Non provocano danni per la salute del consumatore e hanno grande rapidità d’azione. Fra questi i più noti sono: trattamenti termici, radiofrequenze/microonde, pressione ipobarica e iperbarica, lontano UV ed atmosfera modificata o controllata. Refrigerazione E’ oramai, lo strumento principe usato per contrastare fitopatie, in post-raccolta (Eckert e Sommer, 1967; Venainen, 1996). Tipicamente, i valori termici impiegati sono di 0 °C / - 4 °C. L’efficacia del trattamento è tuttavia fortemente correlata alla resistenza che il patogeno offre. E’ da tener presente che questi valori non portano alla morte del microrganismo ma sostanzialmente ne ritardano il periodo di incubazione (Barkai- Golan., 2001). La refrigerazione, inoltre, pur essendo un mezzo consolidato, per alcune cultivar può rappresentare un “danno tecnologico” (Barkai-Golan., 2001). Trattamenti termici Acqua calda E’ un metodo non convenzionale, completamente sicuro per il consumatore ed ecocompatibile. Il prodotto, generalmente, viene immerso in una bagna o trattato con risciacqui alternati a spazzolatura; tra 45 e 60 °C, per un intervallo temporale di alcuni secondi fino ad un massimo di venti minuti (Fallik, 2004; Sivakumar e Fallik., 2013). Risulta essere di maggiore efficacia rispetto ad altri metodi termici sia per ridotti tempi di applicabilità che per la sua economicità (Jacobi et al., 2001; Sivakumar e Fallik., 2013). Tab. 2.1 (da Usall J., Ippolito A., Sisquella M., Neri F. (2016). Physical treatments to control postharvest diseases of fresh fruits and vetagles. Elsevier, Postharvest Biology and Technology.

Laurea liv.I

Facoltà: Agraria

Autore: Cosimo Maria Palopoli Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 225 click dal 22/11/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.