Skip to content

Visual Storytelling nello sport: Euro 2016 e Rio 2016 come casi di studio per aumentare la narrazione di un evento sportivo

Informazioni tesi

  Autore: Filippo Lazzarini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Digital Humanities - Comunicazione e Nuovi Media
  Corso: Teoria della comunicazione
  Relatore: Gianni Vercelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 97

C’era una volta un mondo senza televisione, senza radio, senza mezzi di comunicazione di massa. Un mondo in cui per assistere agli spettacoli teatrali o sportivi si doveva indossare la toga, uscire di casa e andare al Colosseo. Per circa due millenni quella è stata la normalità. Poi venne la radio, il primo mezzo di comunicazione di massa in tempo reale. Nel 1927 va in onda la prima radiocronaca sportiva italiana: si trasmetteva da San Siro in Milano e gli speaker raccontavano gli sviluppi del Gran Premio di galoppo. L’anno successivo invece veniva trasmessa in diretta la radiocronaca della partita di calcio Italia-Ungheria. Gli Azzurri vinsero 4-3 e per la prima volta gli italiani non dovettero aspettare il giorno dopo per festeggiare. Insomma, fu una rivoluzione. Da allora ne è passata di acqua sotto i ponti e, soprattutto, di segnali sopra l’etere. Dalla sola voce, grazie allo sviluppo delle tecnologie televisive, si è progressivamente passati all’utilizzo della componente visiva. Ma non ci si è fermati alla semplice ripresa dell’evento. Il tifoso di sport non è un tipo che si accontenta facilmente, non lo è mai stato, vuole sempre di più. Il tifoso sportivo oggi vuole vedere i chilometri percorsi da ogni calciatore della propria squadra del cuore, vuole sapere i tempi precisi al millesimo di secondo della Formula Uno o della MotoGP, vuole sapere tutto dell’atleta: altezza, peso, età, moglie, figli, profili social, piatto preferito, ecc. Per accontentare il tifoso moderno non basta più – forse non è mai stato sufficiente – il solo racconto radiofonico, non basta più neanche la ripresa video. Serve qualcosa di più: servono i dati, le statistiche, l’interattività. La grande quantità di dati e di statistiche fa sì che questi non possano essere scaraventati sullo schermo senza una ragione, senza un metodo. Il tifoso non se lo meriterebbe. Questi dati devono arrivare all’utente spettatore in modo semplice, chiaro, complementare e non ridondante. L’obiettivo di questa mia tesi di laurea è proprio quello di capire come una buona infografica televisiva possa aiutare lo spettatore a percepire, godere e capire l’evento sportivo. E se ormai la sola infografica non fosse sufficiente? Nel corso dell’elaborato vedremo che esistono altri elementi e altri modi in grado di arricchire il racconto televisivo: l’uso di telecamere speciali, il supporto della parte digital (app, web, mobile, ecc.) e pure le tecnologie di Realtà Virtuale e Realtà Aumentata. L’estate 2016 ha visto prender luogo due tra gli eventi sportivi più importanti al mondo: il campionato europeo di calcio UEFA Euro 2016 e i Giochi Olimpici brasiliani di Rio de Janeiro. Queste due manifestazioni sono state il pretesto per molte emittenti di provare ad arricchire ulteriormente il pacchetto offerto agli spettatori e, per questo motivo, sono stati presi in analisi per la scrittura della seguente tesi, che sarà suddivisa in tre grandi capitoli. Dopo una parte introduttiva, in cui si vedranno i concetti di storytelling - termine molto utilizzato in ogni ambito possibile -, big data e data visualization; il primo capitolo analizzerà i metodi per aumentare e arricchire il racconto di un evento sportivo, presentati in ordine cronologico, dall’arrivo del colore all’utilizzo dei nuovi media digitali. Nella seconda parte saranno presi in analisi due eventi sportivi, Europei e Giochi Olimpici, per capire come le emittenti televisive aventi i diritti hanno puntato questi eventi per sperimentare nuove tecnologie. Nella terza e ultima parte si tireranno le conclusioni cercando di capire quali siano i modi più efficaci per raccontare un evento sportivo e cosa ci possa riservare il futuro del visual storytelling nello sport.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE C’era una volta un mondo senza televisione, senza radio, senza mezzi di comunicazione di massa. Un mondo in cui per assistere agli spettacoli teatrali o sportivi si doveva indossare la toga, uscire di casa e andare al Colosseo. Per circa due millenni quella è stata la normalità. Poi venne la radio, il primo mezzo di comunicazione di massa in tempo reale. Nel 1927 va in onda la prima radiocronaca sportiva italiana: si trasmetteva da San Siro in Milano e gli speaker raccontavano gli sviluppi del Gran Premio di galoppo. L’anno successivo invece veniva trasmessa in diretta la radiocronaca della partita di calcio Italia-Ungheria. Gli Azzurri vinsero 4-3 e per la prima volta gli italiani non dovettero aspettare il giorno dopo per festeggiare. Insomma, fu una rivoluzione. Da allora ne è passata di acqua sotto i ponti e, soprattutto, di segnali sopra l’etere. Dalla sola voce, grazie allo sviluppo delle tecnologie televisive, si è progressivamente passati all’utilizzo della componente visiva. Ma non ci si è fermati alla semplice ripresa dell’evento. Il tifoso di sport non è un tipo che si accontenta facilmente, non lo è mai stato, vuole sempre di più. Il tifoso sportivo oggi vuole vedere i chilometri percorsi da ogni calciatore della propria squadra del cuore, vuole sapere i tempi precisi al millesimo di secondo della Formula Uno o della MotoGP, vuole sapere tutto dell’atleta: altezza, peso, età, moglie, figli, profili social, piatto preferito, ecc. Per accontentare il tifoso moderno non basta più – forse non è mai stato sufficiente – il solo racconto radiofonico, non basta più neanche la ripresa video. Serve qualcosa di più: servono i dati, le statistiche, l’interattività.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

realtà virtuale
televisione
giochi olimpici
digital
realtà aumentata
data visualization
euro 2016
rio 2016
host broacaster
visual storytelling

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi