Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli articoli 76 e 77 della Costituzione Italiana

Secondo la classica tripartizione dei poteri, l’articolo 70 della Costituzione italiana attribuisce al Parlamento l’esercizio della funzione legislativa. Tuttavia, in presenza di particolari circostanze, la stessa Costituzione consente l’emanazione da parte del Governo di atti normativi che si collocano allo stesso livello delle leggi nella gerarchia delle fonti. Vi sono, difatti, settori dell’ordinamento giuridico che richiedono in alcuni casi una sorta di specializzazione tecnica, ma soprattutto una tempestività che un’Assemblea come il Parlamento non è in grado di garantire in tempi celeri.
L’esercizio di queste prerogative governative, sono disciplinate dagli artt. 76 e 77 Cost., che regolano rispettivamente l’istituto del decreto legislativo e del decreto-legge. Nella prima ipotesi, l’esercizio della funzione legislativa può essere delegato dal Parlamento al Governo sulla base di un’apposita legge di conferimento e nel rispetto di alcune condizioni contenutistiche e procedurali che non possono essere disattese, pena l’invalidità del provvedimento emanato. Nella seconda ipotesi, invece, il Governo dispone della facoltà di intervenire direttamente, senza alcuna intermediazione parlamentare, nel caso in cui l’intervento governativo si renda indispensabile per fronteggiare situazioni eccezionali e dall’esito imprevedibile. I decreti-legge, tuttavia, hanno efficacia pro tempore dal momento che necessitano della conversione in legge entro sessanta giorni dalla loro pubblicazione. In caso di mancata conversione i decreti decadono con conseguente perdita di efficacia ex tunc delle relative disposizioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Secondo la classica tripartizione dei poteri, l’articolo 70 della Costituzione italiana attribuisce al Parlamento l’esercizio della funzione legislativa. Tuttavia, in presenza di particolari circostanze, la Costituzione stessa consente l’emanazione da parte del Governo di atti normativi che si collocano allo stesso livello delle leggi nella gerarchia delle fonti. Vi sono, infatti, settori dell’ordinamento giuridico che richiedono in alcuni casi una sorta di specializzazione tecnica, ma soprattutto una tempestività che un’Assemblea come il Parlamento non è sempre in grado di garantire. L’esercizio di queste prerogative governative, è disciplinato dagli artt. 76 e 77 della Costituzione, che regolano rispettivamente l’istituto del decreto legislativo e quello del decreto-legge. Nella prima ipotesi, l’esercizio della funzione legislativa può essere delegato dal Parlamento al Governo sulla base di un’apposita legge di conferimento e nel rispetto di alcune condizioni contenutistiche e procedurali che non possono essere disattese, pena l’invalidità del provvedimento emanato. Nella seconda ipotesi, invece, l’Esecutivo dispone della facoltà di intervenire direttamente, senza alcuna intermediazione parlamentare, nel caso in cui l’intervento governativo si renda indispensabile per fronteggiare situazioni eccezionali e dall’esito imprevedibile. I decreti-legge, tuttavia, hanno efficacia pro tempore, dal momento che necessitano della conversione in legge entro sessanta giorni dalla loro pubblicazione. In caso di mancata conversione i decreti decadono con conseguente

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gianluca Grottola Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2331 click dal 25/11/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.