Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Esdebitazione

La tesi è volta allo studio di un nuovo istituto del panorama giuridico italiano, l’esdebitazione. Esso è meritevole di nota non solo per la sua valenza innovativa, ma soprattutto per la rivoluzione concettuale delle procedure concorsuali, di cui è ritenuto l’emblema.
A seguito dei provvedimenti di riforma del R.D. 267/1942, introdotti negli anni 2006 e 2007, il Legislatore ha avviato un radicale cambio di direzione sulla concezione del fallimento, riqualificando il suo protagonista da decoctor ergo fraudator a soggetto economico meritevole di tutela e bisognoso di una seconda opportunità. Per la prima volta il fallimento è visto come accadimento fisiologico e intrinseco al rischio d’impresa, e non più come male incurabile da punire con la limitazione dei diritti personali.
Si vedrà come l’istituto dell’esdebitazione possa permettere al fallito di liberarsi dal fardello debitorio, per reintrodursi nuovamente nella società senza timore alcuno, e concedere a questi, se meritevole, una new fresh start imprenditoriale.
L’intento del presente studio è quello di approfondire l’argomento per comprendere la strada intrapresa dal Legislatore nella riforma della Legge fallimentare, valutarne gli aspetti innovativi e giudicare la reale integrabilità con la cultura giuridica vigente.

Mostra/Nascondi contenuto.
  4   INTRODUZIONE La tesi è volta allo studio di un nuovo istituto del panorama giuridico italiano, l’esdebitazione. Esso è meritevole di nota non solo per la sua valenza innovativa, ma soprattutto per la rivoluzione concettuale delle procedure concorsuali, di cui è ritenuto l’emblema. A seguito dei provvedimenti di riforma del R.D. 267/1942, introdotti negli anni 2006 e 2007, il Legislatore ha avviato un radicale cambio di direzione sulla concezione del fallimento, riqualificando il suo protagonista da decoctor ergo fraudator a soggetto economico meritevole di tutela e bisognoso di una seconda opportunità. Per la prima volta il fallimento è visto come accadimento fisiologico e intrinseco al rischio d’impresa, e non più come male incurabile da punire con la limitazione dei diritti personali. Si vedrà come l’istituto dell’esdebitazione possa permettere al fallito di liberarsi dal fardello debitorio, per reintrodursi nuovamente nella società senza timore alcuno, e concedere a questi, se meritevole, una new fresh start imprenditoriale. L’intento del presente studio è quello di approfondire l’argomento per comprendere la strada intrapresa dal Legislatore nella riforma della Legge fallimentare, valutarne gli aspetti innovativi e giudicare la reale integrabilità con la cultura giuridica vigente.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Cristiano Ciccone Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1123 click dal 30/11/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.