Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di cross-correlazione di terremoti nel Nord Italia per l'individuazione di multipletti

L'obiettivo di questo lavoro è stato lo studio dello sciame sismico, comprendente 11 eventi che si sono verificati tra Lombardia e Veneto nelle province di Rovigo e Mantova dal 17-07-2011 all'11-09-2011. L'obiettivo finale del lavoro è stato la rilocalizzazione degli 11 eventi e il riconoscimento di eventuali multipletti tramite un'analisi di cross-correlazione delle forme d'onda. L'area esaminata è stata sede dei recenti terremoti (Maggio 2012) che stanno interessando le regioni Emilia Romagna, Veneto e Lombardia. Alcuni dei recenti eventi, ricadono nella stessa zona degli eventi studiati, a nord dell'allineamento ESE-ONO della maggior parte degli epicentri dei sismi recenti.
Dall'inquadramento geologico è emerso che nell'area epicentrale passa un thrust. I profili geologici non superano i 10 km di profondità, quindi al di sotto di essa non abbiamo informazioni geologiche sulle possibili strutture che hanno originato il terremoto, poiché dalla rilocalizzazione sono risultati ipocentri più profondi di suddetta profondità. Infatti, i dati forniti dall'INGV, rispetto alle localizzazioni ipocentrali riviste con picking manuale, presentano una prima differenza, evidente nella profondità dei terremoti; ovvero, mentre quelli elaborati dall'INGV risultavano terremoti con profondità tra 1.4 km e 10 km, quelli elaborati con picking manuale hanno dato terremoti con profondità maggiore, compresa tra 9.58 km e 20.8 km. Una seconda differenza risiede sull'area epicentrale; ovvero, mentre quelli elabora dall'INGV davano area epicentrale con longitudine compresa tra 11.222 E e 11.410 E, e latiitudine compresa tra 44.966 N e 45.053 N, quelli elaborati con picking manuale hanno dato area epicentrale più ristretta con longitudine compresa tra 11.252 E e 11.330 E, e latitudine compresa tra 44.982 N e 45.050 N.
Il gap riscontrato è di 65 gradi, cioè tra Nord 70 Est e Nord 135 Est; quindi, la copertura presente è di 295 gradi, con una scopertura nella parte est che ha comportato uno spostamento degli epicentri verso ovest probabilmente.
L'analisi visiva delle forme d'onda ha portato all'individuazione di 8 e di 10 doppietti. Dal confronto visivo risulta una forte somiglianza tra le forme d'onda di eventi diversi registrati alle stesse stazioni. Tuttavia, non è stato possibile individuare diverse probabili famiglie di sismi dal solo confronto visivo, quindi, si è deciso di passare all'analisi visiva delle matrici di cross-correlazione tra gli eventi di 4 stazioni. Le stazioni sono quelle che hanno registrato tutti gli 11 eventi. L'analisi delle matrici e del grafico eventi/cross - correlazione evidenziano differenze nella qualità dei dati. L'immagine cromatica relativa alla stazione SALO mostra diverse aree a tinte rosse, ovvero del coefficiente di cross – correlazione ≥ 0.7. Ciò induce a ritenere i dati ottenuti soddisfacenti.
Viceversa l'immagine relativa agli eventi registrati dalla stazione MAGA evidenzia gradazioni cromatiche tendenti al giallo-blu con sporadiche sacche rosse, cioè valori del coefficiente di cross – correlazione ≤ 0.7.
Per la stazione RAVA i valori dei coefficienti di cross – correlazione ≤ 0.4 per gli eventi 01, 02, 03, 05 e 08; mentre ha valori dei coefficienti di cross - correlazione ≥ 0.6 per i restanti eventi.
Per la stazione ABSI risalta un'ottima correlazione, infatti, a eccezione dell'evento 02, i restanti eventi hanno coefficiente di correlazione ≥ 0.6.
Dall'analisi è emerso che c'è una certa congruenza tra le matrici ricavate dalle stazioni RAVA e MAGA, e lo stesso accade tra le stazioni SALO e ABSI.
Un dato importante da prendere in considerazione è che l'Evento 02, quello con magnitudo maggiore (Ml 4.7), non risulta correlato con gli altri eventi, visibile sia dalle matrici di cross-correlazione, che evidenzia un valore medio dei coefficienti di cross – correlazione basso, pari a 0.2 con tutti gli altri eventi.
Dal confronto dei risultati ottenuti si possono ritenere soddisfacenti le informazioni inerenti agli eventi che trovano corrispondenza in tutte e 4 le stazioni.
In definitiva, l'analisi ha evidenziato la possibile esistenza di sorgenti sismiche a profondità comprese tra 9.58 e 20.8 km; le conoscenze geologiche, strutturali e sismologiche a disposizione fino a oggi, però, non hanno permesso di associare gli eventi tellurici studiati a particolari strutture definite già in letteratura scientifica in quanto queste si trovano a profondità più superficiali rispetto a quelle evidenziate dall'attività sismica. Tuttavia, non è sbagliato pensare che l'attività sismica studiata, in questo lavoro, è correlabile con i recenti terremoti (Maggio 2012), in quanto l'origine dei terremoti del 2011 presentano meccanismi focali confrontabili con essi e insistono sulla stessa area.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I 1.1 INTRODUZIONE L’obiettivo di questo lavoro è lo studio di 11 eventi verificatesi tra Lombardia e Veneto nelle province di Rovigo e Mantova dal 17-07-2011 all’11-09-2011. Gli epicentri degli 11 terremoti sono stati localizzati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (da qui in avanti INGV) nei comuni di Castelnovo Bariano (RO), Castelmassa (RO), Sermide (MN) e Moglia (MN), a cavallo del fiume Po vicino al confine che separa il Veneto dalla Lombardia; in particolare ricadono nella parte sud orientale del Veneto e nella parte sud occidentale della Lombardia, vicino al confine settentrionale che separa l’Emilia Romagna dai suddetti comuni (Fig. 1). Fig. 1: Area epicentrale degli 11 terremoti (pallini arancioni) analizzati nel presente lavoro (Fonte: INGV Roma). L’area interessata dai sismi è la stessa dei recenti terremoti (Maggio 2012) che stanno interessando le regioni Emilia Romagna, Veneto e Lombardia. Alcuni dei recenti eventi, ricadono nella stessa zona degli eventi studiati, a nord dell’allineamento ESE-ONO della maggior parte degli epicentri dei sismi recenti visibili in Fig. 2.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Riccardo Costa Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 66 click dal 16/11/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.