Skip to content

La didattica antica della musica: una risorsa per la formazione musicale contemporanea

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Dai Prà
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Conservatorio di Musica
  Facoltà: Discipline musicali
  Corso: Didattica musicale
  Relatore: Stefano Lorenzetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 177

In questa tesi ho cecato di tracciare un filo d'unione tra i Seminaria Nobilium (attraverso i quali la nobiltà nel Rinascimento e primo Barocco acquisiva la propria formazione musicale teorico-pratica) e l'attuale Ordinamento Scolastico delle Scuole ad Indirizzo Musicale con particolare riferimento al D.M. 6 agosto 1999 che riconduce ad Ordinamento le Scuole Medie ad Indirizzo Musicale; parallelamente ho analizzato come nel corso del '700 la didattica strumentale (con particolare riferimento a quella violinistica) fosse funzionale ai canoni estetici coevi attraverso le testimonianze di J. J. Quantz, F. S. Geminiani e L. Mozart, proponendo in fase di tirocinio la messa di voce violinistica barocca come alternativa attuale per la risoluzione di problematiche tecniche inerenti l'emissione sonora dello strumento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il deserto dei tartari, celebre romanzo del bellunese Dino Buzzati, oggigiorno potrebbe essere considerato una valida metafora della situazione della formazione musicale in Italia: abbiamo tanti piccoli allievi musicisti Drogo seriamente impegnati in un ‘addestramento’, svolto in un contesto isolato dal resto del mondo ed in vista di una battaglia che, quando avviene, spesso li coglie impreparati perché nelle fasi dell’apprendimento è mancata una corrispondenza concreta con il contesto reale della disciplina. Fuori dalla fortezza, costituita dalle sedi di formazione musicale, abbiamo alunni della scuola pubblica che vivono in un deserto arido in cui troppo spesso la musica è vista come una materia che costituisce un’ora di ricreazione aggiuntiva. Contro questa visione, diffusa nella popolazione, non c’è un’opposizione istituzionale o professionale forte, ma piuttosto insegnanti troppo spesso impreparati nella materia ed istituzioni che puntano a riformare le fasi finali dell’Alta Formazione Musicale senza considerare il problema della formazione musicale di base, ad esempio creando dei corsi seri di formazione musicale, o quantomeno di avvicinamento alla musica, all’interno delle fasce scolastiche primarie. La moderna pedagogia sostiene che la formazione musicale di base dovrebbe avvenire in modo analogo all’apprendimento della lingua materna e quindi, parafrasando Zoltan Kodaly, dovrebbe avvenire attraverso la precedente formazione della madre e con un uso giornaliero del ‘linguaggio’ musicale, senza il quale il grado di formazione dell’allievo non può che essere, in alcuni ambiti, lacunoso. Preso atto di questo panorama, nelle pagine seguenti ho cercato di analizzare, dal punto di vista storico, la formazione musicale e quella strumentale che, fino almeno alla fine del XVII secolo, coincidevano in un unico intento: formare le persone contemporaneamente al canto e all’esecuzione strumentale. La tesi in sé, dunque, propone la didattica ‘antica’ della musica come una risorsa da cui attingere per la formazione strumentale e musicale ai giorni nostri, tanto più che, almeno nei propositi ed in buona parte dei contenuti, essa non differisce molto dalla didattica ‘moderna’. Il mio lavoro inizia, nel primo paragrafo, con una dissertazione del contesto culturale in cui si praticavano vari tipi di eventi musicali nel rinascimento, in particolar modo con riferimento alle corti italiane, da cui si può comprendere quale fosse il ruolo della musica all’interno del contesto culturale e, di conseguenza, quali fossero gli obbiettivi formativi della pedagogia musicale riferiti al contesto sociale. Questa dissertazione inizia con un accenno al Cortegiano di 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

barocco
violino
leopold mozart
geminiani
quantz

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi