Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’approccio ad oggetti per la simulazione di sistemi produttivi: Simio

Nello studio dei sistemi manifatturieri oggigiorno è di fondamentale importanza l’utilizzo di software simulativi del processo produttivo.
In questo lavoro di tesi si è simulato un processo produttivo attraverso il software SIMIO e si sono valutati i risultati ottenuti effettuando un confronto con il più diffuso dei software simulativi, ARENA.
Dopo un’introduzione sulla simulazione ad eventi discreti si è analizzato il software SIMIO basato su un approccio object-oriented e si è posto particolare attenzione sugli aspetti principali che lo caratterizzano come gli oggetti presenti e la gestione delle replicazioni.
L’approccio object-oriented si è largamente sviluppato nei linguaggi di programmazione (il diffuso C++), ma non si è affermato nello sviluppo di software per la simulazione di sistemi produttivi. Simio è stato sviluppato per introdurre l’approccio object-oriented anche nel campo della simulazione di sistemi manifatturieri.
Si è poi effettuato un confronto descrittivo con ARENA, software basato sul linguaggio SIMAN e su un approccio per processi alla simulazione mettendo in evidenza le peculiarità, nonché gli svantaggi e i vantaggi dei due software.
Nel secondo capitolo si è descritto il modello simulato per il confronto partendo dalla progettazione della linea FMS per la determinazione del numero di risorse, i tempi, i volumi della capacità produttiva e il resto dei dati necessari ai fini della simulazione.
Si è potuto quindi costruire il modello in SIMIO e si sono descritte tutte le fasi che hanno portato alla sua descrizione commentando ogni oggetto.
Il primo modello costruito è stato quello con i soli pallet che si muovono nel sistema, lo stesso modello è stato costruito in ARENA per poter effettuare un confronto.
Successivamente si sono costruiti in SIMIO anche i modelli dotati di buffers e navette (o AGV Automated Guided Vehicle) per testare le potenzialità del programma e anche di questi ultimi si sono effettuati i confronti sulla logica d’implementazione in ARENA.
Nell’ultimo capitolo vi è l’analisi numerica di tutti i modelli simulati cioè quello con i soli pallet, quello pallet + buffers e infine il modello con l’utilizzo anche degli AGV.
Sia in ARENA che in SIMIO si è effettuato un confronto statistico mettendo in evidenza le risposte dei due software.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Nello studio dei sistemi manifatturieri oggigiorno è di fondamentale importanza l’utilizzo di software simulativi del processo produttivo. In questo lavoro di tesi si è simulato un processo produttivo attraverso il software SIMIO e si sono valutati i risultati ottenuti effettuando un confronto con il più diffuso dei software simulativi, ARENA. Dopo un’introduzione sulla simulazione ad eventi discreti si è analizzato il software SIMIO basato su un approccio object-oriented e si è posto particolare attenzione sugli aspetti principali che lo caratterizzano come gli oggetti presenti e la gestione delle replicazioni. L’approccio object-oriented si è largamente sviluppato nei linguaggi di programmazione (il diffuso C++), ma non si è affermato nello sviluppo di software per la simulazione di sistemi produttivi. Simio è stato sviluppato per introdurre l’approccio object-oriented anche nel campo della simulazione di sistemi manifatturieri. Si è poi effettuato un confronto descrittivo con ARENA, software basato sul linguaggio SIMAN e su un approccio per processi alla simulazione mettendo in evidenza le peculiarità, nonché gli svantaggi e i vantaggi dei due software. Nel secondo capitolo si è descritto il modello simulato per il confronto partendo dalla progettazione della linea FMS per la determinazione del numero di risorse, i tempi , i volumi della capacità produttiva e il resto dei dati necessari ai fini della simulazione. Si è potuto quindi costruire il modello in SIMIO e si sono descritte tutte le fasi che hanno portato alla sua descrizione commentando ogni oggetto. Il primo modello costruito è stato quello con i soli pallet che si muovono nel sistema, lo stesso modello è stato costruito in ARENA per poter effettuare un confronto. Successivamente si sono costruiti in SIMIO anche i modelli dotati di buffers e navette(o AGV Automated Guided Vehicle) per testare le potenzialità del programma e anche di questi ultimi si sono effettuati i confronti sulla logica d’implementazione in ARENA.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Rocco Marrese Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 345 click dal 04/01/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.