Skip to content

La lingua del silenzio. Acquisizione e apprendimento dell'American Sign Language nel bambino sordo.

Informazioni tesi

  Autore: Angelica Silipo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: UNINT - Università degli Studi Internazionali di Roma
  Facoltà: Lingue per l'interpretariato e la traduzione
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Massimo Vizzaccaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 46

Questo elaborato si propone di fornire una panoramica generale sull’esperienza comunicativa e culturale vissuta da un bambino sordo che apprende e utilizza l’American Sign Language (ASL), la “Lingua Americana dei Segni”.
Una lingua dei segni nasce dall’interazione tra persone sorde all’interno di una stessa comunità ed è una lingua tridimensionale che fa riferimento ad uno spazio fisico dove vengono utilizzati segni linguistici visivi. A differenza delle lingue parlate, infatti, il senso coinvolto nella percezione di una lingua gestuale è la vista, non l’udito: è attraverso gli occhi che il cervello interpreta i segni ed elabora le informazioni linguistiche. La facoltà di linguaggio non è, quindi, unicamente legata alla parola e il suono non rappresenta l’unico elemento imprescindibile per una lingua.
L’esistenza di diverse comunità sorde sparse nel mondo implica l’assenza di una lingua dei segni universale, sottolineando così l’importanza di specificare il contesto geografico di appartenenza di una lingua gestuale. L’ASL si diffonde a partire dal XIX secolo negli Stati Uniti e in alcune regioni confinanti del Canada, in correlazione alla nascita di un’istruzione per sordi. Essa è linguisticamente generata dalla combinazione tra la lingua dei segni francese e ulteriori segni in uso presso la popolazione locale.
Il primo capitolo del mio lavoro presenta, nella prima parte, il concetto di “sordità” dal punto di vista clinico, seguito da un’illustrazione dei diversi metodi di istruzione adoperati negli Stati Uniti per l’educazione del bambino sordo. Tali metodi sono ispirati a filosofie e pratiche sviluppate da linguisti ed educatori nel corso della storia. In base all’entità del deficit subito corrisponde un determinato approccio didattico adatto alle esigenze del bambino. Nelle scuole americane sono adottati i modelli che prevedono la completa o parziale integrazione dei sordi con gli studenti udenti e comprendono di conseguenza terapie o attività mirate e supportate dall’utilizzo di attrezzature specifiche. L’ultima parte del capitolo fa luce, invece, sull’aspetto culturale, in particolare sulla distinzione tra il Sordo, con iniziale maiuscola, e il sordo, con iniziale minuscola. Tale distinzione è volta a sottolineare l’adesione del Sordo ad una specifica sub cultura che predilige l’ASL come unico codice di comunicazione, a differenza del sordo che, invece, per varie circostanze, utilizza la lingua parlata.
Il secondo capitolo è totalmente incentrato sull’American Sign Language, descrivendone il percorso storico e le analogie linguistiche con la lingua inglese. La struttura linguistica dell’ASL conferisce la stessa potenzialità espressiva della lingua inglese. Nonostante si parli di due lingue che sfruttano due canali totalmente differenti, l’inglese e l’ASL possono, infatti, essere messe a confronto: i segni, così come le parole, sono formati da piccole unità interscambiabili e da elementi strutturali che, come i fonemi, si manifestano simultaneamente nello spazio. In questa sezione dell’elaborato è quindi analizzato il livello sub-lessicale dell’ASL, analogo a quello fonemico della lingua parlata, evidenziando anche le analogie nell’espressione di significato.
Il terzo e ultimo capitolo si sofferma, infine, su una descrizione più dettagliata delle proprietà linguistiche dell’ASL. Ne descrive i parametri fondamentali e le caratteristiche uniche non presenti nella lingua inglese e generate dalla tridimensionalità della lingua dei segni. Questo permettere di creare varie combinazioni che coinvolgono diversi elementi, come la configurazione delle mani, la postura e le espressioni del volto.
In conclusione, questo lavoro illustra come l’American Sign Language fornisca una prospettiva del mondo originale che permette ai membri della comunità sorda di non arrendersi ai propri limiti e di fare esperienza di alcuni aspetti comunicativi e culturali che in passato non erano stati riconosciuti. Ha dato voce a coloro che non hanno la possibilità di sentire, aprendo un varco nel mondo udente e creando un nuovo mondo in cui i sordi possano ritrovarsi. L’ASL ha trasformato un handicap in un’identità culturale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Questo elaborato si propone di fornire una panoramica generale sull’esperienza comunicativa e culturale vissuta da un bambino sordo che apprende e utilizza l’American Sign Language (ASL), la “Lingua Americana dei Segni”. Una lingua dei segni nasce dall’interazione tra persone sorde all’interno di una stessa comunità ed è una lingua tridimensionale che fa riferimento ad uno spazio fisico dove vengono utilizzati segni linguistici visivi. A differenza delle lingue parlate, infatti, il senso coinvolto nella percezione di una lingua gestuale è la vista, non l’udito: è attraverso gli occhi che il cervello interpreta i segni ed elabora le informazioni linguistiche. La facoltà di linguaggio non è, quindi, unicamente legata alla parola e il suono non rappresenta l’unico elemento imprescindibile per una lingua. L’esistenza di diverse comunità sorde sparse nel mondo implica l’assenza di una lingua dei segni universale, sottolineando così l’importanza di specificare il contesto geografico di appartenenza di una lingua gestuale. L’ASL si diffonde a partire dal XIX secolo negli Stati Uniti e in alcune regioni confinanti del Canada, in correlazione alla nascita di un’istruzione per sordi. Essa è linguisticamente generata dalla combinazione tra la lingua dei segni francese e ulteriori segni in uso presso la popolazione locale. Il primo capitolo del mio lavoro presenta, nella prima parte, il concetto di “sordità” dal punto di vista clinico, seguito da un’illustrazione dei diversi metodi di istruzione adoperati negli Stati Uniti per l’educazione del bambino sordo. Tali metodi sono ispirati a filosofie e pratiche sviluppate da linguisti ed educatori nel corso della storia. In base all’entità del deficit subito corrisponde un determinato approccio didattico adatto alle esigenze del bambino. Nelle scuole americane sono adottati i modelli che prevedono la completa o parziale integrazione dei sordi con gli studenti udenti e comprendono di conseguenza terapie o attività mirate e supportate dall’utilizzo di attrezzature specifiche. L’ultima parte del capitolo fa luce, invece, sull’aspetto culturale, in particolare sulla distinzione tra il Sordo, con iniziale maiuscola, e il sordo, con iniziale minuscola. Tale distinzione è volta a sottolineare l’adesione del Sordo ad una specifica sub cultura che predilige l’ASL come unico codice di comunicazione, a differenza del sordo che, invece, per varie circostanze, utilizza la lingua parlata.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi