Skip to content

Hitler e la manipolazione delle masse: fotografia e rappresentazione nel culto della personalità

Informazioni tesi

  Autore: Diana Sganzerla
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Facoltà: Arti, Patrimoni e mercati
  Corso: Arti, Design e Spettacolo
  Relatore: Tommaso Casini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

Conoscere la storia e i movimenti culturali affermatisi in Germania durante i due secoli precedenti, è necessario per comprendere quali furono le radici grazie alle quali si affermò il Terzo Reich. Nel corso dell'Ottocento, vi furono diversi eventi storici di notevole importanza, quali le guerre napoleoniche e il processo di unificazione dell'Impero tedesco, che portarono allo sviluppo di un'ideologia nazional-patriottica.
Venne a concretizzarsi ciò che teorizzò Max Weber come potere carismatico e così sintetizzato da Ian Kershaw: esso poggia sulla dedizione «al carattere sacro o alla forza eroica» del leader, sulle qualità straordinarie che gli vengono attribuite, quali «forze e proprietà […] eccezionali». I «seguaci» vengono conquistati dal leader e il loro «riconoscimento è una dedizione di fede del tutto personale», ed è nutrito da grandi azioni, clamorosi successi e risultati eccezionali, che forniscono la «prova della qualità del leader».
Occorre quindi non limitarsi soltanto ad una conoscenza approfondita di Hitler come persona, ma focalizzare l'attenzione sulla sua immagine come Führer. La figura messianica del Führer sarebbe stata l'elemento centrale e indispensabile della sua propaganda […] plasmato con la stessa sistematicità dell'intero apparato del potere.
Durante il regime del Terzo Reich, ci fu una vera e propria proliferazione di immagini ritraenti il Führer, sia in vesti ufficiali durante i raduni del partito, eventi sociali e politici, sia all'interno della propria sfera privata. La propaganda nazista riconduceva ogni successo alla figura di Hitler, il quale veniva rappresentato quasi sempre in tenuta militare, ostentando grande sicurezza e fierezza. Ma dietro questa maschera superficiale, si nascondeva l'essenza di un uomo che necessitava un continuo elogio da parte del popolo per costruire e alimentare la propria personalità. Il culto della sua personalità era stato creato e coltivato dagli alti gerarchi nazisti al fine di generare una fede cieca nel “salvatore” della Germania ed elevarlo al rango di “semidio”.
"Noi vediamo in lui il simbolo dell'indistruttibile forza vitale della nazione tedesca, che in Adolf Hitler è diventata forma viva".
Così, il culto del Führer acquisiva una forma eroica e mistica.
La fotografia è stata senza dubbio uno degli strumenti maggiormente utilizzati dalla propaganda, ma quest'uso intensivo ha permesso, grazie al ritrovamento degli scatti considerati non idonei ai fini propagandistici, di conoscere anche la realtà e le diverse sfumature della personalità del Führer. Egli, infatti, era sempre accompagnato da due fotografi che avevano il compito di immortalare ogni istante delle sue apparizioni in pubblico e della sua sfera privata: Heinrich Hoffmann e Hugo Jäger.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Conoscere la storia e i movimenti culturali affermatisi in Germania durante i due secoli precedenti, è necessario per comprendere quali furono le radici grazie alle quali si affermò il Terzo Reich. Nel corso dell’Ottocento, vi furono diversi eventi storici di notevole importanza, quali le guerre napoleoniche e il processo di unificazione dell’Impero tedesco, che portarono allo sviluppo di un’ideologia nazional-patriottica. Questa ideologia concentrava tutta l’attenzione sull’aspirazione ad una rinnovata società tedesca, la quale potesse essere vera espressione dell’essenza della nazione, il Volk. Nei primi decenni del Novecento e in particolare durante la Repubblica di Weimar, dopo la Prima guerra mondiale, gli atteggiamenti nazional-patriottici avevano permeato l’intera destra tedesca, e il movimento nazista si propose come elemento catalizzatore delle diverse aspirazioni nazional-patriottiche di coloro che vedevano le proprie radici spirituali scalzate dall’industrializzazione e dall’atomizzazione dell’uomo moderno. 1 È dunque fondamentale interrogarsi su quali siano le basi storiche e culturali del nazionalsocialismo, di conseguenza anche del fondamento del culto della personalità in Germania, per riflettere sull'ascesa e la caduta di Hitler e come egli costruì la sua immagine incarnando l’essenza dell’identità tedesca. Venne a concretizzarsi ciò che teorizzò Max Weber come potere carismatico e così sintetizzato da Ian Kershaw 2 : esso poggia sulla dedizione «al carattere sacro o alla forza eroica» del leader, sulle qualità straordinarie che gli vengono attribuite, quali «forze e proprietà […] eccezionali». I «seguaci» vengono conquistati dal leader e il loro «riconoscimento è una dedizione di fede del tutto personale», ed è nutrito da grandi azioni, clamorosi successi e risultati eccezionali, che forniscono la «prova della qualità del leader». 3 1 Mosse G. L., Le origini culturali del Terzo Reich, Il Saggiatore, Milano, 2008 2 Kershaw I., Il mito di Hitler, Bollati Boringhieri, Torino, 1998, cit. p. 21 3 Weber M., Economia e Società, Donzelli, collana Biblioteca, 2005

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nazismo
fotografia
terzo reich
totalitarismo
hitler
propaganda
manipolazione delle masse
heinrich hoffmann
hugo jaeger
culto della personalità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi