Skip to content

Percezione del sé e costruzione di genere tra gli adolescenti. Un contributo di ricerca

Informazioni tesi

Autore: Irene Lisa Gargano
Tipo: Laurea liv.I
Anno: 2012-13
Università: Università degli Studi di Palermo
Facoltà: Psicologia
Corso: Scienze e tecniche psicologiche
Relatore: GabriellaD'Agostino
Lingua: Italiano
Num. pagine: 83

Negli ultimi cinquantanni, molti studi hanno proposto una visione dicotomica del femminile e del maschile da usare come concetto-guida per leggere e significare il mondo. Questa, generalmente, va ad influenzare anche il modo con cui le persone si manifestano e vivono nella società, compromettendone la liberà e, talvolta, il benessere. Tramite un'analisi dei principali approcci biologici e (inter)culturali è possibile riscontrare come il rapporto tra Natura e Cultura influenzi il modo "personale e sociale" di essere e di vivere. Questa ricerca esplora come la rappresentazione sociale dei generi sia rappresentata dai discorsi di adulti emergenti e come queste possano influenzare la costruzione del Self-Concept negli aolescenti. Più specificatamente, la presente ricerca qualitativa ha coinvolto 49 persone dai 16 ai 18 anni (25 femmine e 24 maschi), eslporando le loro esperienze e le loro opinioni riguardo aspetti ritenuti caratteristici del genere e la natura dei loro limiti. Infatti, sebbene i partecipanti manifestassero incisive riflessioni riguardo la natura sociale dei generi, i risultati mostrano come, nella maggiorparte dei casi, questa fosse considerata secondaria alla naturale predisposizione. Inoltre, i risultati hanno mostrato come l'interiorizzazione di aspettative sociali influenzi il loro comportamento. Sarebbe, dunque, opportuno promuovere un'educazione al genere in grado di coltivare il pensiero critico e creativo nella persona in formazione: questo, infatti, probabilmente sarebbe il modo più efficace di cambiare le aspettative sociali e le ripercussioni che queste hanno sulla vità del soggetto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Oggi, nel XXI secolo, si fa frequentemente riferimento a fattori pregnanti la quotidianità degli individui (e delle società in cui questi si riuniscono), quali la bramata parità dei sessi, ma, ancor prima, ai costrutti della Maschilità e della Femminilità (i cui articoli determinativi, usati al singolare, appaiono voler sottolineare l’assoluta unicità dei modelli): due mondi spesso dipinti, da un vasto numero di società e durante altalenanti momenti storici, come rappresentanti i due estremi di un continuum, che vede spesso il concepimento come unico (seppur fondamentale) punto di incontro (cfr. MacCormack, Strathern 1995). Questa visione del reale polarizzata sembra trarre le proprie fondamenta da un ipervalutato dimorfismo naturale, che diviene, quindi, il concetto-guida che condurrà il singolo nel percorso di lettura del mondo (sociale) esperito (facilitando, inoltre, un’ambiguità concettuale e ideologica che investe, spesso, i concetti di “genere” e “sesso biologico”). Tale visione viene, inoltre, ulteriormente supportata dalla diffusa tendenza a prendere le teorie deterministe come punto di riferimento: queste, infatti, sollecitano l’individuo a percepire le differenze colte durante un processo di raffronto tra l’uomo e la donna come necessariamente determinate da una predisposizione biologica, che difficilmente può esser mutata (cfr. Benoit-Browaeys, Vidal 2006). Quest’ultima spiega anche l’inclinazione a rilevare come atipiche e spaventose tutte quelle personalità che divergono (su diversi fronti) dai classici modelli predeterminati, che vengono così sottoposte a un processo, più o meno rigido, di degradazione (cfr. Rinaldi 2012). Tuttavia, nonostante permanga l’inclinazione a concepire come assiomi inconfutabili le verità scientifiche (non tenendo conto, dunque, dell’enorme influenza che l’uomo ha su di esse, né dell’enorme dinamismo che caratterizza le teorie scientifiche), si registra, oggi, una maggiore consapevolezza di quanto la società di riferimento vada ad influenzare la vita di un individuo comunque già predisposto biologicamente (cfr. Benoit-Browaeys, Vidal 2006): così, i maschi risulteranno naturalmente capaci di padroneggiare il mondo tecnico-scientifico, sicuri e meno inclini all’autocontrollo; le femmine, di contro, si riveleranno biologicamente predisposte a sviluppare le innate capacità e competenze umanistico-sociali, e maggiormente inclini a manifestare una più profonda attenzione rivolta al proprio “apparire”, tramite un più accurato vestiario e ornamento. Ma basta assumere una prospettiva transculturale per rendersi conto di quanto mutevoli

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi