Skip to content

Interdizione, amministrazione di sostegno e gestione d'impresa

Informazioni tesi

  Autore: Mirko Manzotti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università Politecnica delle Marche
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Management
  Relatore: Daniele Mantucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 200

Tutto parte da una domanda affatto banale che sorge nel momento in cui un imprenditore perde la sua capacità d’agire poiché interdetto o assoggettato ad amministrazione di sostegno: che sorte avrà l’impresa fino a quel momento gestita con tanta fatica?
Che accade se un socio di società di persone o di capitali, amministratore o non, perde la sua capacità d’agire? Cosa ne sarà della gestione o della quota societaria?
Rispondere a questa e ad altre domande è lo scopo di questo lavoro
Il tema della partecipazione di soggetti incapaci in impresa è argomento poco trattato dalla dottrina e dalla giurisprudenza. I principali contributi teorici si soffermano sul tema spesso in maniera sbrigativa, rinviando ad altri lavori o non approfondendo le varie ipotesi in cui l'incapace può trovarsi nell'ambito della vita aziendale.
Si vuole quindi fare chiarezza nell'articolato astrattismo tecnico e teorico che caratterizza la disciplina della partecipazione dell'interdetto e del beneficiario dell'amministrazione di sostegno ad un'impresa, esaminando le differenti posizioni dottrinali e giurisprudenziali, alla luce delle diverse ipotesi mosse di caso in caso.
La disciplina riguardante la partecipazione in impresa dell'interdetto è scarna e costituita da tre soli articoli: il 371, il 424 e il 2294 del c.c.
Al primo comma, numero 3, dell'art. 371 c.c. si riconosce al giudice tutelare, tra le altre cose, l'onere di pronunciarsi sulla continuazione dell'impresa che si trova nel patrimonio dell'interdetto e ne dispone le relative cautele e condizioni. Ai sensi del secondo comma, se il giudice ha stimato come evidentemente utile la continuazione dell'azienda, il tutore deve adire il tribunale ordinario affinché rilasci l'autorizzazione al continuo. A questo articolo rinvia anche il 2294 c.c. relativo alla partecipazione a società in nome collettivo dell'interdetto. Ciò non chiarisce a chi effettivamente sia trasferita la gestione.
È sempre il giudice tutelare che, in base alle valutazioni prescritte all’art. 371 c.c., vaglierà il novero di soggetti (familiari e non) a cui affidare la gestione; sempre che la continuazione dell’impresa tuteli l’incapace.
All'interdetto è invece preclusa la possibilità di costituire ex novo una impresa o una S.N.C., in quanto la valutazione effettuata ex art. 371 c.c. si basa su dati come la clientela, l'andamento storico degli utili, la struttura dell'indebitamento o la struttura patrimoniale dell'impresa che non si possono avere in relazione ad una impresa da costituire. L'investimento di capitali per iniziare una nuova impresa viene quindi considerato rischioso e lesivo della conservazione del patrimonio dell'interdetto, assunto dal legislatore come principio fondamentale della tutela di soggetti incapaci. Per le altre società di persone e di capitali varranno diverse considerazioni, graduate dalla minore rischiosità della partecipazione in tali forme societarie.
Per il beneficiario dell'amministrazione di sostegno la situazione è ancor meno chiara. Difatti nessun articolo dispone esplicitamente circa la continuazione dell'impresa.
La dottrina ne individua uno, uno solo, che dispone una disciplina, seppur, si può dire, “derivata”: l'art. 411 c.c., dove al quarto comma si dispone che taluni effetti, limitazioni o decadenze previste per l'interdetto e per l'inabilitato si estendano anche al beneficiario dell'amministrazione di sostegno.
In materia d'impresa il giudice tutelare può quindi estendere all'amministratore quanto è previsto per l'interdetto, ma anche quanto disposto per l'inabilitato.
Taluni sostengono che l'estensione possa risultare superflua, in quanto secondo le intenzioni del legislatore, il beneficiario è generalmente capace di agire. I limiti della sua capacità si possono riscontrare unicamente dalla lettura del decreto di nomina dell'amministratore di sostegno, così come emesso ex art. 405 c.c. o così come integrato successivamente ex art. 407 c.c., se si rende necessario determinare il destino dell'impresa.
Se al beneficiario è riconosciuta la capacità per continuare ad esercitare l'attività d'impresa, egli può continuare a gestirla direttamente senza problemi. Contrariamente non solo si avrà bisogno di ottenere l'autorizzazione al continuo tramite estensione dell'art. 371 c.c. ma la gestione potrà essere proseguita esclusivamente con l'assistenza o la rappresentanza dell'amministratore di sostegno, a seconda dell'incapacità del beneficiario.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La partecipazione di soggetti incapaci in impresa è argomento trattato dalla dottrina soprattutto nei manuali di volontaria giurisdizione e di diritto commerciale. I principali contributi teorici si soffermano sul tema spesso in maniera sbrigativa, rinviando ad altri lavori o non approfondendo le varie ipotesi in cui l’incapace può trovarsi nell’ambito della vita aziendale. Pochi sono i testi che discutono in modo ampio le implicazioni che una partecipazione in impresa, individuale o collettiva, comporta per l’incapace. Ancor meno sono le pronunce della giurisprudenza di legittimità e di merito sull’argomento. A questo si aggiunga una scarsa disciplina concretamente applicabile all’interdetto e al beneficiario dell’amministrazione di sostegno la quale si compone di pochi articoli, che riguardano principalmente la partecipazione ad un’impresa individuale preesiste o ad una società in nome collettivo. In tutti gli altri casi non espressamente disciplinati, si deve ricorrere allo strumento dell’interpretazione. Invero la dottrina non manca di opinioni in materia, che molto spesso sono contrastanti tra loro e non avvalorate da pronunce giurisprudenziali che ne diano autorevolezza. L’obbiettivo di questo lavoro è quindi fare chiarezza nell’articolato astrattismo tecnico e teorico che caratterizza la disciplina della partecipazione dell’interdetto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

interdizione
tutore
amministrazione di sostegno
interdetto
amministratore di sostegno
partecipazione di incapace
incapace
gestione d'impresa
imprenditore interdetto
art. 371

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi