Skip to content

La gestione della terapia antibiotica nell'ULSS 20 di Verona: valutazione dell'appropriatezza prescrittiva e proposta di un nuovo modello razionale e multidisciplinare di gestione.

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Rossi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Farmacia
  Corso: Farmacia
  Relatore: Maria Cecilia Giron
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 108

Recentemente, il problema dell’antibioticoresistenza è divenuto una questione di taratura globale, dovuto in larga parte all’uso sconsiderato e spesso inappropriato delle risorse antimicrobiche a disposizione per il trattamento delle infezioni. L’attenzione verso le Infezioni Correlate all’Assistenza (ICA), causate da microrganismi Gram-positivi e Gram-negativi, spesso resistenti al trattamento farmacologico, rappresenta un imperativo nell’assicurazione di un’assistenza terapeutica efficace. Negli ultimi anni, per i farmaci considerati di ultima linea nel trattamento delle infezioni ospedaliere, in particolare fluorochinoloni, piperacillina/tazobactam, carbapenemi, daptomicina, linezolid e tigeciclina, si sono registrati consumi in continuo aumento. L’obiettivo di questo studio è quello di caratterizzare le Unità Operative afferenti all’ULSS 20 di Verona che in misura maggiore si rendono responsabili di questo uso spesso di importante misura, e di valutare quindi, sulla base dell’analisi delle prescrizioni e dell’isolamento dei patogeni, l’appropriatezza del percorso di scelta terapeutica, in relazione al periodo 2014-2015. Dall’analisi è emerso che 2161 pazienti nei reparti considerati hanno ricevuto un trattamento antimicrobico di ultima linea nel 2014, e che di questi il 61% hanno ricevuto una terapia anti Gram- ed il restante 39% una terapia anti Gram+. Nel 2015 il numero di pazienti trattati è sceso a 1940, con una percentuale di distribuzione del tipo di terapia simile. Tra le terapie anti Gram+, il 55% nel 2014 ed il 48% nel 2015 dei pazienti ha ricevuto il trattamento in modo empirico, e di queste circa il 70% è risultato essere una terapia di prima scelta, e per le quali in meno della metà dei casi è stata richiesta la consulenza infettivologica. Per quanto riguarda la terapia farmacologica basata sul referto microbiologico, invece, nel 2014 l’appropriatezza prescrittiva è stata valutata totale nel 56.5% dei casi nel 2015 e nel 31% nel 2015, considerando però anche una buona percentuale di appropriatezza parziale. Per le terapie anti Gram-, circa il 90% dei pazienti in entrambi i periodi ha ricevuto il trattamento previo accertamento microbiologico. Di questi, la terapia è valutata come appropriata nel 52.83% dei casi nel 2014 e nel 44.5% nel 2015. Dei pazienti che hanno ricevuto una terapia empirica, invece, il trattamento è risultato di essere del 69% nel 2014 e del 91% nel 2015, mentre la consulenza infettivologica è stata richiesta in una percentuale bassissima dei casi, nel 16% e 12% rispettivamente. Complessivamente, quindi, è stata riscontrata una bassa tendenza alla consulenza infettivologica da parte dei medici nel momento dell’impostazione della scelta terapeutica, e una propensione alla scelta di medicinali di ultima linea senza prima aver richiesto un esame microbiologico utile alla corretta formulazione della diagnosi e della prescrizione, senza tra l’altro ricorrere a trattamenti di prima linea prima di iniziare una terapia definitiva. Dall’indagine epidemiologica è inoltre emersa la necessità per le strutture ospedaliere e residenziali dell’ULSS 20, ed in generale per ogni struttura assistenziale, di strutturare un proprio programma di gestione della terapia antimicrobica che sia comprensivo di ogni aspetto, dalla scelta terapeutica, al monitoraggio dell’epidemiologia delle infezioni, alla politica di igiene e profilassi delle malattie infettive, e che coinvolga ogni attore interessato alla questione, permettendo un passaggio di informazioni che possa essere utile per un buon esito clinico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 RIASSUNTO Recentemente, il problema dell’antibioticoresistenza è divenuto una questione di taratura globale, dovuto in larga parte all’uso sconsiderato e spesso inappropriato delle risorse antimicrobiche a disposizione per il trattamento delle infezioni. L’attenzione verso le Infezioni Correlate all’Assistenza (ICA), causate da microrganismi Gram-positivi e Gram-negativi, spesso resistenti al trattamento farmacologico, rappresenta un imperativo nell’assicurazione di un’assistenza terapeutica efficace. Negli ultimi anni, per i farmaci considerati di ultima linea nel trattamento delle infezioni ospedaliere, in particolare fluorochinoloni, piperacillina/tazobactam, carbapenemi, daptomicina, linezolid e tigeciclina, si sono registrati consumi in continuo aumento. L’obiettivo di questo studio è quello di caratterizzare le Unità Operative afferenti all’ULSS 20 di Verona che in misura maggiore si rendono responsabili di questo uso spesso di importante misura, e di valutare quindi, sulla base dell’analisi delle prescrizioni e dell’isolamento dei patogeni, l’appropriatezza del percorso di scelta terapeutica, in relazione al periodo 2014-2015. I dati relativi al consumo dei farmaci ad azione antibiotica per le unità di interesse rilevate (Geriatria, Medicina Generale, Unità di terapia Intensiva, Lungodegenza, Lungodegenza con sede a Marzana e Case di Riposo) sono stati ricavati dai sistemi di gestione aziendale; tutte le informazioni sulle generalità e caratteristiche dei pazienti, nonché delle prescrizioni per essi formulate, sono stati raccolti mediante consultazione delle Schede di Dimissione Ospedaliera e dei dati delle cartelle cliniche presenti nei sistemi di gestione dell’Ufficio di Prevenzione dell’Ospedale di San Bonifacio. A conferma dei dati forniti dagli stessi, sono stati presi in considerazione anche gli isolamenti effettuati dal laboratorio di microbiologia ed i relativi antibiogrammi. Nel 2014 i reparti più attivi nel consumo degli antibiotici si sono confermati quelli verso i quali la struttura ospedaliera aveva manifestato il suo interesse nell’effettuare l’indagine. I dati, espressi come DDD/100 giornate di degenza, hanno messo in luce che nel 2014 e nel 2015 sono state consumate, rispettivamente, 141.21 e 158.55 DDD nell’Unità di Terapia Intensiva, 64.22 e 61.76 DDD in Geriatria, 50.08 e 22.90 DDD in Lungodegenza, 14.71 e 21.53 DDD nella Lungodegenza di Marzana e 65.46 e 63.68 DDD nelle Case di Riposo. Di queste, circa il 90% della quantità totale è rappresentato dai farmaci antibiotici di seconda, terza e quarta linea per il trattamento delle infezioni, con picchi dal 96% al 99% in Geriatria e nella Lungodegenza. Una percentuale che va dal 45% al 91% di questi ultimi sono in realtà rappresentati dai soli farmaci di ultima linea, dimostrando una ricorrente tendenza a preferire tali farmaci rispetto a quelli di prima linea per il trattamento delle infezioni. La Medicina Generale, invece, si pone in totale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antibiotici
appropriatezza prescrittiva
antimicrobici
studio osservazionale
antimicrobial stewardship
terapia antibiotica
ultima linea
gestione terapia
farmacoepidemiologia
consumo farmaceutico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi