Skip to content

Conflitti familiari e giustizia civile

Informazioni tesi

  Autore: Tiziana Restifo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Laurea Magistrale in Giurisprudenza
  Relatore: Alberto Ronco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 310

“Ora il diritto è un fatto essenzialmente spirituale […] Un contratto, un delitto, un processo sono degli uomini uno di fronte all'altro. Vuol dire che bisogna capire quegli uomini per capire il diritto. Ma questa è materia ribelle […]” (CARNELUTTI).
In termini poetici il maestro ha espresso una convinzione che mi accompagna fin dall'inizio dei miei studi giuridici, cioè che il diritto sia una scienza umanistica, la cui comprensione ed efficace applicazione richiede una profonda conoscenza dell’animo umano e che, pertanto, debba essere accompagnato dall'approfondimento di altri rami del sapere.
In particolare, le tematiche inerenti il diritto familiare necessitano di una certa dimestichezza con discipline diverse quali la sociologia, la psicologia e le scienze educative.
In quest’ottica ho provato ad avvicinarmi ai temi che affronto nella mia tesi.
Oggetto primario del mio studio sono i rimedi processuali esistenti nell'ordinamento giuridico italiano in occasione di conflitti che nascono all'interno di una relazione di coppia che secondo il senso comune preminente nella nostra società si definisca «famiglia».
Nel primo capitolo descrivo l’evoluzione della nozione «famiglia» sin dall'epoca fascista, periodo a cui risale la codificazione sia sostanziale che processuale, da un punto di vista sociologico, politico e giuridico; approfondisco l’influenza della cultura e del diritto comunitari, l’evoluzione della categoria dei diritti soggettivi in diritti relazionali, (la teoria dei diritti relazionali afferma la stretta connessione delle posizioni giuridiche attribuibili a soggetti che sono legati tra loro da relazioni personali, la cui soddisfazione dipende dalla capacità di individuare soluzioni che realizzino vantaggi per tutti) e l’irrazionalità del sistema di distribuzione delle competenze in materia familiare tra i diversi organi giurisdizionali, alla luce della legge 10 dicembre 2012, n. 219, in vigore dal 1° gennaio 2013.
Il secondo capitolo è più tecnico, in quanto vi analizzo le forme processuali alle quali si può ricorrere nel caso di crisi del rapporto di coppia la quale comporti la nullità o lo scioglimento del matrimonio, oppure la separazione personale dei coniugi. Merita particolare attenzione la posizione dei figli minori, i quali sono spesso i soggetti maggiormente sofferenti.
Nel terzo capitolo propongo una modalità alternativa di risoluzione delle controversie in materia familiare, la quale, a mio avviso, appare maggiormente idonea a realizzare gli interessi delle persone nelle relazioni familiari, così come individuati nel primo capitolo. Si tratta della mediazione familiare, che rientra nel catalogo delle Alternative Dispute Resolution (ADR), un modello, sviluppatosi soprattutto nei paesi di common law, che accoglie in sé quegli istituti che nella ricerca di una soluzione al caso concreto non si basano sulla contrapposizione tra i soggetti, bensì su una loro collaborazione.
Nell'ultimo capitolo pongo l’attenzione sul giudice, figura centrale nella fase conflittuale di una famiglia, sia che si opti per un procedimento contenzioso, quali quelli analizzati nel secondo capitolo, sia che si scelga di percorrere il cammino della mediazione familiare, ciò perché rappresenta il garante delle posizioni di ogni membro di un nucleo familiare, soprattutto dei più deboli.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE “Ora il diritto è un fatto essenzialmente spirituale […]. Un contratto, un delitto, un processo sono degli uomini uno di fronte all’altro. Vuol dire che bisogna capire quegli uomini per capire il diritto. Ma questa è materia ribelle […] 1 ” In termini poetici il maestro ha espresso una convinzione che mi accompagna fin dall’inizio dei miei studi giuridici, cioè che il diritto sia una scienza umanistica, la cui comprensione ed efficace applicazione richiede una profonda conoscenza dell’animo umano e che, pertanto, debba essere accompagnato dall’approfondimento di altri rami del sapere. In particolare, le tematiche inerenti il diritto familiare necessitano una certa dimestichezza con discipline diverse quali la sociologia, la psicologia e le scienze educative. La multidisciplinarietà costituisce un elemento essenziale in un epoca, quale la nostra, in cui, per certi versi, è venuta meno una «lingua comune», nel senso di “uno strumento per intendersi e porsi in relazione – per ragionare di educazione, di personalità, di maturazione, di inserimento sociale, di colpevolezza, di pena” 2 . In quest’ottica ho provato ad avvicinarmi ai temi che affronto nella mia tesi. 1 CARNELUTTI, Matematica e diritto, in ID, Discorsi intorno al diritto, II, Padova, 1953, 229. 2 ZATTI, Le icone linguistiche: discrezionalità interpretative e garanzia procedimentale, in Nuova giur. civ. comm., 2004, n. 35, 1 e segg. L’Autore ritiene che avverso lo svuotamento di simboli, che il legislatore consapevolmente assume, attraverso l’utilizzo di formule normative prive di significato, in quanto non più appartenenti ad una cultura condivisa, quali, ad esempio, «pregiudizio», «interesse del minore», «ordine delle famiglie» ed anche, «educazione» e «personalità»: “il giurista, il giudice, l’operatore possono essere attratti da un’operazione di modernità: se la società non offre certezze, se il diritto ne asseconda la svuotamento simbolico, esiste però la scienza, esiste la medicina, esiste la psicologia, esiste la sociologia; troveremo là i simboli e i significati che ci occorrono”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

minori
famiglia
diritto processuale
mediazione familiare
conflitto
adr
diritti relazionali
tribunale della famiglia
diritti comunitari
relazioni personali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi