Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Banda Palombaro nella Resistenza Abruzzese

Si ripercorre la storia della Banda Palombaro, banda partigiana abruzzese nata nelle ore immediatamente successive all'8 settembre 1943 ed operante in particolar modo nella zona del chietino. Dopo un'approfondita analisi dei primi anni di guerra e delle condizioni di vita nel 1943, in Italia e in Abruzzo, si passa ad analizzare la storia della banda e dei suoi componenti, fino alla loro tragica fine. Particolare attenzione è rivolta al componente Nicola Cavorso, con interviste finali di parenti e conoscenti tratte da varie pubblicazioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
La Banda Palombaro nella Resistenza abruzzese 1 Introduzione Questo lavoro può esser diviso in tre parti, l’una fondamentale per comprendere l’altra. Si inizia da un anno chiave per il nostro paese, il 1943, assunto a punto di partenza perché proprio allora il clima di consenso intorno al regime e al duce iniziò a incrinarsi. Nel primo capitolo cerco di ricostruire la situazione generale, soffermandomi inoltre sulle condizioni di vita della popolazione; di notevole aiuto a tale scopo il libro di Petacco, che analizza mese per mese l’andamento del conflitto, la situazione economica e le crescenti difficoltà del paese. Questo malcontento via via sempre più forte culminò nel colpo di stato dei gerarchi del 25 luglio del 1943: una destituzione che partì all’interno del regime stesso, ma che traeva forza dalle crepe sempre più evidenti, da un’insoddisfazione che andava dilagando. L ’arresto di Mussolini e l’armistizio dell’8 settembre furono date fondamentali per il nostro paese. Un regime che fino a quel momento sembrava incrollabile si sgretolò con una semplice votazione: nel giro di poche ore il paese intero volle rimuovere persino dalla propria memoria Mussolini e il ventennio precedente. Utilizzando varie fonti, italiane e straniere, ho voluto mostrare la capacità tutta italiana di rinnegare il proprio trascorso, facendo finta che esso non sia mai esistito (emblematica la corsa alla distruzione dei simboli stessi del regime, cui non di rado parteciparono gli stessi fascisti). Come avrò modo di spiegare, una mancata consapevole

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere

Autore: Maria Carla Di Giovacchino Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 170 click dal 24/01/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.