Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il bilancio economico delle Aziende Sanitarie Locali

Il Bilancio economico patrimoniale delle Aziende Sanitarie Locali, Aziende Ospedaliere e Policlinici nei suoi aspetti economici e contabili a carattere generale e focalizzando il caso di una Azienda Sanitaria Locale esistente in Campania.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I IL PRINCIPIO DI AZIENDALIZZAZIONE DELLE AZIENDE SANITARIE LOCALI E AZIENDE OSPEDALIERE INTRODUZIONE La lievitazione della spesa sanitaria è stata la molla che ha fatto scattare tutti i meccanismi per cercare di riformare e riordinare la sanità; la spesa era infatti in tutti i paesi europei ed extraeuropei in forte lievitazione e con percentuali di incidenza sul P.I.L. (Prodotto interno lordo) 1 molto elevate, per cui sono scattati i meccanismi per controllarla. 1 Nel 1991 la spesa corrente è stata di 111.866 Mld. – fra il 1981 e il 1992 la sua incidenza sul P.I.L. è passata dal 5,2 al 6,4%. Con la legge 111/91 – G.U. 135/90 il legislatore ha posto in amministrazione straordinaria le USL concentrando tutti i poteri nell’amministratore straordinario manager che avrebbe dovuto consentire il passaggio da una gestione politica ad una caratterizzazione di competenze di carattere tecnico. Successivamente ha affiancato a tali misure di tipo organizzativo vincoli di tipo finanziario e programmatorio attraverso la legge finanziaria del 1992. L. n.412/91 – G.U. n.305/91 che ha configurato un sistema teso al mantenimento di un equilibrio tra le risorse messe a disposizione e le prestazioni che debbono essere erogate. In ultimo ha attuato l’atteso riordino con il Dlg. 502/92 – 517/93 che hanno introdotto profonde trasformazioni nell’assetto organizzativo del S.S.N., pur mantenendone inalterati i principi ispiratori (programmazione ed unità di intervento; privilegio della presunzione rispetto alla cura; partecipazione responsabile degli operatori e degli utenti alla realizzazione dei programmi; gestione accorta delle risorse finanziarie con particolare riferimento ai costi – benefici).

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Caterina De Rosa Contatta »

Composta da 244 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6373 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.