Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Concordia'': un naufragio mediatico

Un viaggio attraverso la narrazione mediatica del naufragio della "Costa Concordia": dalle cronache dell'incidente alle prose metaforiche con cui i mezzi di informazione hanno raccontato i fatti.

Nella Parte Prima la rassegna stampa dell'immediato post naufragio, in cui è già possibile delineare quei filoni narrativi che accompagneranno per anni le cronache dell'universo Concordia: la spettacolarizzazione dell'evento, il processo mediatico, l'antitesi eroe/antieroe, gli stereotipi sull'Italia e gli italiani.

Da qui i cliché e i pregiudizi con cui i giornali nostrani e la stampa estera "nazionalizzano" i rispettivi editoriali: di questo si parla nella Parte Seconda.

La Parte Terza racconta invece tutti i miti e le metafore che hanno intriso la prosa del naufragio: dalla spiegazione antropologica dell'"inchino" ai parallelismi con il Titanic, passando per un altro mito che mai pare davvero in discussione, quello del progresso e della tecnologia, intesi come processi naturali ed inevitabili.

Infine, la Parte Quarta analizza le ricadute del tam tam mediatico e dell’equazione Concordia uguale turismo e lavoro sul territorio del ponente genovese, già dilaniato, nel nome di sviluppo e progresso, da inquinamento e cemento.

Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione La Costa Concordia è stata costruita a Genova, da Fincantieri. È stata chiamata così per evocare pace tra le nazioni europee: lunga trecento metri, poteva ospitare quattromila persone tra equipaggio e passeggeri, con millecinquecento cabine, quattro piscine, cinque ristoranti, tredici bar, un teatro, una discoteca, sale giochi e aree sport. È stata varata nel 2005 ed è naufragata a gennaio 2012, nella notte tra venerdì 13 e sabato 14. Era partita da Civitavecchia, diretta a Marsiglia, Barcellona, Palma di Maiorca, Cagliari e Palermo. Quella sera ha deviato verso il Giglio per avvicinarsi il più possibile alla costa. Alle 21,45 la nave ha sbattuto contro uno scoglio, a duecento metri da riva. L’impatto ha aperto nello scafo uno squarcio di settanta metri. Dopo l’urto la Concordia è andata in black out ed ha proseguito per inerzia verso il largo fino alle rocce della Gabbianara, dove si è rigirata su sé stessa scarrocciando verso riva. Prima si è piegata di circa venti gradi sul lato di dritta, poi si è ribaltata completamente. Sono morte trentadue persone. Il comandante Francesco Schettino è stato subito accusato di aver abbandonato la nave prima di aver messo in salvo i passeggeri. Dal processo di Grosseto è emerso che la Concordia aveva preso il largo per la crociera mediterranea con la scatola nera e un radar che non funzionavano a dovere. Dopo l’impatto alcune porte stagne non hanno isolato l’acqua che entrava dalla falla. Il generatore d’emergenza che avrebbe dovuto entrare in funzione e garantire l’alimentazione di tutti i sistemi, anche quelli di sicurezza e preposti al salvataggio delle persone, non ha funzionato. Schettino, licenziato dalla compagnia genovese, è rimasto l’unico imputato per omicidio colposo, abbandono della nave e disastro ambientale. Nel febbraio 2015 è stato condannato a sedici anni. Gli altri imputati – il timoniere, i tre ufficiali in plancia di comando e Roberto Ferrarini, capo dell’unità di crisi della Costa – hanno patteggiato, così come la stessa azienda. Nel settembre 2013 è iniziata la rimozione del relitto dalla riva dell’isola toscana, che nel frattempo aveva attirato curiosi e giornalisti da tutto il mondo. Mentre i turisti fotografavano e gli ingegneri lavoravano per far rigalleggiare la Concordia, Piombino e Genova si contendevano lo smantellamento del relitto. Nell’estate 2014 il governo ha deciso per Genova e la nave è stata trascinata per quattro giorni fino al porto di Pra’-Voltri. Dallo scorso maggio quel che resta della Costa Concordia si trova nel bacino dei cantieri navali di Genova. Quello della Concordia è stato il più grave disastro della marineria italiana dopo l’affondamento dell’Andrea Doria e l’incendio del traghetto Moby Prince. Inevitabile quindi che, dalle prime ore dopo il naufragio, i media internazionali abbiano scandagliato l’intero “universo” Concordia. La Parte prima del presente lavoro è una semplice rassegna: già dai primissimi giorni post naufragio ha iniziato a trovare spazio sui mezzi di informazione la prosa che

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luca Mereu Contatta »

Composta da 217 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 523 click dal 02/02/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.