Skip to content

Infermiere di Terapia Intensiva e competenze avanzate: strategie di prevenzione ed intervento nelle Healthcare - Associated Infection (HAI) da microrganismi multiresistenti (MDRO)

Informazioni tesi

  Autore: Maria Midiri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Dipartimento di Medicina Sperimentale
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Fabrizio Armando Ferilli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 106

L'ospedale è il posto dove si verificano le complicanze più serie dell'assistenza sanitaria, cioè le infezioni nosocomiali. I microrganismi, proprio qui, trovano le condizioni migliori per crescere e moltiplicarsi e per sviluppare delle resistenze che, nei casi peggiori si sommano fino a portare alla selezione di superbug, cioè di microrganismi multiresistenti.
Negli ultimi anni, a seguito dei profondi mutamenti ai quali l'assistenza sanitaria è andata incontro, con l'erogazione di servizi sempre più distribuita sul territorio ed al domicilio del paziente, non si parla più semplicemente di "infezioni nosocomiali" ma di "infezioni associate all'assistenza".
Queste infezioni possono essere sostenute da qualsiasi microrganismo o anche da più microrganismi contemporaneamente.
La Terapia Intensiva è, per sua stessa natura, il luogo queste infezioni si verificano con maggiore frequenza: innanzitutto perché si ha a che fare con un paziente critico che, quindi, necessita di un sostegno spesso "invasivo" e di un monitoraggio cruento delle funzioni vitali. E poi perché, il costante utilizzo di molecole antibiotiche ad ampio spettro porta ad una pressione selettiva sui microrganismi che divengono resistenti a tali sostanze.
Il CDC di Atlanta, nel 1999, ha individuato delle precauzioni che devono essere prese sempre per qualsiasi tipo di paziente, definite "standard" e precauzioni per "meccanismo di trasmissione" , specifiche per il microrganismo trattato.
Inoltre sono stati ideati dei "bundle assistenziali", cioè dei veri e propri pacchetti di indicazioni e raccomandazioni per la corretta gestione di eventi infettivi. Quelli maggiormente utilizzati nelle Unità di Terapia Intensiva riguardano le infezioni correlate a catetere venoso centrale, la sepsi, la polmonite associata a ventilazione meccanica e le infezioni del sito chirurgico.
Prevenzione ed intervento, nelle infezioni associate all'assistenza, sono azioni che devono essere intraprese da tutti i membri dell'équipe assistenziale, per cui la collaborazione e l'acquiescienza alle pratiche di prevenzione assumono fondamentale importanza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione L’evoluzione della medicina e dell’organizzazione sanitaria stanno portando verso un modello di assistenza per intensità di cure, dove efficacia ed efficienza sono imprescindibili per avere prestazioni ottimali e migliorare gli outcome dei pazienti che, per diversi motivi, hanno aspettative, nei confronti degli operatori sanitari, decisamente elevate. In quest’ottica il problema della prevenzione e gestione dei rischi legati all’assistenza assume un carattere prioritario: le infezioni correlate all’assistenza (HAI) sono un problema che investe, a livello globale, tutte le organizzazioni sanitarie, incidendo pesantemente in termini di costi e prestazioni ma, soprattutto, in termini di mortalità. Per cui per avere un sistema che sia efficiente e che garantisca alla popolazione il livello di sicurezza delle cure che si aspetta di ricevere è necessario affrontare questo problema per capirne le cause e per progettare una strategia di intervento che sia la più condivisa possibile. In questa trattazione, è stata presa in esame la realtà della Terapia Intensiva perché è proprio in questa Unità Operativa che si ha il rischio maggiore di contrarre una infezione nosocomiale. È stato dato risalto alla figura dell’infermiere di Terapia Intensiva, in quanto, mentre ancora si discute sulla formazione post – base e sulla figura degli “infermieri specialisti”, quelli della UTI hanno già, per forza di cose, dovuto acquisire delle competenze avanzate, non richieste ai colleghi degli altri reparti: malattie infettive, emodinamica, dialisi, perfusione. Sono state consultate diverse fonti, Linee Guida internazionali, siti specialistici nazionali ed esteri, protocolli operativi aziendali provenienti da diverse regioni per operare una analisi sullo stato dell’arte e sulle diverse strategie di intervento ad oggi disponibili.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

prevenzione
infermieristica
nursing
terapia intensiva
infezioni correlate all'assistenza
superbug
igiene delle mani
healthcare associated infection
cdc linee guida
rischio clinico biologico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi