Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Controcultura Hippie di metà anni Sessanta e i Valori Post-Materialisti

La società prima, durante e dopo gli anni Sessanta. Un movimento, quello Hippie, inizialmente indipendente, spensierato e con valori che sarebbero diventati basilari per le successive generazioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1: Contesto storico-sociale Dire che il movimento hippie è nato a metà anni Sessanta in America è alquanto riduttivo e tenderebbe a escludere innanzitutto ciò che il movimento e la sua filosofia realmente incarnava e, sopratutto, porterebbe a non considerare i fattori che hanno contribuito al suo sviluppo e le correnti a cui il movimento si è ispirato. Per descrivere, dunque, questo movimento dobbiamo volgere il nostro sguardo al periodo precedente, poiché sarà fondamentale per un'indagine che permetta di osservare dall'esterno il movimento controculturale da più punti di vista e di analizzare tutte le realtà che si svilupperanno negli anni Cinquanta nell'America del benessere e che prenderanno le distanze da ciò che i media presenteranno come unico modello sociale. L'America degli anni '50 è una nazione che, nonostante fosse uscita vittoriosa dalla Seconda Guerra Mondale, non ha evitato di utilizzare l'arma atomica contro il Giappone per dimostrare al mondo la sua posizione di superpotenza. Il nucleare e il terrore di una guerra atomica con l'Unione Sovietica saranno le costanti della politica statunitense per gli anni a seguire (fino ai giorni nostri sussiste il problema della riduzione degli armamenti nonostante la Guerra Fredda sia terminata), al fine di costruire una pace apparente, sempre in bilico sul fronte internazionale e sul fronte interno, nonché per tenere unito il popolo americano contro il nuovo nemico da combattere e sconfiggere. Sono gli anni in cui viene attuata la cosiddetta “Dottrina Truman”, ossia la dichiarazione del Presidente Truman nel 1947, secondo la quale l'America sarebbe intervenuta in aiuto a tutti quei paesi che sarebbero stati vittime di attacchi, interni o esterni, alla loro sovranità. Con questa dottrina, l'America affermerà il suo ruolo in ciò che sarà chiamata “Guerra Fredda”. Una guerra, quella combattuta dal blocco occidentale contro il blocco socialista, che viene definita “fredda” perché, in realtà, i due blocchi non arriveranno mai a uno   5

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Andrea Alfarano Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 203 click dal 06/03/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.