Skip to content

Il mercato del lavoro italiano tra modernizzazione e crisi. Il caso della Sardegna

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Serra
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze dell'Amministrazione
  Relatore: Maria Letizia Pruna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 117

Il mercato del lavoro italiano ha subito negli ultimi decenni profonde trasformazioni, alcune dovute all'evoluzione del sistema economico e finanziario, altre prodotte da interventi di politica del lavoro volti a modernizzarne il funzionamento, altre invece sollecitate dalle strategie europee per l'occupazione. Tutte le recenti riforme, a partire dalle fine degli anni „80, hanno puntato sul paradigma della flessibilità. Dal momento che secondo uno studio OCSE del 1996 l'Italia aveva un elevato indice EPL, che misura il regime di protezione sul lavoro, si è puntato alla sua riduzione, perché secondo le teorie economiche dominanti un mercato del lavoro poco flessibile, quindi con una bassa possibilità o un elevato costo di licenziamento, produce disoccupazione e provoca crisi economiche, in quanto non rende libere le imprese di avviare nuovi investimenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il mercato del lavoro italiano ha subito negli ultimi decenni profonde trasformazioni, alcune dovute all‟evoluzione del sistema economico e finanziario, altre prodotte da interventi di politica del lavoro volti a modernizzarne il funzionamento, altre invece sollecitate dalle strategie europee per l‟occupazione. Tutte le recenti riforme, a partire dalle fine degli anni „80, hanno puntato sul paradigma della flessibilità. Dal momento che secondo uno studio OCSE del 1996 l‟Italia aveva un elevato indice EPL 1 , che misura il regime di protezione sul lavoro, si è puntato alla sua riduzione, perché secondo le teorie economiche dominanti un mercato del lavoro poco flessibile, quindi con una bassa possibilità o un elevato costo di licenziamento, produce disoccupazione e provoca crisi economiche, in quanto non rende libere le imprese di avviare nuovi investimenti. 2 Come analizzeremo nel primo capitolo, la prima normativa applicata in Italia che ha aumentato il grado di flessibilità, è stata quella riguardante l‟introduzione del contratto di formazione e lavoro; si trattava di una misura rivolta ai giovani, in via sperimentale, che dava da una parte la possibilità al datore di lavoro di disporre di forza lavoro con un costo minore, e quindi risparmiare anche sulla formazione dei lavoratori, dal momento che si trattava di un contratto con regime contributivo agevolato; e d‟altra parte agevolava i giovani in cerca di prima occupazione, che al contempo concludevano il percorso formativo, di introdursi nel mondo del lavoro. Successivamente, nel 1997, vedremo l‟introduzione del “Pacchetto Treu”, un insieme di misure per la riforma del mercato del lavoro, il cui nome deriva dal ministro proponente, ed introdurrà per la prima volta il “Lavoro in affitto o somministrato”. Si tratta di un tipo di contratto fortemente flessibile, che come vedremo vede la presenza di tre soggetti nel rapporto di lavoro, nonché un alto grado di flessibilità nella gestione della forza lavoro. Infine, nel 2003, troviamo l‟improprio nome della “Riforma Biagi”, che introdurrà una profonda diversificazione delle forme di lavoro atipiche, apportando un aumento del grado di flessibilità al nostro mercato del lavoro, allineandolo agli altri sistemi europei. Vedremo quindi come queste riforme abbiamo, nel dettaglio, modificato il nostro sistema contrattuale all‟interno del mercato del lavoro, e studieremo quali conseguenze sociali ed economiche abbiano comportato. Nel secondo paragrafo, verrà fatta un‟analisi sulla prima grande trasformazione: l‟accresciuta partecipazione delle donne al mercato del lavoro. Evidenzieremo infatti i tassi di occupazione, con particolare attenzione ai modelli d‟istruzione che mostrano la presenza di disuguaglianze di genere. Svolgeremo anche una comparazione, non solo tra i principali paesi europei, ma anche tra il Nord e il 1 Indice OCSE EPL(Employment Protection Legislation): si tratta dell‟insieme di regole e procedure che disciplinano la possibilità di assumere e licenziare lavoratori nel settore privato. 2 Gallino L., (2007), Il lavoro non è una merce. Contro la flessibilità, Bari, Laterza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mercato del lavoro
crisi
disoccupazione
occupazione
voucher
disoccupazione giovanile
poletti
renzi
jobs act
contratto a tutele crescenti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi